Gennaio 23, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

‘La pace non è a nessun prezzo’: la Russia minaccia l’esercito americano a Cuba

“Nessuna pace ad ogni costo”
La Russia minaccia gli Stati Uniti con l’esercito a Cuba

“La Russia è un Paese amante della pace, ma…” ha affermato il rappresentante di Mosca ai colloqui dell’OSCE sul conflitto in Ucraina. Tuttavia, i negoziati potrebbero svanire e il Cremlino minaccia un’azione militare a Cuba e in Venezuela. Il ministro degli Esteri federale Barbock conta su “pazienza e perseveranza”.

Se i colloqui sulle garanzie di sicurezza vincolanti per Mosca falliscono, la Russia non esclude lo stazionamento del suo esercito a Cuba e in Venezuela. “Non voglio confermare o escludere nulla”, ha detto il viceministro degli Esteri russo Sergei Ryabkov quando gli è stato chiesto questo su RTVI. “Tutto dipende dalle azioni dei nostri colleghi americani”.

La presenza militare statunitense in Europa minaccia la sicurezza della Russia. Di recente, il presidente Vladimir Putin ha sollevato la questione di come avrebbe reagito Washington se l’esercito russo fosse stato di stanza vicino al confine con gli Stati Uniti.

Mercoledì, i rappresentanti di 30 paesi della NATO e della Russia hanno tenuto colloqui per la prima volta in due anni e mezzo sul conflitto in Ucraina e sulle garanzie di sicurezza. Quella mattina si sono svolti colloqui anche presso l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE). Il rappresentante permanente della Russia presso l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa Alexander Lukashevich ha affermato durante l’incontro che il rinvio dei negoziati potrebbe portare a “un inevitabile deterioramento della situazione della sicurezza di tutti i paesi, senza eccezioni”. “La Russia è un paese amante della pace. Ma non abbiamo bisogno di pace a tutti i costi”.

Lunedì si è tenuta a Ginevra una riunione ad alto livello dei rappresentanti di Russia e Stati Uniti. La Russia vede la propria sicurezza minacciata dai progressi della NATO e chiede pertanto la fine dell’espansione della NATO verso est e, in particolare, la rinuncia all’accettazione da parte dell’Ucraina. Da una prospettiva occidentale, gli schieramenti di truppe russe rappresentano una minaccia per l’Ucraina e, secondo l’intelligence, l’obiettivo principale è aumentare i timori di un’invasione russa dell’Ucraina per persuadere la NATO a fare concessioni.

“Tanta pazienza e perseveranza”

Mosca è rimasta delusa dai negoziati. Secondo Interfax, Ryabkov ha affermato che al momento non ci sono nuovi colloqui con gli Stati Uniti. Il ministro degli Esteri Sergei Lavrov ha parlato di un “pericoloso confronto sulla scena mondiale” e ha accusato l’Occidente di “arroganza”. I prossimi passi della Russia dipenderanno dalla risposta dell’Occidente alle proposte di Mosca. “Lo aspetteremo e poi capiremo i nostri prossimi passi”.

Intanto il ministro degli Esteri tedesco Annalena Barbock, pur non avendo finora risultati, sostiene il proseguimento dei colloqui con la Russia. “Anche se al momento non ci sono movimenti reali, è importante tornare finalmente al tavolo del dialogo”, ha detto il politico verde a margine di un incontro dell’UE a Brest, in Francia. È inoltre fondamentale che i colloqui siano ripresi non solo in seno al Consiglio NATO-Russia, ma anche nell’ambito dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa.

Sulla questione se, a loro avviso, debba essere discussa la richiesta della Russia di ritirare le armi nucleari statunitensi da paesi come la Germania, Barbock non ha commentato in modo specifico. “Le questioni del disarmo devono e devono essere discusse”, ha detto, “ma ora che mi sono appena seduta al tavolo, non commento apertamente alcuna considerazione individuale”. “L’importante è che siamo seduti a tavola, le discussioni si stanno facendo adesso. E questo – anche se difficile – con molta pazienza e perseveranza”.

Nella prima riunione del Consiglio NATO-Russia in quasi due anni e mezzo, le due parti si sono scambiate opinioni sul conflitto in Ucraina e su altre questioni attuali per circa quattro ore mercoledì. Secondo il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg, c’era anche accordo sulla necessità di esplorare un calendario per ulteriori incontri.

READ  Tra le vittime anche bambini: 46 morti in un incidente di autobus in Bulgaria