Maggio 22, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Italia: Scala dei Turchi In Vendita Sicilia – Panorama

La bellezza è una maledizione, va sempre mantenuta e protetta. Come gli italiani, quando si hanno tante bellezze naturali e strutturate è un peso mantenerle in forma. Questo costerà un sacco di soldi ed energia. Uno di questi Campane, Scala dei Turchi, in vendita ora, è all’asta perché nessuno vuole occuparsi della manutenzione e della sicurezza. Almeno così sembra. Tuttavia, non tutto è come appare in questa storia.

“Scale dei Turchi” – Questo è il nome di una spettacolare scogliera bianca e luminosa nei pressi di Realmondo, nella provincia meridionale siciliana di Agrigento, con bellissime spiagge sabbiose a sinistra ea destra. La roccia è marna, una roccia sedimentaria. Vento e onde scolpiscono da secoli sulla scogliera, formando questi gradini. È molto piccolo con i turchi, il nome è basato su un errore: fino al medioevo, i locali pensavano che i pirati saraceni della regione araba che vagavano per il Mediterraneo fossero turchi. Mentre parcheggiavano le loro barche sulla roccia bianca per attaccare più villaggi, è diventato il giorno della Scala.

Le strutture dell’orrore hanno rovinato la bellezza della scogliera

Lei è sempre bellissima. Ma da quando esiste Instagram, la sua bellezza è stata esplorata in una certa misura dall’esperienza: è una delle immagini di mare più pubblicate in circolazione. Alcuni anni fa, dopo una lunga lotta, ambientalisti e custodi dei monumenti sono stati in grado di gestire due cosiddetti “Ecomostri”, che gli italiani spesso chiamano strutture dell’orrore erette illegalmente e demolite in natura. Hanno bloccato la scogliera. La bellezza particolare è spesso distrutta da una lussuria specifica, si capiscono le persone.

Scala dei Turchi è molto frequentata dai turisti. Finché esiste Instagram, la sua bellezza è stata ricercata empiricamente.

(Foto: Salvatore Cavalli / AP)

Lo scorso gennaio, degli idioti hanno lanciato secchi di vernice rossa sui gradini di un camion Scala Tea. Gloria bianca: impura. L’indignazione è stata buona e le immagini hanno fatto il giro del mondo. I cittadini si sono mobilitati e hanno spazzato via l’umiliazione. All’epoca, le autorità regionali e locali avevano promesso di controllare meglio l’area ora. L’amministrazione regionale della Sicilia ha promesso di inviare la Polizia Forestale.

Ma da allora non è successo niente, dice Ferdinando Ciaborra, 74 anni, funzionario della Camera di Commercio di Aguirre. Sciabbarrà è conosciuto come il “proprietario” della Scala dei Turchi – lo descrive il giornale. Corriere della sera Quel giorno, lo ha recentemente intervistato. Non tutti credono ancora che lo possieda davvero, anche se un tribunale, dopo aver letto vecchi piani e contratti fondiari, ha recentemente concluso che aveva acquisito legalmente almeno la cima della collina di Sieberra.

Il comune non vuole regalare la roccia

Voleva donarlo gratuitamente al comune di Realmonte. Ma lei non voleva accettare il regalo. Anche la regione ha rifiutato. O stanno solo fingendo? Ferdinando Sciabbarrà è annoiato a teatro, ora vuole mettere all’asta dalla scogliera, se possibile prima dell’estate, molti turisti verranno nuovamente fermati perché sarà lui stesso responsabile in caso di problemi. Se l’imprenditore Elon Musk, il fondatore di Tesla, acquisterà Scala, gli piacerà. “Chiederemo prima a Kasturi. È importante per lui che in futuro l’accesso per i visitatori continuerà ad essere gratuito e che la roccia non sarà costruita da un hotel o da un chiosco. Quando gli è stato chiesto perché Elon Musk dovrebbe essere un acquirente, ha detto: “Musk o qualcosa di simile al muschio”.

Un milionario che può mantenerlo e fare qualcosa per la sua immagine. Potrebbe aver visto il suo nome nei media per la sua acquisizione di Twitter da 44 miliardi di dollari. Non si sa ancora nulla dell’interesse di Elon Musk per Scala Tea Turkey. Il Corriere La storia ricorda la celebre scena della commedia del 1961 Totòtruffa ’62. In essa il gigantesco Totò si finge proprietario della Fontana di Trevi a Roma, insegue i bambini pescatori in cerca di monete – e poi ci prova. Per aver rubato una fontana venduta a un turista dagli Stati Uniti.

READ  L'Italia vuole vaccinare il 90 per cento della popolazione