Aprile 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La polizia osserva, rimanendo inattiva: i coraggiosi russi continuano a visitare la tomba di Navalny

La polizia osserva, rimanendo inattiva: i coraggiosi russi continuano a visitare la tomba di Navalny

La polizia osserva, rimanendo inattiva
I coraggiosi russi continuano a visitare la tomba di Navalny

Ascolta il materiale

Questa versione audio è stata creata artificialmente. Maggiori informazioni | Invia la tua opinione

Il corteo funebre di Navalny venerdì è stato sorprendentemente numeroso. Ma la gente si reca sulla tomba dell'attivista dell'opposizione anche nei fine settimana, per piangere e deporre fiori. Le forze di sicurezza sono sempre sul posto, ma non interferiscono.

Dopo il funerale del critico del Cremlino Alexei Navalny, morto in un campo di concentramento, la gente ha continuato a salutarlo sulla sua tomba nel cimitero Borisovskoe di Mosca durante il fine settimana, nonostante la presenza della polizia. La polizia in uniforme e il personale della Guardia Nazionale, così come il personale del cimitero, hanno permesso alle persone in lutto di rimanere senza ostacoli sulla tomba e di deporre fiori.

Sono venuti molti giovani e anziani. Coppie che si sostenevano a vicenda e intere famiglie con bambini venivano a deporre fiori sulla tomba situata proprio all'ingresso. Molte persone piangevano e si abbracciavano.

Un cartello di cartone diceva: “Gli eroi non muoiono mai. Alexei, grazie!” Sulla tomba c'erano anche molte ghirlande, alcune delle quali erano giocattoli per bambini. Una croce ortodossa russa con l'immagine di un sorridente Alexei Navalny è emersa dal mare di fiori. Sabato anche sua madre e sua suocera erano di nuovo sulla tomba del 47enne. Secondo le autorità, l'avversario del leader del Cremlino, Vladimir Putin, è morto il 16 febbraio in un campo di concentramento nella regione artica.

La squadra di Navalny non vuole arrendersi

La squadra di Navalny ha ringraziato le persone coraggiose. Dopo il funerale i suoi collaboratori hanno sottolineato ancora una volta che la lotta dell'opposizione, fuggita all'estero, contro la corruzione e l'apparato di potere di Putin continuerà. L'eredità di Navalny vivrà “finché ci saranno milioni di persone in Russia e nel mondo a cui non importa di lui. Ecco perché non dobbiamo arrenderci”.

Il giorno del funerale di Navalny, si sono svolti eventi di lutto in tutto il Paese e decine di persone sono state arrestate. Il portale per i diritti civili ovd.info ha riferito domenica mattina che il numero degli arresti ha raggiunto le 105 persone, distribuite in 22 città, tra cui circa 20 persone nella sola Novosibirsk.

A Mosca, migliaia di persone si sono radunate venerdì nella chiesa e nel cimitero per partecipare alla cerimonia funebre. Molti hanno cantato “Putin è un assassino!” E “Russia senza Putin”. Parenti, sostenitori e attivisti per i diritti umani accusano Putin di aver ucciso il suo rivale in un campo di prigionia.

Le circostanze della morte di Navalny rimangono poco chiare. Si dice che il politico, indebolito da un attacco di avvelenamento nel 2020 e dal ripetuto isolamento nel campo, sia collassato durante un giro nel cortile ghiacciato della prigione ed sia morto nonostante i tentativi di rianimarlo. Secondo la squadra di Navalny, il certificato di morte indica presunte cause “naturali”.