Maggio 22, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La malattia di Alzheimer può essere vista negli occhi

La malattia di Alzheimer può essere vista negli occhi
  1. 24 vita
  2. protezione

creatura:

da: Giuditta Marrone

In uno studio, i ricercatori hanno scoperto che la malattia di Alzheimer può essere vista negli occhi. Hanno sviluppato un metodo di screening che può essere utilizzato per la diagnosi precoce.

La malattia di Alzheimer è una malattia cerebrale terminale in cui le cellule nervose nel cervello muoiono. La forma più comune di demenza ha sette fasi, in cui la malattia peggiora nel tempo. Dimenticanza, disorientamento e disorientamento aumentano nei malati. Simile alla demenza frontotemporale (FTD), anche la personalità alla fine cambia. Poiché la malattia può essere un peso non solo per il paziente stesso ma anche per chi lo circonda, la diagnosi precoce è di grande importanza. Secondo i risultati di un nuovo studio sull’Alzheimer, il pericolo si vede negli occhi.

Studio sulla demenza: la malattia di Alzheimer può essere identificata dal movimento della pupilla

In uno studio sulla diagnosi precoce del morbo di Alzheimer, i ricercatori hanno osservato una maggiore dilatazione della pupilla nelle persone con aggregazione di proteine ​​tau e lieve deterioramento cognitivo. (immagine iconica) © Bo Valentino / IMAGO

Un gruppo di ricerca dell’Università di San Diego in California ha studiato non solo le cause del morbo di Alzheimer, ma soprattutto un nuovo metodo per la diagnosi precoce. Al suo interno sulla rivista specializzata La neuroscienza dell’invecchiamento pubblicato Stabile Gli scienziati hanno osservato il movimento della pupilla in relazione ai test cognitivi. Le reazioni della pupilla umana sono controllate dal cosiddetto La posizione del collo è controllata. Questa parte del cervello è un gruppo di neuroni nel tronco cerebrale che sono responsabili dell’eccitabilità e della regolazione delle funzioni cognitive. Allo stesso tempo, la proteina tau è strettamente correlata alla cognizione. Ma nel morbo di Alzheimer, questo si unisce.

Quindi, mentre i partecipanti allo studio si stuzzicavano il cervello, il punto blu controllava il cambiamento del diametro delle pupille. Sebbene i soggetti dello studio abbiano ottenuto gli stessi risultati, i ricercatori hanno notato una maggiore dilatazione della pupilla e un maggiore sforzo cognitivo nei soggetti con aggregazione di proteine ​​tau e lieve deterioramento cognitivo. Pertanto, gli scienziati hanno rilevato precocemente un lieve deterioramento cognitivo sulla base delle interazioni oculari, anche se i risultati del test non hanno rivelato alcun difetto. Come hanno mostrato i risultati dello studio, l’aumento del rischio genetico della malattia di Alzheimer può essere riconosciuto dai movimenti della pupilla, molto prima della comparsa dei sintomi. La ragione di ciò è che il cervello dei malati cambia molto prima che compaiano i primi sintomi. Il cambiamento riguarda anche i movimenti degli alunni.

Trova altri interessanti argomenti sulla salute nella nostra newsletter gratuita, a cui puoi iscriverti qui.

Studio sulla demenza: metodo di screening per la diagnosi precoce dell’aumento del rischio di malattia di Alzheimer

In questo studio, è possibile dimostrare un collegamento tra la risposta pupillare e la proteina “tau” e l’azione del locus coeruleu. Quindi, secondo gli scienziati, l’osservazione dell’alunno è Il metodo di screening può essere utilizzato per la diagnosi precoce di un aumentato rischio di malattia di Alzheimer. Pertanto, facilita il trattamento perché è consapevole dei rischi prima che compaiano i sintomi. Secondo il prof. D. Jens Weltvang, membro del consiglio di amministrazione del Dementia Competence Network, è importante per vari motivi.

D’altra parte, l’alimentazione sana e l’attività fisica sono note L’allenamento della memoria può rallentare le prime fasi della malattia di AlzheimerCome spiegato sul sito web del Ministero federale dell’Istruzione e della Ricerca. Esistono anche farmaci che possono ritardare la progressione della malattia. Prima viene preso, più è efficace. L’esame del sangue potrebbe anche rivoluzionare la diagnosi del morbo di Alzheimer.

Questo articolo contiene solo informazioni generali sull’argomento sanitario pertinente e non è quindi destinato all’autodiagnosi, al trattamento o ai farmaci. Non sostituisce in alcun modo una visita dal medico. Sfortunatamente, la nostra redazione non è in grado di rispondere a domande individuali sulle immagini cliniche.