Dicembre 7, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Jürgen Bonnemann Capo Arbitro: Rappresentato DLRG Memmingen/Unterallgäu ai Mondiali in Italia

Quest’anno, per la seconda volta, DLRG Memmingen/Unterallgäu è stata rappresentata nella grande arena sportiva di soccorso. Jürgen Bonnemann, pluricampione mondiale e sub-mondiale e bagnino attivo del DLRG locale, è stato nominato dalle Organizzazioni Mondiali di Soccorso in Acqua (ILS) come Capo Arbitro per le Divisioni Pool dei Campionati Mondiali. Qui è stato responsabile non solo della classificazione e della formazione degli arbitri dei tornei di tutto il mondo, ma anche dell’intero processo del torneo e dell’interpretazione delle regole nella piscina coperta.

Incontro con tanti amici

Alla fine di settembre sono iniziati a Riccione, in Italia, i Campionati Mondiali di bagnini a 54 nazioni. In occasione dell’inaugurazione davanti al Palazzo del Turismo, Ponneman ha avuto l’onore di prestare giuramento di imparzialità a nome di tutti i giudici. Sono seguite in totale sei giornate intense e lunghe, tre ciascuna nel gruppo di età aperta e tre nel gruppo dei giovani. “Non volevo perdere un solo giorno. Oltre alle impressionanti prestazioni degli atleti, il momento clou dell’evento per me è stato il ricongiungimento con molti amici dall’Europa e da Australia, Canada e Nuova Zelanda”, afferma Uomo d’ossa. A causa di Corona, i campionati del mondo hanno dovuto essere posticipati di due anni, quindi la comunità salvavita non lo vedeva dai Mondiali del 2018 ad Adelaide/Australia.

Giornata seria per i giudici

Ogni mattina, prima dell’inizio del lavoro di salvataggio vero e proprio, Ponman ha dovuto discutere le misure di sicurezza e i piani di emergenza per la giornata con il comitato organizzatore e l’ufficiale di sicurezza. Questa è stata seguita da una discussione con circa 50 arbitri di partita e poi con i capitani delle squadre. Qui è necessario discutere le particolarità della giornata e rispondere a domande su regole e regolamenti. Sebbene i suoi due vice, Cristina Cecchi (Italia) e Annie Gardiner (Australia) si siano occupati dell’effettiva conduzione della competizione, le è stata attribuita la responsabilità generale e la responsabilità dei risultati delle proteste. Alle manche mattutine sono seguite nel pomeriggio le finali A e B, dove spesso si sono accumulate proteste, soprattutto per quanto riguarda le medaglie. In diverse occasioni, i leader dei comitati hanno contestato le decisioni di Ponneman davanti al Comitato d’Appello. In un solo caso la sua decisione è stata ribaltata a causa della posizione sbagliata del giudice di ritorno. “Come ex atleta in competizioni internazionali, ogni decisione contro quelli attivi mi ferisce, ma ovviamente devo ancora garantire una competizione leale. I miei arbitri di gara hanno fatto un lavoro fantastico e hanno reso i miei compiti molto facili”, ha detto Bonman. La sua decisione finale.

READ  Londra vuole cambiare le regole post Brexit

Vari campi

I Campionati Mondiali sono stati divisi in piscina e acque libere. Tutti i campi si basano su una possibile azione di ripristino. Ad esempio, in piscina, un giocattolo graduato deve essere recuperato oltre i 50 metri. Sul campo vengono utilizzate anche attrezzature di soccorso come pinne e soccorritori con cintura, un tipo di boa baywatch. Sebbene neutrale, Bonnemann ha sempre avuto in mente i risultati della nazionale tedesca. Nella classifica generale della fascia di età aperta, sono arrivati ​​​​quarti dietro ad Australia, Nuova Zelanda e Francia. La Germania è arrivata sesta nella categoria juniores.