La morte silenziosa della scheda di memoria SD in fotografia

Date:

Share post:

Giampaolo Lettiere
Giampaolo Lettiere
"Esperto di birra per tutta la vita. Appassionato di viaggi in generale. Appassionato di social media. Esperto di zombi. Comunicatore."

Contemporaneamente al boom delle fotocamere digitali nei primi anni 2000, le schede SD sono diventate popolari nella fotografia. Dopo meno di 25 anni, sembra che l'associazione responsabile delle schede SD sia finalmente giunta a un vicolo cieco e il formato abbia perso ogni prospettiva di un futuro roseo. Nel frattempo, lo standard concorrente CFexpress fa molte cose meglio.

annuncio

Chiunque sia interessato alla tecnologia si è probabilmente imbattuto in termini come UHS-III (da non confondere con la classe di velocità video U3) o SD Express, ma nei notiziari e non nei negozi. Da sette anni nessun nuovo standard della SD Card Association riesce ad imporsi sul mercato.

Nel mondo della tecnologia, di solito ci vogliono alcuni anni prima che i nuovi standard vengano stabiliti sul mercato. Ad esempio: cinque anni dopo la sua introduzione, l'USB 4.0 può essere trovato in molti nuovi computer desktop e laptop, ma le unità SSD esterne e altre periferiche sono ancora un po' esotiche.

Quasi come un razzo è partito l'interfaccia UHS-I per schede SD, che ha più che quadruplicato la velocità di trasferimento massima possibile da 25 a 104 MB/s: all'IFA di settembre è stata rilasciata la versione 3.01 della specifica SD a maggio 2010. Nikon ha introdotto la sua prima scheda di memoria UHS-I l'anno scorso, seguita un mese dopo con la fotocamera DSLR D7000 e all'inizio del 2011 l'intera linea di prodotti di schede, lettori di schede e fotocamere era in vendita.

Anche se l’implementazione relativamente semplice ha sicuramente fatto la sua parte – il clock dell’interfaccia è aumentato da 50 MHz (SDR25) a 208 MHz (SDR104) e le schede SD UHS-I sono ora in grado di utilizzare quattro volte la potenza elettrica a 2,88 W – tuttavia, in Poco meno di sei mesi prima della sua disponibilità sul mercato, è stata dimostrata una buona collaborazione tra tutti gli interessati.

Un anno dopo, nel 2011, l'interfaccia è stata completamente ricostruita: con UHS-II, le schede SD hanno ricevuto una seconda fila di contatti, la trasmissione è basata su LVDS (segnalazione differenziale a bassa tensione) e la velocità di trasferimento è stata triplicata, il tutto mantenendo stessa velocità. Consumo di energia. Tuttavia, ci sono voluti “solo” circa 2,5 anni perché Fujifilm presentasse la sua prima fotocamera UHS-II, la X-T1, e le schede SD adatte per arrivare contemporaneamente sul mercato.

Nel 2024, UHS-I sarà di fatto lo standard minimo per fotocamere, lettori di schede e schede SD. UHS-II lo ha anche portato su circa 100 diverse fotocamere di sistema: solo le schede microSD più piccole non hanno raggiunto trasferimenti più veloci. Né gli smartphone, indipendentemente dalla fascia di prezzo, né le console di gioco portatili come Steam Deck o Nintendo Switch consentono più di 104 MB/s (UHS-I).

UHS-II è stato seguito da UHS-III nel 2017, con la velocità nuovamente raddoppiata fino a 624 MB/s. Almeno in teoria, perché ad una delle tante fiere della tecnologia non è arrivato nemmeno un modello del produttore.

Le cose non vanno poi così male con SD Express: quando l'interfaccia è stata completamente ricostruita, appena sette anni dopo UHS-II, anche la responsabile SD Card Association ha optato per PCI Express (3.1) incluso il protocollo NVMe nel 2018 e ha aumentato il limite per Schede SD Con velocità sorprendenti fino a 985 MB/s, anche le piccole schede microSD possono superare le prestazioni degli SSD SATA. Nel 2020 è seguito un aggiornamento semiobbligatorio a PCI Express 4.0 fino a 3.938 MB/s (PCIe 4.0 x2 con 3a fila di contatti), ma solo per schede SD di dimensioni standard.

Sebbene esistano alcune schede di memoria e lettori di schede SD Express, provengono principalmente da produttori di secondo livello (Adata, DeLock, Ritz Gear, Sabrent). Giganti del settore come Sandisk e Lexar hanno finora lasciato intendere in demo o annunci pubblicitari che la scheda microSD Express di Samsung dovrebbe apparire entro la fine dell'anno.

Se ascolti gallerie fotografiche come CP+ In Giappone vale per tutti i compiti: questa fotocamera con SD Express non è disponibile, è disponibile anche nella scheda Speicher, si trova nella confezione con la fotocamera e poi Marktstart passa la fotocamera e la scheda compatibile con il manico. C’è accordo anche sul perché.

PCI Express e UHS-II/III utilizzano metodi incompatibili per trasmettere segnali a livello fisico: rispettivamente logica di pilotaggio della corrente ad alta velocità (HCSL) e segnalazione differenziale a bassa tensione (LVDS). Lo standard SD Express non fornisce un meccanismo né per le periferiche né per le schede SD per poter passare tra i due tipi di trasmissione sul lato console.

UHS-II/III e PCI Express occupano la fila inferiore di contatti sulle schede SD. Ciò crea un problema di compatibilità: le aziende devono decidere se offrire una fotocamera, una scheda di memoria o un lettore di schede con UHS-II o PCI Express come interfaccia, e mai entrambi (nello slot della scheda). La riga superiore dei contatti è sempre disponibile solo per UHS-I 104MB/s.

Una scheda UHS-II è a sinistra e una con SD Express 7.0 è a destra. Le varianti sono esternamente indistinguibili, ma internamente collegano diversamente la seconda fila di contatti. (Foto: Matthias Broski/Hays Online)

Pertanto di solito non esiste un percorso di aggiornamento ragionevole da parte del cliente. Chi acquista oggi una scheda SD Express a prova di futuro dovrà accontentarsi di una fotocamera decente con velocità UHS-I. Chiunque disponga di schede UHS-II non solo scenderà da 985 MB/s a 312 MB/s (UHS-II), ma anche a 104 MB/s (UHS-I) nella fotocamera SD Express predefinita.

Mentre le schede SD portano la prima fila di contatti come “legacy”, che a lungo termine può servire come minimo comune denominatore per la compatibilità con le versioni precedenti, il più recente standard CFexpress (2017) offre PCI Express 3.0 e velocità di trasferimento elevate da zero.

CFexpress è il successore di CompactFlash e del più recente XQD del segmento professionale, ma con la versione 2.0 nel 2019 sono stati aggiunti ulteriori fattori di forma, incluso il tipo A, che è solo 4 mm più corto e più stretto delle schede SD. Sony utilizza forme simili in modo creativo e offre slot per schede di memoria integrati per CFexpress tipo A e SD (UHS-II) nelle nuove fotocamere Alpha. Nel settore professionale Canon, Fujifilm, Nikon & Co. Su una combinazione monocamerale di CFexpress Type B e SD (UHS-II).

Vano portaoggetti per Sony Alpha 7 IV

Vano portaoggetti per Sony Alpha 7 IV

Sia le schede SD che CFexpress si adattano alle attuali fotocamere Sony Alpha. Qui mostrato nello scomparto superiore della scheda di memoria dell'Alpha 7 IV.

(Foto: Matthias Broski/Hays Online)

Il cliente ha da un lato la scelta e dall'altro la possibilità di continuare ad utilizzare le schede SD già acquistate. Inoltre, le schede di memoria CFexpress sono ora molto più economiche, almeno con capacità a partire da circa 256 GB.

Con l'aggiornamento a PCIe 4.0, che verrà introdotto alla fine del 2023, la velocità potenziale raddoppierà passando da 2 (Tipo A) a 4 Gb/s (Tipo B). Le schede di memoria e i relativi lettori di schede sono già disponibili nei negozi. Anche se le telecamere corrispondenti non sono previste prima del 2025, ma piuttosto del 2026, i clienti finali non subiranno alcuno svantaggio acquistando oggi le carte corrispondenti. Le precedenti schede CFexpress con PCIe 3.0 dovrebbero funzionare alla velocità nativa nelle future fotocamere.

Probabilmente le schede di memoria SD rimarranno con noi per molto tempo e, in particolare, le schede microSD sono ancora il metodo preferito per molti dispositivi mobili. Poiché UHS-II non è mai stato installato nel suo design compatto, l'incompatibilità con UHS-II non è critica e microSD Express potrebbe offrire opportunità di mercato.

Ma nella fotografia il futuro sembra molto più cupo. Anche in questo caso la scheda SD durerà per molti anni, almeno nella categoria entry-level senza particolari requisiti di velocità. Tuttavia, la tendenza è verso fotocamere di qualità superiore, nelle quali CFexpress gioca un ruolo sempre più importante. Nel 2023, i tedeschi hanno speso in media 1.676 euro per le fotocamere mirrorless.

Al momento non esiste una via d'uscita prevedibile dalla trappola dello sviluppo delle schede SD. Non sono noti sforzi per rendere SD Express e UHS-II/III compatibili sia up che down, e non è prevista una riprogettazione così radicale come il passaggio da CompactFlash a XQD/CFexpress.



(MMA)

Alla home page

Related articles

Scontro tra tifosi dopo la partita dell’Italia-Firmense

La polizia è soddisfatta dell'affluenza di pubblico alla Pirmasenser Schlossplatz. Nell'ambito dell'evento Pirmasenser City, venerdì alle 21...

Puoi risparmiare con il più economico E10?

tzle autostava in piedi: 16 giugno 2024, 5:02da: Michaela Brehm, Simone MonsInsisteDividePuoi davvero risparmiare con il più economico...

Immagini della parata del compleanno di Re Carlo

Home pageUn'ampia strada fiancheggiata da alberistava in piedi: 16 giugno 2024 alle 13:37da: Susan CropperInsisteDivideLa principessa Kate ha...

Buchi neri in un doppio fascio: gli astronomi osservano getti luminosi di materia

Scienze Galassie La GU 287 mostra cosa succede quando due buchi neri...