Dicembre 4, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Censura dei media: la Russia blocca la homepage di WELT – WELT

all’estero Censura mediatica

La Russia blocca la homepage di WELT

La Russia blocca la homepage di WELT

WELT è ora bloccato in Russia. Lo hanno affermato all’unanimità diverse agenzie di stampa russe. Il Servizio federale ha incluso Roskomnadzor Welt.de e tutti i sottodomini nell’elenco delle pubblicazioni da vietare.

Welt.de è ora bloccato in Russia. La giustificazione ufficiale per il consiglio di sorveglianza è ambigua. Ma la copertura critica della guerra di aggressione della Russia in Ucraina potrebbe essere una spina nel fianco del Cremlino.

DottWELT è ora bloccato in Russia. Lo hanno affermato all’unanimità diverse agenzie di stampa russe. Il Servizio federale per la supervisione delle comunicazioni, della tecnologia dell’informazione e delle comunicazioni di massa, noto come Roskomnadzor, ha incluso Welt.de e tutti i suoi sottodomini nell’elenco delle pubblicazioni da vietare. A poco a poco, i fornitori di servizi russi hanno implementato la domanda.

A fine marzo, la Russia ha bloccato il sito web bild.de, pubblicato da Axel-Springer-Verlag, come WELT. In precedenza, nella lista erano finiti i siti web di Deutsche Welle e della BBC britannica.

Welt.de si trova già nel database pubblicamente disponibile dei siti Web bloccati gestiti da Roskomnadzor. Di conseguenza, il sito web WELT è stato bloccato su richiesta del procuratore generale il 9 luglio 2022.

Il motivo è ancora ambiguo: le informazioni che violano la legge sono pubblicate su welt.de, quindi si intende l’inclusione nella legge federale n. 149-FZ dell’articolo 15.3. L’informazione non è menzionata. Secondo l’agenzia di stampa russa TASS, si tratta di “inviti a disordini di massa, estremismo e partecipazione ad azioni di massa illegali”.

Finora, il blocco welt.de è stato trovato solo con il numero di file del pubblico ministero designato da Roskomnadzor 27-31-2022 / Id9701-22. Diversi siti Web relativi all’effettiva censura della guerra prevalente in Russia sono stati bloccati con numeri di file simili nella serie 27-31-2022. Ciò include, ad esempio, post su Internet e forum sui social media politicamente neutrali che trasmettono e criticano la guerra al di là delle linee guida per la propaganda di stato.

Leggi anche

Ciò suggerisce che il commento di welt.de potrebbe avere qualcosa a che fare con la sua copertura della guerra della Russia contro l’Ucraina. Tuttavia, i siti in lingua straniera raramente attirano l’attenzione delle autorità di censura russe. Ma di recente, il quotidiano britannico “Daily Telegraph” è entrato nella lista dei banditi a giugno.

Poiché bild.de è stato bandito in Russia, welt.de ha pubblicato traduzioni russe di articoli BILD che trattano della guerra russa in Ucraina. È molto probabile che siano state proprio queste pubblicazioni a far infuriare le autorità di censura russe – dal punto di vista del Cremlino, testi offensivi in ​​lingua russa, nascosti sotto contenuti in lingua tedesca.

READ  A quanto pare i manifestanti sono stati arruolati per il servizio militare