Settembre 27, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Italia: Parti in preda al panico in cerca di partner. – Politica

Trovare un partner può essere complicato, soprattutto quando all’ultimo minuto sei preso dal panico. Ma questo è ciò che sta accadendo ora a Roma. Chi è alleato con chi e perché, questa domanda si sposta verso l’interno Italia Partiti che non appartengono alla destra violenta. Che si tratti di singoli politici o partiti, i media pubblicano ogni mezza frase che esce quando cercano un partner. La campagna elettorale è in pieno svolgimento con l’avvicinarsi delle vacanze di Ferragosto: entro il 15 agosto in Italia tutti vogliono essere al mare o in montagna. Ma mancano solo sei settimane alle elezioni generali del 25 settembre e la legge elettorale costringe i partiti a formare presto un partenariato.

C’è poco movimento nei sondaggi. L’alleanza postfascista Fratelli d’Italia (FdI) con la Lega populista di destra e Forza Italia capitalista di Silvio Berlusconi continua a guidare con il 46 per cento, mentre in Italia i fratelli di Giorgia Meloni costituiscono una buona metà. Meloni, che è calmo riguardo al fascismo e guarda a Viktor Orbán come un modello e ha ammirato Vladimir Putin fino alla guerra in Ucraina, ha le migliori possibilità di diventare capo del governo italiano. Altre parti vogliono disperatamente impedirlo.

Il più forte sfidante della destra è il Partito socialdemocratico Democrático (PD), che nei sondaggi è alla pari o inferiore all’FdI. Una coalizione deve riunirsi attorno a questa forza per avere una possibilità. Il capo del PD Enrico Letta è da settimane alla ricerca instancabile di alleati. Ha difficoltà a trattare con i partiti minori dall’1,5 al 4 per cento. Leta rifiuta categoricamente un’alleanza con i condannati Cinque Stelle, il Dieci o Undici Percento, che ha portato alla fine del governo di Mario Draghi.

READ  La siccità sta diventando un problema serio in queste destinazioni turistiche

Letta ha già individuato dei partner: Beau Europa (Più Europa) guidata dall’ex commissaria Ue Emma Bonino e il suo partner Agion (Attivo), Sinistra Italiana (Sinistra Italiana) e il suo partner Europa Verde (Green Europe). Secondo i sondaggi, i minori possono contribuire del dieci per cento, ma nel complesso è il dieci per cento in meno di quanto si aspetterebbe la destra. La coalizione di Leta crollò prima ancora di costituirsi: pochi giorni dopo, il presidente di Azione Carlo Calenda ruppe l’accordo con il Pd. Leta, sconvolta, dice che Calenda può allearsi solo con lui.

“La fine più dolorosa della mia vita”

Carlo Calenda è una persona sicura di sé al di fuori dell’agenda politica italiana. Ha lavorato nel mondo degli affari ed è stato apartitico per molto tempo. Quando Letta era primo ministro, nel 2013 l’ha nominata viceministro dell’economia e Calenda è stata primo ministro per altri due mandati. Per un po’ è stato membro del PD: si è unito prima delle elezioni del 2018 e ha lasciato di nuovo nel 2019. Credeva che l’Alleanza Cinque Stelle avesse torto e fondò Azheon. Si definisce un liberal-progressista. Come Letta, è un europeo convinto e accettano di perseguire l’agenda di Draghi.

Calenda ha spiegato per la prima volta perché ha cambiato il partner prescelto nel programma televisivo della giornalista politica Lucia Annunziata, che la domenica accompagna i suoi ospiti in inchieste private molto pubblicizzate. Calenda ha detto che è stata “la decisione più dolorosa della mia vita”. Ha fornito ragioni che mettono in luce vecchie debolezze della politica italiana, in particolare la presa. Per molto tempo, ha detto Calenda, il PD non ha lavorato per qualcosa, ma contro qualcuno – Berlusconi, il PD stava indossando.

READ  Ammissione di immigrati: l'Italia fornisce aiuti da Parigi e Berlino

Bene, dice Calenda, il PD sta minacciando di farlo di nuovo, con una coalizione progettata esclusivamente per contrastare un governo di destra. Non basta accumulare voti, serve una politica proattiva.

Calenda ha stretto un accordo con Letta prima di portare a bordo la Sinistra Italiana e la sinistra Europa Verde, anche se divergenti su alcune questioni fondamentali. Una tale alleanza, specialmente con la popolazione deserta a cinque stelle, non può essere trasmessa all’elettorato e deve fallire, ha stabilito Calenda. Anche lì ha sofferto di convulsioni e per molto tempo è stato combattuto tra combattimenti di sinistra. Secondo Calenda, sperava che il PD avesse coraggio Il Un elemento ancora più di sinistra deve apparire come un partito liberale di sinistra non necessario.

Non sorprende che Calenda abbia cercato di negoziare con un altro uomo chiave dell’ex PD: l’ex primo ministro Matteo Renzi, che ha mobilitato il partito e ha brutalmente estromesso Letta da capo del governo nel 2014. Dal 2019 guida il suo partito Italia Viva (IV) e vuole colmare una grande lacuna nel panorama politico del centro liberale italiano.

Rimbalzando al due percento

L’eloquente Renzi ha una forte presenza pubblica, ma il suo partito, come quello di Calendez, cresce di circa il due per cento. Nel gabinetto di Renzi c’era anche Calenda, hanno quasi la stessa età, 49 e 47 anni, e ora pensano di andare d’accordo. Renzi si è subito entusiasmato per il fatto che Calenda non fosse in competizione con il PD: ora c’era una possibilità migliore per un “terso polo”, ha detto, un terzo campo politico nel mezzo.

READ  Torna Mario Balotelli

Mercoledì hanno voluto dividere i blocchi. Non è facile con la complessa legge elettorale Rosatellum che unisce rappresentanza proporzionale e maggioritarismo. Per entrare in parlamento, un partito ha bisogno di almeno il tre per cento e una coalizione almeno del dieci per cento. Renzi e Calenda sperano di raggiungere quel valore o più e decidere chi può governare. Comunque, con il loro grande ego, ora sono una delle coppie più eccitanti d’Italia.

Mentre tutti sono minacciati da un forte partito di non elettori disamorati, le cose si stanno complicando al Five Star, che deve schierare diversi nuovi candidati poiché il fondatore Pepe Grillo insiste su una politica di due mandati al massimo per loro. Politici, alcune star di spicco non possono più competere.

La destra è unanime, affermando che Meloni rappresenta l’integrazione dell’Italia con l’Occidente e una campagna diffamatoria per i media per documentare i suoi legami con militanti estremisti di destra e fascisti. Il boss della Lega Matteo Salvini immagina una massiccia ondata di migranti da cui è l’unico a difendersi, come faceva da ministro dell’Interno. A 85 anni Silvio Berlusconi ha fatto quello che ha sempre fatto in campagna elettorale: promesse – dalla flat tax a piantare milioni di alberi.