Maggio 16, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La guerra contro l’Ucraina: quasi tutte le forze attorno a Chernobyl si sono ritirate

A partire dal 31/03/2022 18:01

Secondo l’operatore statale, ci sono ancora alcuni soldati russi sul sito dell’ex centrale nucleare di Chernobyl. Le forze in ritirata si diressero verso il confine con la Bielorussia.

Cinque settimane dopo la cattura delle rovine nucleari di Chernobyl, le forze russe hanno iniziato a ritirarsi dalla zona di esclusione nel nord dell’Ucraina. “Gli invasori hanno annunciato questa mattina la loro intenzione di lasciare la centrale nucleare di Chernobyl”, ha detto via Telegram la compagnia energetica nucleare ucraina Energoatom. I soldati russi ora “cammineranno in due colonne verso il confine ucraino-bielorusso”. Ci sono ancora “pochi” soldati russi nel complesso nucleare.

Forse i soldati russi stavano andando in Bielorussia

Inoltre, ci sono “prove che una colonna di soldati russi che assedia la città di Slavutych si sta formando e si sposterà in Bielorussia”. Slavutysh si trova vicino a Chernobyl. La città vicino al confine con la Bielorussia ospita i tecnici che lavorano presso la centrale nucleare di Chernobyl dismessa.

Energoatom ha confermato i rapporti secondo cui i soldati russi stavano scavando trincee nella foresta nella cosiddetta zona di esclusione e hanno ricevuto “grandi dosi di radiazioni”. Ai primi segni di malattia, che si manifestarono rapidamente, furono presi dal panico e si prepararono a ritirarsi. Non è stato possibile ottenere alcuna conferma indipendente delle affermazioni fatte da Energoatom.

Secondo Energoatom, l’esercito russo ha firmato un documento che conferma la consegna della centrale nucleare. L’operatore ha pubblicato queste informazioni su Telegram. Ieri il Dipartimento della Difesa Usa aveva parlato ieri del ritiro delle forze armate russe dall’area intorno alle rovine nucleari.

READ  Aumento improvviso: i casi Corona raddoppiano in Sudafrica

La corrente è saltata più volte

Le forze russe hanno preso il controllo delle rovine nucleari di Chernobyl il 24 febbraio, il primo giorno del loro attacco all’Ucraina. L’offensiva russa è stata rapidamente interrotta di fronte alla feroce resistenza dell’esercito ucraino.

Il peggior incidente nucleare della storia si è verificato presso la centrale nucleare di Chernobyl nel 1986. Centinaia di persone sono morte e la radioattività si è diffusa in gran parte dell’Europa. Da allora la centrale è stata chiusa ed è stato progettato un imponente involucro protettivo per impedire la fuoriuscita della radioattività. Dall’invasione russa, l’energia nucleare è stata interrotta più volte.