Agosto 11, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Italia: Pausa glaciale nelle Dolomiti

  1. Pagina iniziale
  2. il mondo

Creato da:

Compreso: Martina Liebl

Soccorso l’undicesimo e ultimo disperso dopo il crollo di un ghiacciaio nelle Dolomiti. Il tedesco ferito può lasciare la clinica. Tutte le informazioni nel ticker del messaggio.

Aggiornato il 10 luglio alle 8:26r: Si sentono le sirene dei vigili del fuoco, poi le campane della chiesa parrocchiale suonano per il funerale, i negozi abbassano simbolicamente le serrande per 10 minuti. La città di Kanasei ha pianto i morti sul ghiacciaio della Marmolada sabato alle 18.00. L’ultimo alpinista ancora disperso è stato trovato morto sabato.

Sei uomini e tre donne dall’Italia e due alpinisti cechi sono morti domenica (3 luglio) quando un ghiacciaio si è staccato nelle Dolomiti. Intorno alle 14, massicci ghiacci, acqua e detriti sono caduti improvvisamente nella valle della Marmolada. Otto persone, tra cui due tedeschi, sono rimaste ferite. Il 67enne tedesco è stato in grado di lasciare la clinica sabato (Verifica anche l’aggiornamento dal 9 luglio alle 19:30).

Un incidente nelle Dolomiti ha scosso l’Italia. Il presidente regionale Maurizio Fugati ha annunciato che proseguirà la ricerca delle rotture dei ghiacciai nelle Dolomiti. I servizi di emergenza cercheranno altre parti del corpo e altri effetti personali delle vittime dell’incidente, ha detto Fugati.

Dopo lo scioglimento del ghiacciaio nelle Dolomiti: le squadre di ricerca sono ancora al lavoro nel massiccio della Marmolada. © Uffizio Stampa

Incidente su ghiacciaio nelle Dolomiti: tedesco dimesso dalla clinica

Aggiornato il 9 luglio alle 19:30: Un alpinista tedesco è stato dimesso dall’ospedale sei giorni dopo un incidente da valanga nelle Dolomiti. Il 67enne è stato prelevato dai parenti sabato mattina e riportato in aereo in Germania, ha riferito la Clinica Uls Dolomiti di Feltre. L’ospedale ha pubblicato una foto dell’uomo su Facebook, le mani e le braccia strettamente legate. Ha anche ferite alla fronte e alle gambe.

Il 67enne era pieno di gratitudine e ha espresso il suo apprezzamento alla clinica e a tutti i soccorritori. Tali notizie sono particolarmente toccanti per l’odierna “Giornata del lutto” in memoria delle vittime della Marmellata, prosegue la clinica. La donna tedesca, invece, ferita nella discesa del ghiacciaio domenica scorsa, sembra essere ancora in clinica nel comune di Belluno. Luca Zaia, capo della Regione Veneto, ha detto che le sue condizioni stanno migliorando.

READ  Il governo federale non ha perseguito l'ufficiale che ha sparato alla schiena a Jacob Blake

Intanto il presidente regionale del Trentino-Alto Adige Maurizio Fugati ha annunciato che le squadre di ricerca continueranno a lavorare nell’area montana. A partire dai prossimi giorni, tre squadre opereranno in tre diverse zone del cono valanghe invece di una. Secondo Fugati, i servizi di emergenza stanno cercando più parti del corpo e altri oggetti personali delle vittime dell’incidente.

Rottura ghiacciaio nelle Dolomiti: i soccorritori trovano undici morti

Aggiornato al 9 luglio, 13:30: Alla ricerca di altre vittime nelle Dolomiti del nord Italia, sabato le squadre di ricerca hanno trovato l’undicesima e ultima scomparsa. I soccorritori hanno detto di aver trovato i resti di un alpinista che è stato travolto da una valanga e detriti domenica scorsa. La polizia e gli esperti di soccorso alpino hanno soccorso dieci persone che erano morte in precedenza.

I Carabinieri sono riusciti anche sabato a identificare i corpi con i confronti del Dna. I morti erano sei uomini e tre donne dall’Italia e due alpinisti cechi. Otto persone sono rimaste ferite. Tra loro, un uomo e una donna tedeschi sono ricoverati in una clinica in provincia di Belluno. L’ospedale ha detto che le sue condizioni sono stabili.

Dopo la caduta glaciale nelle Dolomiti
Un elicottero di soccorso sorvola il ghiacciaio di Punta Rocca nelle Alpi italiane. © Luca Bruno/AP/dpa

Dopo lo scioglimento del ghiacciaio nelle Dolomiti: Sabato la ricerca è proseguita

Aggiornato al 9 luglio, 11:10: Nelle Dolomiti sono proseguite sabato mattina le ricerche delle altre vittime della valanga mortale. I soccorritori con squadre cinofile sono stati trasportati in aereo al colle della Marmolada. Con cinque persone ancora disperse e quattro dei dieci corpi recuperati finora non identificati, i soccorritori hanno ipotizzato che un altro escursionista potesse essere sepolto sotto la neve e i detriti.

Dopo l’incidente di domenica scorsa, i soccorritori e i politici della regione del nord Italia hanno promesso che la ricerca sarebbe continuata fino a quando tutti i morti non fossero stati trovati e salvati.

I servizi di emergenza si aspettano ulteriori approfondimenti dai primi test del DNA previsti questo sabato. Gli esperti dei Carabinieri confrontano le tracce di Dna di parti del corpo ritrovate sulla montagna con quelle di parenti. Tutti gli escursionisti finora scomparsi sono italiani.

Crollo del ghiacciaio nelle Dolomiti: la Guardia di Finanza sostiene la ricerca dei dispersi con un reparto cinofilo.
La Guardia di Finanza sostiene la ricerca di persone scomparse con un’unità cinofila. © Daniel Paternoster

10 morti per il crollo del ghiacciaio nelle Dolomiti – confermata un’altra frana

Aggiornato dall’8 luglio alle 18:00: Cinque giorni dopo il crollo del ghiacciaio delle Dolomiti, non lontano si verificò un’altra frana. Secondo i primi accertamenti, nessuno è rimasto ferito dal Soccorso alpino della regione Veneto del nord Italia.

Alle 11:38 di venerdì a 2.400 metri di quota dal monte Moissa il masso si è staccato ed è caduto dalla via di accesso alla ferrata. Un alpinista tedesco ha sentito un forte scoppio, ha visto una nuvola di polvere e ha lanciato l’allarme in un rifugio vicino. Dopo essere volato via con l’elicottero, il Soccorso alpino ha negato che le persone siano rimaste ferite.

READ  L'Italia perseguirà potenziali sanzioni contro l'Iran?

Il monte Moissa, nei pressi del comune di Acorto in provincia di Belluno, dista appena 20 chilometri dalla Marmolada in linea d’aria.

Pausa glaciale nelle Dolomiti: continua la ricerca di potenziali vittime

Aggiornato all’8 luglio, ore 9:30: I soccorritori hanno continuato a cercare le vittime venerdì mattina dopo il crollo di un ghiacciaio in Marmolada, nel nord Italia. La provincia autonoma di Trento ha comunicato che 14 uomini e donne e due cani dei vigili del fuoco, della polizia e del Soccorso alpino erano sul posto dalle 6:15. I lavori dovrebbero continuare finché il tempo lo permette. I sistemi di monitoraggio della Svizzera stanno monitorando possibili movimenti nella massa glaciale lunga circa due chilometri.

Finora, le autorità hanno confermato dieci morti dopo essere stati seppelliti da una valanga, neve e detriti su una montagna delle Dolomiti domenica scorsa. Con cinque italiani ancora dispersi a giovedì sera, gli esperti dei Carabinieri devono ora chiarire l’identità delle vittime ancora sconosciute. I decessi identificati includono quattro italiani e due cittadini cechi. Otto persone, tra cui un uomo e una donna tedeschi, sono rimaste ferite nell’incidente.

Pausa ghiacciaio nelle Dolomiti: Proseguono i servizi di emergenza per la ricerca dei dispersi in Marmolada.
Pausa ghiacciaio nelle Dolomiti: Proseguono i servizi di emergenza per la ricerca dei dispersi in Marmolada. © Daniel Paternoster

Sale a dieci il bilancio delle vittime: i soccorsi recuperano un altro cadavere nelle Dolomiti

Aggiornato al 7 luglio, 22:00: Sale a 10 il bilancio delle vittime del crollo di un ghiacciaio nelle Dolomiti del nord Italia. I servizi di emergenza hanno recuperato un altro cadavere, ha detto giovedì sera ai giornalisti a Canasi Maurizio Fugati, capo della provincia autonoma di Trento.

Inoltre, l’identità dei sei morti potrebbe essere chiarita. Ce ne sono due dalla Repubblica Ceca e quattro dall’Italia. Si pensa che ancora cinque italiani siano dispersi. Gli esperti dei carabinieri devono ora accertare se si trovano tra i corpi ritrovati e chiarire l’identità delle altre vittime.

Crollo del ghiacciaio nelle Dolomiti – Tragedia in Marmolada

Rapporto del 7 luglio: Kanasei – I soccorritori delle Dolomiti sono tornati al lavoro all’alba. I servizi di emergenza sulla scena del disastro di Marmalade hanno utilizzato droni ed elicotteri per cercare tracce non identificate utilizzando cani. I ghiacciai sono instabili. Il ghiaccio pesante può staccarsi in qualsiasi momento: è necessaria la massima cautela. Sarebbe stato molto pericoloso negli ultimi giorni. Durante l’operazione di ricerca sono stati trovati piccozze e zaini. Lo riporta l’agenzia di stampa italiana Ansa, citando fonti di intelligence. “Durante le indagini ci sono stati ritrovamenti di materiale organico e tecnico”, ha detto giovedì mattina la provincia di Trento. I resti vengono recuperati, portati lungo il fiume ed esaminati. Il lavoro sul campo è iniziato alle 6:30 e si è concluso alle 9:15.

READ  Serie A: Trasmissione in TV e live streaming in Germania

Neve, massi e rocce sono improvvisamente caduti sul ghiacciaio della Marmalade intorno alle 14 di domenica (3 luglio). Gli esperti sospettano che un’enorme quantità di acqua di disgelo si sia formata sotto il ghiacciaio. La RAI ha riferito che la pressione dell’acqua tra il ghiaccio e la roccia si è trasformata in una “bomba”. Questa forza tremenda sollevò il ghiaccio e lo gettò a una velocità di 300 km/h.

Il gelo sulla montagna più alta delle Dolomiti ha superato i 3.000 metri per 25 giorni. A Punta Peña a 3.343 metri i valori superavano i 10 gradi. Era di 10,7 gradi durante il crollo del 3 luglio.

Marmolada (Marmolta italiana): “Regina delle Dolomiti”

La Marmolada (3.343 metri) è la montagna più alta delle Dolomiti e fa parte del gruppo della Marmalada.
Il Ghiacciaio delle Marmellate è uno dei ghiacciai più grandi delle Alpi italiane e si trova nella parte settentrionale del Gruppo delle Marmellate nelle province di Trento e Belluno.
Crollo del ghiacciaio della Marmolada: domenica pomeriggio (3 luglio 2022) massi e ghiaccio si sono staccati nei pressi di Punta Rocca sulla strada per la vetta. Nella zona erano presenti diverse squadre di funivie.
Una vista del ghiacciaio Marmalade il 7 luglio 2022.
Una vista del ghiacciaio Marmalade il 7 luglio 2022. © Daniele Paternoster/Provincia di Trento

Pausa ghiacciaio nelle Dolomiti – Continuano i soccorritori alla ricerca delle vittime della valanga della Marmolada

Neve, ghiaccio e detriti hanno ucciso decine di persone domenica (3 luglio). 8 persone tra cui un uomo (67) e una donna (58) dalla Germania sono rimaste ferite. Sono in ambulatori in provincia di Belluno. Le sue condizioni hanno continuato a migliorare, ha annunciato mercoledì sera l’operatore dell’ospedale. Ulteriore Alla morte del marito, Alessandra è sopravvissuta alla tragedia della Marmolada. In un toccante post sui social, ha ricordato pubblicamente il suo Tommaso.

I funzionari hanno finora confermato ufficialmente nove morti. a I resti delle due vittime sono stati ritrovati mercoledì. Questa è la coppia scomparsa del Veneto, ha riportato la Rai. Quattro dei deceduti sono stati identificati dai familiari. Le vittime, non ancora identificate, sono probabili Repubblica del Che. Un cadavere inizialmente è all’oscuro. (ml)