Febbraio 27, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Italia: i forestali uccidono orsi “pericolosi” nelle Alpi

Italia: i forestali uccidono orsi “pericolosi” nelle Alpi

SonoUn orso pericoloso è stato abbattuto sulle Alpi italiane. Martedì le autorità forestali hanno sparato e ucciso un animale da caccia di due anni e mezzo nella provincia di Trento, hanno annunciato mercoledì le autorità locali. Secondo loro, si è avvicinato alle città “nella migliore delle speranze”. Il 28 gennaio ha seguito gli escursionisti per circa 500 metri, dopodiché l'Istituto per la conservazione della natura e la ricerca ambientale ha immediatamente ordinato la sua fucilazione.

Lo ha approvato il presidente della Regione Maurizio Fugati. Aveva già sostenuto che le popolazioni di orsi fossero frenate dopo che un orso che faceva jogging lo aveva ucciso su un sentiero nella stessa zona il 7 aprile dello scorso anno. Dopo che l'orso è stato ucciso, l'organizzazione per la protezione degli animali “International Organization for Animal Protection” ha condannato la “politica cieca e anti-animali” dei funzionari di Trent.

Tra il 1996 e il 2004, attraverso il progetto “Life Ursus”, la Provincia dell'Italia Settentrionale ha perseguito l'obiettivo di riportare gli orsi nel Nord Italia. Dovevano stabilirsi lì 50 orsi, ma ora ce ne sono molti di più. In totale, in Italia vivono dai 120 ai 200 orsi, principalmente a Trento e in Abruzzo, nel centro del Paese.

I contenuti di terze parti possono essere trovati qui

Il tuo consenso revocabile alla trasmissione e al trattamento dei dati personali è necessario poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di terze parti affinché i fornitori di contenuti incorporati possano visualizzare i contenuti incorporati. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l'interruttore su “ON”, accetti questo (puoi recedere in qualsiasi momento). Ciò include il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali verso paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, in conformità con l'articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo qui. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.