Febbraio 26, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I posti di lavoro furono trasferiti dalla Germania alla Polonia

I posti di lavoro furono trasferiti dalla Germania alla Polonia
  1. Home page
  2. un lavoro

Dopo un periodo economico record, le vendite del tradizionale produttore di elettrodomestici sono recentemente crollate. Ora Miele sta tagliando migliaia di posti di lavoro e spostando la produzione in Polonia.

Gutersloh – Ci sono speculazioni da molto tempoOra i timori sono diventati realtà: il produttore di elettrodomestici Miele ha tagliato migliaia di posti di lavoro, in questo modo La rivista del direttore Come riportato lunedì (5 febbraio). Ora ci sono più dettagli: fino a 2.700 posti di lavoro potrebbero essere persi o colpiti dal trasferimento – e 700 posti di lavoro dovrebbero essere eliminati solo nello stabilimento di Gütersloh perché la produzione di lavatrici verrà trasferita quasi interamente in Polonia: l'azienda ha annunciato questo martedì.

Nell'anno del suo 125° anniversario, questo è particolarmente agrodolce per l'azienda tradizionale.

Già si prevedevano tagli di posti di lavoro presso il produttore tradizionale Miele

All'inizio dell'anno la direzione di Miele ha infatti distribuito ai propri collaboratori un videomessaggio sull'intranet aziendale Rapporto sullo sviluppo mondiale menzionato. Ciò ha fatto sì che i dipendenti si preparassero a cattive notizie.

Produzione di lavatrici nello stabilimento Miele di Gütersloh. ©IMAGO/Robert B. pescatore

Ha detto che il 2024 sarà un anno di “decisioni difficili e profondi cambiamenti”. La produzione dell'azienda deve essere riorganizzata, altrimenti a lungo termine Millie nel suo insieme sarà a rischio, continua il videomessaggio. Si è parlato anche di possibili tagli ai posti di lavoro.

Tagli posti di lavoro a Mili: questo il piano di Gutersloh

Secondo Milley, il piano ora assomiglia a questo Nello specifico, entro il 2027, quasi tutte le lavatrici domestiche saranno assemblate a Csawwiro, in Polonia. Per raggiungere questo obiettivo, 700 posti di lavoro saranno gradualmente eliminati nello stabilimento di Gütersloh. Le restanti parti della produzione delle attrezzature Gütersloh come l'impianto di pressatura, la fonderia o la lavorazione dei pezzi fusi non sono interessate dal processo di trasporto.

“Quello a cui stiamo assistendo attualmente non è una recessione temporanea dell'economia, ma piuttosto un cambiamento permanente delle condizioni quadro che ci interessano e alle quali dobbiamo adattarci”, ha scritto l'amministrazione Milley in una comunicazione interna ai dipendenti. Ha continuato: “Ora si tratta di compiere passi seri e siamo pienamente consapevoli che ciò danneggerà gravemente molti colleghi”.

La società ha spiegato che le aree che potrebbero essere interessate dai tagli ai dipendenti e in quale misura non sono ancora state determinate. I dettagli dovranno essere approfonditi nei prossimi mesi e negoziati con le parti sociali. Il management conta anche sul “dialogo costruttivo con l’IG Metall”.

Miele non è la prima azienda a dover tagliare posti di lavoro nel 2024

Il fatturato dell'azienda di famiglia, fondata nel 1899, è diminuito notevolmente nel 2023. Negli anni precedenti Milly aveva vissuto un'economia eccezionalmente forte, a causa della pandemia di Corona. Miele è un fornitore premium di lavatrici, asciugatrici, forni, stufe e aspirapolvere, i cui clienti sono stati meno colpiti dall'aumento dei prezzi dovuto all'inflazione e dall'aumento dei costi dei materiali.

Miele non è affatto la sola a tagliare posti di lavoro nel nuovo anno: anche altre aziende tedesche sono state costrette a tagliare significativamente i posti di lavoro. Ciò includeva anche un altro produttore di elettrodomestici, Bosch. Ma recentemente il produttore di bilance tradizionali Benzarba è stato costretto ad annunciare la soppressione di numerosi posti di lavoro. (Fabian Hartmann, lma/dpa)