Maggio 25, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La luce ha impiegato 12,9 miliardi di anni: Hubble ha scoperto la stella più lontana finora

Il telescopio spaziale Hubble ha rilevato la luce di una stella che era presente durante il primo miliardo di anni dopo il Big Bang. La stella, soprannominata “Earendel” (“Stella del mattino” in inglese antico) è di gran lunga la più lontana da noi e il precedente detentore del record – di nome Icarus – brillava dopo tre miliardi di anni. Il fatto che Hubble sia visibile a una distanza così inimmaginabile è dovuto a una circostanza fortunata: l’enorme ammasso di galassie tra noi e la lontana galassia di Earndale piega e focalizza la luce in modo tale che felicemente – e per un tempo limitato – il la singola stella può essere vista chiaramente individualmente. Ora viene cercato, tra le altre cose, utilizzando il James Webb Space Telescope, che potrebbe persino essere in grado di determinarne la composizione.

Quando hanno individuato la stella nelle immagini di Hubble, all’inizio non riuscivano quasi a crederci Ora ricorda l’astronomo Brian Welch della Johns Hopkins University di Baltimora. La stella ha un enorme spostamento verso il rosso di z = 6,2 – il precedente detentore del record è z = 1,5. A questa distanza, intere galassie di solito sembrano “puntini” e sono composte da milioni di stelle. D’altra parte, la Galassia di Earendel è allungata a forma di mezzaluna dalle cosiddette lenti gravitazionali. La stella giace esattamente sulla cosiddetta linea focale, che irradia di nuovo la sua luce e la rende del tutto visibile al telescopio Hubble. Pertanto, la sua luminosità aumenta di un fattore di almeno mille.

Se hai problemi con la riproduzione del video, abilita JavaScript

READ  Questo test dell'aura sarà un tuttofare

Dichiarazione della NASA

(Fonte: Goddard Space Flight Center della NASA)

Welch dice che l’ulteriore esplorazione di Earndale è come una finestra su un’era dell’universo che ci è molto estranea. Lui e il suo team credono che la stella sia 50 volte più grande del sole e un milione di volte più luminosa. Può essere costituito da elementi completamente diversi dalle stelle a noi note e probabilmente appartengono al terzo gruppo, che finora è stato descritto solo ipoteticamente. Quando prese fuoco, l’universo non era ancora pieno degli elementi pesanti che le generazioni successive di stelle avrebbero prodotto.

Le proprietà di Earendel saranno esplorate utilizzando il James Webb Space Telescope e il tempo di osservazione è già stato riservato. Questo non solo conferma che si tratta effettivamente di una stella, ma ne determina anche con precisione la luminosità e la temperatura. scoperta In primo piano sulla rivista Nature.


(mo)

alla home page