Gennaio 23, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Francia lancia centrali a carbone: timori di blackout

unla nostra preoccupazione blackout Il governo francese vuole aumentare temporaneamente le sue vecchie centrali elettriche a carbone più velocemente del previsto. A tal fine occorre allentare la normativa sulle emissioni entrata in vigore all’inizio dell’anno. Analogo emendamento è stato avviato dal ministro dell’Ambiente Barbara Bombelli; Ora è in fase di consultazione e dovrebbe entrare in vigore alla fine di gennaio. Con il change order è necessario consentire agli impianti di connettersi alla rete per un totale di 1.000 ore nei freddi mesi invernali di gennaio e febbraio. È molto di più delle 700 ore di autonomia effettivamente consentite durante l’anno.

Sono stati colpiti la solida centrale elettrica a carbone di Cordemais vicino a Nantes e il blocco a carbone della centrale Emile Hochette non lontano da Saarbrücken. Con una potenza di 1,2 e 0,6 gigawatt, possono produrre solo la minima quantità di elettricità delle centrali nucleari francesi, che hanno una potenza totale di circa 61 gigawatt. A causa di lavori di manutenzione e difficoltà tecniche, le centrali nucleari potranno raggiungere solo tra 43 e 51 gigawatt a gennaio, ha previsto l’operatore di rete RTE alcuni giorni fa. “Il valore più basso mai raggiunto per la flotta nucleare in questo periodo dell’anno”, afferma RTE. Di conseguenza, l’operatore di rete ha aumentato la sua “vigilanza” sull’alimentazione di gennaio.

Non ci sono ancora colli di bottiglia nella fornitura

Il processo di densificazione pianificato si sta svolgendo nelle ultime due centrali elettriche a carbone francesi alla luce delle imminenti strozzature. “Questa misura è necessaria per garantire la sicurezza dell’approvvigionamento energetico in relazione agli allarmi pronti al consumo”, ha scritto il ministro Bombeli. Allo stesso tempo, il calendario per l’eliminazione graduale del carbone rimane invariato: la centrale elettrica di Emile Hochette dovrebbe cessare l’attività alla fine di marzo, seguita da Cordemis nel 2024. Quest’ultima è di un’impresa statale francese società EDF È gestito da Gazel Energies, che appartiene al gruppo energetico ceco EPH. La produzione di energia dal carbone è già terminata a Le Havre, nel nord della Francia, ea Jardins, nel sud della Francia.

FAZ Frühdenker – Newsletter per la Germania

Nei giorni feriali alle 6.30.

registrazione

Non è chiaro se il ricorso alle centrali di Cordemais ed Emile Huchet sarà davvero necessario per mantenere la fornitura di energia elettrica. D’altra parte, dipende dalle condizioni meteorologiche. Senza ondate di freddo all’inizio dell’anno, l’operatore di rete RTE non vedeva gravi rischi di fornitura nelle sue previsioni alla fine di dicembre. Può cambiare durante il mese. Molti francesi si scaldano con l’elettricità e lo scenario peggiore è una combinazione di freddo e calma. In Francia sono state installate turbine eoliche con una capacità di circa 17 GW, ma la capacità effettivamente utilizzata è spesso molto inferiore, ad esempio giovedì pomeriggio era di poco inferiore a 2 GW.

READ  Maggior numero di nuovi contagi: il lamento della Gran Bretagna sotto Omicron