Febbraio 28, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Farnesina avverte di “pericolo crescente”

La Farnesina avverte di “pericolo crescente”
  1. Home page
  2. mondo

Il Ministero degli Esteri tedesco attualmente emette avvisi di viaggio per più di trenta paesi. Questi includono anche alcune destinazioni turistiche popolari.

Berlino – La Germania trema in preparazione al Natale in mezzo al freddo pungente. Dato l’inizio anticipato dell’inverno, è probabile che non pochi cittadini si sposteranno verso distanze più calde. Più a sud, il sole, la sabbia e il mare vi tentano ancora con temperature piacevoli.

Vacanze a novembre o dicembre: gli avvisi di viaggio si applicano a 38 paesi

Se vuoi sfuggire al freddo, devi pensare attentamente a dove stai andando. Dopotutto, il mondo è in subbuglio a causa di varie guerre e conflitti. Il risultato: alcuni obiettivi tanto attesi sono ormai fuori discussione. Il Dipartimento di Stato elenca 38 paesi a riguardo Si applicano avvisi di viaggio o di viaggio parziale (Al 25 novembre).

Ciò include anche destinazioni turistiche popolari. Israele, per esempioIl conflitto in Medio Oriente è scoppiato di nuovo dopo il massacro commesso il 7 ottobre dai combattenti dell’organizzazione estremista islamica palestinese Hamas. In Giappone, ci sono almeno avvertimenti contro la visita alle aree evacuate attorno alla centrale nucleare di Fukushima.

Farnesina mette in guardia dai viaggi nelle Filippine: “Aumenta il rischio di rapimenti”

Secondo l’avvertimento, Haiti è attraversata da disordini e gli stranieri potrebbero diventare bersaglio di rapimenti. Si dice che in questa isola-nazione dei Caraibi si corre il rischio di rimanere feriti in scontri violenti tra bande, durante proteste o durante i saccheggi.

Almeno alcune zone e zone delle Filippine non dovrebbero essere visitate. Esiste un “rischio crescente di attacchi terroristici e rapimenti, sia a terra che in mare”.

Ma molti avvertimenti valgono anche per i Paesi africani. Ad esempio, in Etiopia, dove ad agosto il governo ha dichiarato lo stato di emergenza per sei mesi nella regione di Amhara. Le unità paramilitari sono impegnate in scontri armati con l’esercito.

Avvisi di viaggio per Algeria ed Egitto: alcune parti del paese dovrebbero essere vietate

Per quanto riguarda l’Algeria, c’è un avvertimento contro “gli spostamenti nelle zone di confine con Tunisia, Libia, Niger, Mali, Mauritania e Sahara Occidentale”. Si sconsiglia infatti vivamente di intraprendere “viaggi turistici in altre zone del Sahara algerino, nell’immediata zona di frontiera con il Marocco, al di fuori delle grandi città del nord del Paese, nelle zone rurali e montagnose” se queste i tour non sono accompagnati dalla protezione della polizia.

L’Egitto è particolarmente popolare tra i vacanzieri tedeschi, soprattutto grazie alle sue spiagge sabbiose. Ma anche qui il Dipartimento di Stato mette in guardia da questo Per viaggiare in alcune parti del paese. Dopotutto, l’Egitto confina con Israele e con la Striscia di Gaza, dove le forze Quds cercano di mettere in ginocchio Hamas da settimane.

Succedono molte cose in spiaggia: Alessandria è una delle destinazioni di viaggio preferite dell’Egitto. ©Imago/Xinhua

Secondo Berlino, non è consentito viaggiare nel nord della penisola del Sinai, nella zona di confine egiziano-israeliana – ad eccezione di Taba – e nelle zone remote del deserto. Inoltre, si sconsigliano le escursioni individuali non accompagnate e i viaggi via terra nella penisola meridionale del Sinai.

Vacanze in Egitto: alla Farnesina si parla di incidenti con poliziotti e missili

In Egitto ci sono sempre manifestazioni filo-palestinesi, talvolta con un gran numero di partecipanti. Si possono prevedere altri eventi simili, soprattutto il venerdì dopo la preghiera di mezzogiorno. Si consiglia di evitare manifestazioni e grandi assembramenti di persone.

Anche la Farnesina ha segnalato due incidenti. L’8 ottobre, un agente di polizia ha sparato e ucciso due turisti israeliani e una guida turistica egiziana in un sito turistico ad Alessandria. L’uomo è stato arrestato. Diverse persone sono rimaste ferite quando un missile ha colpito le città di Taba e Nuweiba nel Sinai il 27 ottobre. Forse i droni erano fuorvianti.

Il Foreign Office britannico riguardo all’Egitto: “Va prestata particolare cautela”

In ogni caso, esiste il rischio di attacchi terroristici a livello nazionale. Ma l’ultimo risale a quattro anni fa, quando un’autobomba esplose nel centro del Cairo nell’agosto 2019, uccidendo almeno 20 persone. In alcuni casi, i terroristi hanno preso di mira anche cittadini stranieri.

Sono previsti maggiori controlli di sicurezza, soprattutto notturni. Durante le festività come il Natale copto il 7 gennaio, le persone dovrebbero evitare la vicinanza alle istituzioni copte. In linea di principio, il Ministero degli Affari Esteri afferma: “Prestare particolare cautela quando si viaggia in Egitto, comprese le zone turistiche sul Mar Rosso”. (mg)