Maggio 19, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Nato rifiuta le “garanzie di sicurezza” e teme il crollo dell’alleanza

all’estero Il conflitto in Ucraina

Mosca ora ha un rifiuto scritto della NATO

Bruxelles

Il Cremlino vuole parlare solo con USA e NATO

Nella crisi ucraina, la Germania vuole affidarsi alla diplomazia. Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov spiega che i colloqui dovrebbero essere solo con gli Stati Uniti e la NATO, senza l’Unione europea e senza l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa.

Nato e Stati Uniti rifiutano formalmente le “garanzie di sicurezza” richieste dalla Russia. L’alleanza non può e non vuole ritirarsi dagli stati membri orientali. A Vladimir Putin non piacerà. Il presidente della NATO Jens Stoltenberg sta già parlando indirettamente dell’alleanza.

DottLa conferenza stampa prevista a breve dal presidente della NATO Jens Stoltenberg è iniziata mezz’ora dopo. L’atmosfera era cupa e Stoltenberg sembrava molto nervoso. Ha annunciato ciò che le 30 nazioni della NATO avevano deciso quella mattina: mercoledì l’alleanza ha risposto per iscritto alle richieste di “garanzie di sicurezza” di Mosca e non ha fatto grandi concessioni.

Allo stesso tempo, su richiesta del Cremlino, Washington ha anche fornito una risposta alle richieste specifiche di Mosca per gli americani. Né gli Stati Uniti né la NATO hanno rivelato l’esatto contenuto delle lettere. Tuttavia, le affermazioni di Stoltenberg consentono conclusioni sufficienti.

Leggi anche

Ora Mosca ce l’ha per iscritto: la NATO è ancora risoluta e non disposta a rifiutarsi di includere paesi come la Georgia e l’Ucraina in primis. E tra: La coalizione non vuole ritirarsi dai paesi dell’Alleanza Orientale. Dal punto di vista della NATO, ciò metterebbe a repentaglio l’intero deterrente contro Mosca ai confini orientali dell’alleanza – e quindi anche la sicurezza di molti Stati membri. D’altra parte, l’alleanza è pronta a parlare di questioni come il monitoraggio del disarmo, una maggiore trasparenza nelle attività militari e lo sviluppo di migliori canali di comunicazione.

Il pericolo di guerra è aumentato drammaticamente

Ora la NATO attende con impazienza la risposta di Mosca. “Stiamo leggendo. Per studiare. Il viceministro degli Esteri russo Alexander Grushko ha affermato che i nostri partner di progetto hanno studiato il nostro progetto per circa un mese e mezzo”. I corridoi della coalizione mercoledì sera sono stati testimoni di grande tensione e molti uffici sono ancora illuminati. Perché è abbastanza chiaro se il presidente russo Vladimir Putin utilizzerà il rifiuto delle sue principali richieste come scusa per attaccare parti dell’Ucraina o se ci sono altri colloqui a livello diplomatico. Una cosa è chiara: il pericolo di guerra in Europa centrale è notevolmente aumentato da mercoledì sera.

Leggi anche

Volontari civili vengono addestrati per difendere il quartiere in un parco a Kiev

Stoltenberg non ha voluto dirlo esplicitamente. Evita un’affermazione ovvia. Ma quanto ha detto è abbastanza preoccupante: “Non c’è de-escalation, anzi”. Poco prima, intorno alle 19:50 di mercoledì, ha anche fatto un’analisi: “La tensione è in aumento. La crescita militare della Russia continua. Ora stiamo vedendo anche migliaia di soldati in Bielorussia, l’Air Force e missili a medio raggio S-400”. Questo sviluppo rende ancora più imperativo rimanere in contatto. L’ex primo ministro norvegese ha sottolineato che “una soluzione politica è ancora possibile”.

Stoltenberg ha nuovamente offerto a Mosca “una serie di incontri” nel quadro del Consiglio NATO-Russia. Vogliamo anche ascoltare le preoccupazioni russe. Entrambe le parti possono trarne vantaggio”. Ma Putin continuerà a interferire? Stoltenberg: “Si tratta di essere pronti a sedersi insieme in buona fede. Vogliamo intraprendere la strada del dialogo e cercare una soluzione politica. Ma siamo anche preparati al peggio”.

Stoltenberg ha parlato indirettamente della questione dell’alleanza

Poi è arrivato un momento cruciale in quella conferenza stampa. Non è chiaro se Stoltenberg voglia solo avvertire pubblicamente in questo momento o se abbia preoccupazioni concrete e verificabili. In ogni caso, ha affermato il capo della Nato, “abbiamo piani per permetterci di attivare la ‘Nato Response Force (NRF)’ in brevissimo tempo”. “È sotto il comando francese e potrebbe essere nella zona di combattimento in pochi giorni. Anche le forze di follow-up possono essere aggiunte molto rapidamente”, afferma Stoltenberg.

La cosa interessante di queste affermazioni è che il Fronte di Salvezza Nazionale interviene solo quando un paese della NATO è sotto attacco. Questo non sarà il caso dell’Ucraina. La NATO prevede anche un possibile attacco o destabilizzazione negli Stati baltici o in Polonia? E questo aggraverebbe l’intera situazione, perché la NATO sarebbe obbligata ai sensi dell’articolo 5 a fornire assistenza militare ai paesi NATO interessati.

“Siamo pronti a prendere tutte le misure necessarie per proteggere i nostri alleati”, ha detto Stoltenberg. Attualmente ci sono circa 4.000 soldati della NATO nei tre stati baltici e in Polonia nell’ambito del programma Enhanced Forward Presence (EFP). In Lituania, la Germania guida forze di combattimento a rotazione permanente. Sono supportati da carri armati, unità antiaeree e di ricognizione. I soldati della NATO sono una spina nel fianco di Putin. Vuole che se ne vadano.

I caccia belgi F-16 sono già in servizio nell'ambito della missione NATO in Lituania.  La Danimarca vuole anche trasferire gli F-16 nei Paesi baltici

I caccia belgi F-16 sono già in servizio nell’ambito della missione NATO in Lituania. La Danimarca vuole anche trasferire gli F-16 nei Paesi baltici

Cosa: AP

Quella sera Stoltenberg trascorse un tempo insolitamente lungo sui dettagli militari. Ha elogiato Washington per aver messo in allerta 8.400 soldati. Parigi si offrì anche di inviare soldati in Romania. La Danimarca vuole inviare una fregata nel Mar Baltico e quattro bombardieri F-16 in Lituania. La Spagna offre navi alle forze navali della NATO e sta valutando l’invio di aerei da combattimento in Bulgaria. L’alleanza sta aumentando la sua presenza nel Mar Nero e da settimane conduce voli di ricognizione nella regione per valutare meglio i movimenti delle truppe russe. Tutto questo ha lo scopo di impedire a Mosca di attaccare l’Ucraina o un paese della NATO.

Internamente, i pianificatori militari della NATO stimano che la Russia avrebbe bisogno di circa 200.000 uomini per lanciare un’invasione dell’Ucraina. Si dice che questa crescita richiederà 1-2 settimane. Tuttavia, secondo le analisi della NATO, la Russia è già in grado di impadronirsi di singole regioni dell’Ucraina, come la fascia costiera strategicamente importante da Mariupol alla Crimea, alla velocità della luce. È probabile che l’esercito ucraino venga eliminato dalle forze speciali russe in brevissimo tempo. Un simile attacco equivarrebbe a quella che Putin ha vagamente definito una risposta “militare-tecnica” in una conferenza stampa a dicembre.

Leggi anche

Combinazione di canottiere Isabel Lee

Al termine della sua memorabile conferenza stampa, Stoltenberg ha spiegato ancora una volta perché la NATO rimane risoluta su questioni importanti: “Non faremo concessioni quando si tratta dei nostri principi fondamentali”. Ciò significa che ogni Paese può decidere autonomamente a quale alleanza di sicurezza vuole appartenere. Questa era una chiara adesione alla politica della porta aperta dell’Alleanza. “Questo merita rispetto per l’autodeterminazione di uno stato indipendente”, ha detto Stoltenberg. Il dramma di queste ore è che Putin possa vedere un motivo di guerra nelle dichiarazioni del capo della Nato.

READ  Ucraina: il consigliere presidenziale annuncia l'affondamento di una nave da guerra russa