Febbraio 26, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La NASA osserva un fenomeno marziano unico – “difficile da credere”

La NASA osserva un fenomeno marziano unico – “difficile da credere”
  1. Home page
  2. Lo sappiamo

La navicella spaziale MAVEN della NASA rileva cambiamenti insoliti su Marte mentre il vento solare improvvisamente “scompare”. La ricerca è sorprendente.

SAN FRANCISCO – Non solo la Terra, ma anche il resto dei pianeti del nostro sistema solare sono influenzati dall'attività del Sole. Inviano costantemente nello spazio un flusso di particelle cariche, chiamato “vento solare”. Poiché il vento solare è quasi sempre presente, i suoi effetti sui pianeti diventano visibili solo quando diminuisce inaspettatamente. Questo è esattamente quello che è successo nel dicembre 2022, come rivelato da un recente studio condotto da un gruppo di ricerca della NASA.

Secondo un rapporto, la sonda MAVEN della NASA, che orbita attorno a Marte e ne studia l'atmosfera, ha scoperto che il vento solare sul Pianeta Rosso è improvvisamente “scomparso”. Comunicato stampa della NASA. Senza la pressione del vento solare, l’atmosfera e la magnetosfera di Marte si sarebbero espanse di migliaia di chilometri.

All'improvviso il vento solare su Marte scompare

“Quando abbiamo visto per la prima volta i dati e abbiamo visto quanto drammatica fosse la diminuzione del vento solare, era difficile da credere”, afferma nel comunicato Jasper Halikas dell'Università dell'Iowa, autore principale dello studio. Lo scienziato continua: “Abbiamo formato un gruppo di lavoro per studiare l’evento e abbiamo scoperto che questo periodo è ricco di spunti sorprendenti”.

I venti solari sono solitamente sempre presenti, comprimono l’atmosfera marziana e probabilmente contribuiscono alla perdita di gran parte della sua atmosfera e dell’acqua da parte del Pianeta Rosso in passato. Tuttavia, nel dicembre 2022, il vento solare è completamente scomparso per un po’ a causa di un evento speciale. Secondo la NASA, questo è quello che è successo: un vento solare veloce ha superato un vento più lento, comprimendo entrambi i venti. Ciò ha portato a un raro vuoto di densità del vento solare estremamente bassa scoperto da MAVEN.

La navicella spaziale MAVEN della NASA orbita attorno a Marte e monitora le interazioni tra la sonda e il pianeta rosso. (Avatar) © imago/StockTrek Images

Il vento solare diminuisce e l'atmosfera marziana si espande

L'intensità del vento solare è diminuita centinaia di volte durante questa fase, e la pressione sull'atmosfera marziana è diminuita di conseguenza. Ciò gli ha permesso di espandersi fino a più di tre volte la sua dimensione normale. Di conseguenza, su Marte si sono verificati altri fenomeni insoliti: la ionosfera del pianeta rosso è passata da uno stato magnetizzato a uno non magnetizzato, mentre lo strato tra il vento solare e la magnetosfera è diventato insolitamente elettromagneticamente silenzioso, ha detto il gruppo di ricerca.

Le osservazioni di MAVEN sono preziose per la scienza: “Ora possiamo davvero vedere come reagisce Marte quando il vento solare viene effettivamente rimosso”, afferma felice Halikas. “Si tratta di uno studio affascinante su come sarebbe Marte se orbitasse attorno a una stella meno ‘ventosa’”. Era lo studio Nella rivista specializzata Fisica spaziale JGR pubblicato È stato presentato al meeting autunnale dell'American Geophysical Union a San Francisco.

La missione della NASA rileva un evento importante su Marte

“Il monitoraggio delle condizioni estreme ha un valore inestimabile per la scienza”, ha affermato Shannon Curry, ricercatrice capo MAVEN presso l’Università della California, Berkeley. “Maven è stato progettato per osservare questo tipo di interazioni tra il Sole e l’atmosfera marziana, e la sonda ha fornito dati eccezionali durante questo evento solare davvero anomalo”.

La scomparsa del vento solare di questa portata è estremamente rara e può verificarsi solo durante periodi di maggiore attività solare. L'attività del Sole è attualmente in aumento e dovrebbe raggiungere il suo picco nel 2024. Uno scienziato dubita addirittura che il primo picco del massimo solare sia già stato raggiunto. (fattura non pagata)

L'editore ha scritto questo articolo e poi ha utilizzato un modello linguistico AI per migliorarlo a sua discrezione. Tutte le informazioni sono state attentamente controllate. Scopri di più sui nostri principi di intelligenza artificiale qui.