Dicembre 9, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Italiano in francese: Torino in Piemonte

All’ombra di Milano, Torino è stata a lungo sottovalutata come meta di viaggio. La città ai piedi delle Alpi unisce lo stile francese con l’originale stile di vita italiano.

Brevemente essenziali

  • Torino si trova in Italia, ai piedi delle Alpi, a un’ora di macchina dalla Francia.
  • La cultura francese esiste da quando Torino fu sede del governo sabaudo dal 1563.
  • Con loro è arrivato il gusto dei migliori prodotti a base di caffè e cioccolato e il bagliore barocco.
  • La fabbrica Fiat, che qui iniziò la produzione nel 1899, è unicamente italiana.

Torino è servito in un bicchiere speciale molto popolare – e non deve essere mescolato.

Il bicerin è un composto caldo Cioccolato, Espresso e crema fredda de Late. “I tre strati non devono essere mescolati, altrimenti l’effetto andrà perso”, afferma Viviana di Cafe Al Picer.

Cafe è stato fondato nel 1763, e bizantino deve essere qui, Nel caffè più antico Città, scoperta.

Viviana è una delle quattro proprietarie della Coffee House. Dice: “Quando i torinesi andavano alla chiesa del Santuario della Consolata per strada, dopo la funzione bevevano una pizzeria”.

Un bicchiere è così ricco che può facilmente sostituire la colazione.

I Savoiardi portarono splendore barocco

Anche la prima manche CioccolatoSi dice che a Torino sia stata scoperta Io Cioccolata calda.

Nati in Francia nel 1563, i Savoiardi si trasferirono da Chambery a Torino, capitale del loro regno, e alla fine divennero dipendenti dal cioccolato.

I Sawyards non si limitavano a portare i propri Passione per le delizie culinarie, Ma tanti punti salienti del barocco per Torino e dintorni. Più di una dozzina dei loro castelli sono ora nell’elenco UNESCO– Patrimonio dell’Umanità.

Tra questi, ad esempio, la Reggia di Venaria Real, situata fuori città, i cui costruttori imitano l’eccellenza di un modello classico. Ad esempio, l’elegante Grande Galleria del Palazzo Reale ricorda la Sala degli Specchi di Versailles.

Influenza francese, ma molto italiana

Situato ai piedi delle Alpi torinesi, il confine con la Francia è a un’ora di macchina.

Come dice lo storico e scrittore torinese Alessandro Barbero, i rapporti con i vicini non sono sempre facili:

“Molte volte i francesi hanno cercato di catturare la nostra città, ma sono stati sconfitti dalle loro migliori difese”.

Il Basilica della Supercar Ci sono prove di questo. È uno dei punti di riferimento di Torino e da qui avrete una bellissima vista dell’intera città.

Il duca di Savoia Vittorio Amedeo II fece costruire la Basilica per ringraziare il “Re Sole” per aver respinto gli attacchi delle truppe francesi inviate da Luigi XIV.

“Naturalmente la vicinanza della Francia ci ha influenzato, eppure eravamo italiani nel cuore”, dice Barbaro a proposito dell’espresso in stile parigino Piazza San Carlo.

Ti senti superiore al Milan

L’origine di Torino risale all’epoca dell’Impero Romano. Ma furono i signori Savoia a mettere in scena la città ea costruire vasti viali e spiagge maestose.

Appare come il centro della pianificazione urbana – è in Francia.

“Si basa su un tracciato stradale simile a una scacchiera, partendo sempre dal Castello di Sawyard in Piazza Castello”, spiega Barbero.

Quest’ordine e questa onestà sono una delle ragioni per cui i torinesi si sentono superiori all’eterno rivale Milan.

“A Milano le strade ei vicoli sono medievali e hanno un problema”, dice Barbero.

Un tocco di Parigi

I portoghesi ricordano anche l’influenza francese a Torino. Eleganti portici sono il simbolo della città. Spesso sono collegati continuamente e si estendono per oltre 18 km.

Sotto gli eleganti portici troverai boutique, negozi storici e caffè di importanza storica, anche se il tempo è brutto Tempo metereologico Godetevi il loro aperitivo all’aperto.

Il tocco di Parigi si estende attraverso le regolari gallerie commerciali chiuse, piuttosto che l’elegante galleria subalpina tra Piazza Castello e Piazza Carlo Alberto.

C’è anche il bellissimo Palazzo Barocco Palazzo Carrigano, che un tempo ospitò i primi italiani Camere del Parlamento Incontrò e vide la facciata del suo architetto Parigi Louvre Impressionato.

Mi viene in mente la Torre Eiffel

Un elemento a Torino è la mole Antonelliana, originariamente costruita come sinagoga, ma non così utilizzata. La torre è alta 167 metri.

Un ascensore in vetro galleggiante gratuito ti porta su una piattaforma alta 85 metri. Tutti i luoghi d’interesse di Torino e lo splendido scenario montano sono spettacolari.

Nicole, una studentessa di architettura svizzera, in piedi sul podio con i suoi compagni di classe ha detto: “Con un po’ di immaginazione, puoi vedere che questa torre assomiglia alla Torre Eiffel.

Entrambe le strutture metalliche, infatti, furono realizzate contemporaneamente e inaugurate nel 1889. Fu l’inizio dello sviluppo di Torino come moderna città industriale.

Tutta Torino è stata scandita dall’orologio Fiat

Mole era qui dieci anni dopo l’insediamento di Antoneliana Fiat Fondata – e Torino è il centro dell’industria automobilistica in Italia.

“Tutte le torrette erano scandite dall’orologio FiatLa vita è iniziata presto e si è conclusa poco dopo l’ultimo turno, dopodiché i negozi sono stati chiusi ed era impensabile uscire tardi», ricorda lo storico Barbro.

Era giunto il momento per molti sud italiani di venire in città in cerca di lavoro. Hanno trovato riparo nel Palazzo, che oggi non è abbordabile, progettando così una città che oggi accoglie tanti immigrati da tutto il mondo.

Ultima ma non meno importante, la modernità costruita nel 1924 Fiat-Le officine del Lingotto stabiliscono anche nuovi standard architettonici.

Furono chiusi nel 1982 e sono ancora in produzione oggi Fiat Lo stabilimento si trova nel quartiere Mirafiori Sud a sud di Lingoto.

Museo d’Arte sul tetto dello stabilimento Fiat

Il famoso architetto Renzo Piano ha trasformato l’antico stabilimento di Lingoto in un centro di cultura e shopping.

Si è conservata la leggendaria pista di prova con ripide curve sul tetto, che oggi circonda la zona di Pinocchio. Fiat-Famiglia Agnelli.

I pezzi più pregiati di questo museo d’arte sono appesi in un cubo, un grande contenitore d’acciaio che il pianoforte un tempo chiamava il “portagioielli”.

Certo, molti torinesi considerano la loro città un’opera d’arte totale e preferiscono chiamarla “Picola Barigi”, “Piccola Parigi”.

Altro sull’argomento:

Cioccolato Parlamento UNESCO Louvre Meteo Fiat Travel Magazine Road


READ  Sebastian Vettel critica l'Italia e il presidente della Formula 1