Maggio 29, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La guerra alla droga in Messico: gli assassini dividono i corpi e lasciano un messaggio di notizie

La guerra alla droga in Messico: gli assassini dividono i corpi e lasciano un messaggio di notizie

La guerra alla droga in Sud America infuria con brutale violenza da decenni. Ora la polizia in Messico ha trovato quattro corpi orribilmente mutilati e anche gli autori hanno lasciato un messaggio brutale.

Come riportato dai media locali, i tre uomini e una donna giacevano sul bordo di una strada federale vicino alla città di Iguala di 110.000 persone. Un informatore anonimo ha chiamato i funzionari, che hanno fatto l’orribile scoperta venerdì intorno alle 8:00 ora locale.

Messaggio brutale agli spacciatori

I corpi furono smembrati. Accanto alla testa della donna c’era uno striscione di cartone giallo con il seguente messaggio:

“A Luis Vincente Calderon Jaimes alias Wicho Cachetes: quella cagna era più coraggiosa di te. Sentiti libero di mandarmi sempre più persone. Ti ho già rintracciato e ho rovinato la tua festa. Ti sto aspettando, sentirai di io presto!

Gli agenti di polizia pesantemente armati mettono al sicuro il luogo in cui giacciono i corpi. L’informatore voleva rimanere anonimo, forse per paura per la sua vita

Foto: polizia

+++ BILD è ora disponibile anche in TV! CLICCA QUI PER BILD LIVE +++

Non si sa ancora chi siano le vittime. Forse erano coinvolti nel traffico di droga. Secondo notizie non confermate in precedenza, i quattro morti sarebbero appartenuti al gruppo “La Bandera” vicino alla banda “Guerreros Unidos”.

L’atto sanguinoso può essere attribuito agli assassini di “Los Telcos”. Questo è un gruppo semi-guardiano che non è in alcun modo inferiore agli spacciatori in termini di brutalità.

Le guerre della droga uccidono decine di migliaia di persone ogni anno

La guerra alla droga in Messico è aumentata dagli anni ’80. Da un lato, ci sono organizzazioni governative come la polizia e l’esercito. Sono supportati da gruppi di guardia. Numerosi cartelli, a loro volta in lotta tra loro, combattono questa questione.

Il risultato: un turbine di violenza è sfuggito al controllo e, secondo i dati ufficiali, solo nell’ultimo anno ha causato 33.410 vittime. Dal 2000, il bilancio delle vittime ha raggiunto centinaia di migliaia. Ci sono anche circa 90.000 persone scomparse.