Febbraio 1, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Italia: entrare a Venezia? Polemiche continue in Serenissima – Panorama

Il Ponte di Rialto riflette il Canal Grande. Foto: Anteo Marinoni/LaPresse/AP/dpa

Milioni di turisti vengono a Venezia ogni anno – stiamo lentamente esaurendo i cittadini. L’ingresso alla città dovrebbe essere la soluzione. Ma questa mossa potrebbe arrivare nel 2023?

Venezia – Magnifici palazzi affacciati sull’acqua, canali fiancheggiati da gondole, musei d’arte di fama mondiale: Venezia è unica, un luogo di nostalgia – e un’enorme calamita turistica. La città del nord Italia, una volta descritta dall’autore Thomas Mann come “lusinghiera e sospettosamente bella”, attira ogni anno milioni di visitatori da tutto il mondo.



La città ha voluto agire perché la “Serenissima” non poteva controllare i suoi turisti ei circa 50.000 residenti nel cuore della città lacustre erano stufi.

Soluzione: chiedere l’ammissione. Nell’estate di quest’anno, il comune ha offerto il suo programma Contributo di Accesso (canone di accesso) ai rappresentanti dei media in Italia e nel mondo. Il progetto non è nuovo, con idee che perseguitano i politici nella città patrimonio mondiale dell’UNESCO dal 2019. Finora, l’introduzione è fallita.



In attesa dell’approvazione del consiglio comunale

Ma ora deve finalmente iniziare. Dal 16 gennaio 2023 i turisti giornalieri dovranno prenotare online la loro visita a Venezia e far pagare tra i tre ei dieci euro a persona, a seconda di quanto è trafficata la città. Ma per ora nessun piano è stato elaborato. L’assessore alla cultura Simone Venturini spiega che la giunta comunale non ha l’approvazione definitiva. La promulgazione fu quindi rinviata e Venezia rimase per il momento libera.

La città sta spiegando la mancanza di una decisione in consiglio con un sondaggio tra i cittadini che possono presentare raccomandazioni per l’inclusione online fino al 7 gennaio. Infatti, il biglietto per Venezia non sarà introdotto fino all’estate 2023. Perché all’inizio del prossimo anno i politici di Venezia vogliono accettare il piano, e poi ci vorranno sei mesi prima che entri in vigore, spiega il portavoce della città.

READ  La montagna guida i monumenti della prima guerra mondiale in Italia

Area non interessata da progetti

Marco Casparinetti crede che la quota di iscrizione non arriverà mai. “Per come è scritto il regolamento non si applica, e infatti siamo già al quinto rinvio”, dice il politico locale. Sebbene esista un turismo di massa di escursionisti e incrociatori, la regolamentazione dei visitatori attraverso i biglietti d’ingresso è molto controversa tra i locali.

Quando i turisti parlano di Venezia, si riferiscono a una parte del lago con città storiche tra cui la famosa Piazza San Marco, il Ponte di Rialto e il Canal Grande, oltre a tante piccole isole. Il comune vuole far pagare per questo. Non si applica alla superficie terrestre. Con i biglietti, le autorità potrebbero stimare meglio quante persone visiteranno la città e coordinare di conseguenza il trasporto pubblico, ha affermato Summer.

Secondo l’assessore al bilancio Michele Zuin, il Comune ha promesso sei milioni di euro di entrate per il 2023. Addirittura 13 milioni di euro negli anni successivi. Venezia voleva utilizzare i soldi per abbassare la tassa sui rifiuti per i residenti e implementare un biglietto d’ingresso. Perché la stazione ferroviaria – punto di accesso fondamentale – non dovrebbe avere tornelli come uno stadio di calcio, ma le forze dell’ordine devono controllare la conformità all’ingresso della città.

Escursionisti e crociati

Dopotutto, gli escursionisti e i famigerati crociati devono pagare. Chiunque prenoti un hotel a Venezia riceverà al momento della prenotazione uno scan code per accedere a Venezia. I cittadini furono comunque esentati dall’azione. Chiunque inviti qualcuno a casa sua potrebbe richiedere un codice in anticipo, cosa che i critici hanno visto come un’invasione della sicurezza dei dati e della privacy.

Alcuni veneziani pensano che la città dovrebbe gestire la folla in modo diverso. Con l’inclusione, Venezia diventerà un “parco vacanze”, afferma Matteo Cecchi, che gestisce un sito web pro-Venezia. Soprattutto vede come un problema gli escursionisti che intasano le strade e lasciano soldi in città. A causa dell’elevato numero di turisti, Venezia ha già molte restrizioni: ad esempio, non è consentito camminare senza costume da bagno o camicia, o sedersi per terra a mangiare o bere. Alcuni reati possono essere multati fino a 500 euro.

READ  La lotta per l'aviazione italiana - L'economia

Lo spazio è limitato

Cecchi teme che i turisti non si comporteranno bene se insisteranno nell’acquistare i biglietti perché avranno pagato. Pensa che l’opzione migliore sarebbe imporre una tassa aggiuntiva sui beni venduti a Venezia. Ad esempio, se acquisti una bottiglia d’acqua, paghi di più, ma i soldi vanno alla città. Gasparinetti sostiene che il limite di capienza è fissato “per motivi di ordine pubblico e per tutelare l’integrità della popolazione” – soprattutto nei giorni di ponte nei fine settimana, quando un gran numero di persone vuole venire. Devono prenotare la loro visita, ma gratuitamente.

“Sono 20 anni che si parla di limite di occupazione. Spero che i tour operator e in primis i turisti capiscano che uno spazio limitato non può accogliere masse infinite”, dice Casparinetti. In questo contesto, ha anche menzionato il rischio di panico di massa come a Seoul, in Corea o a Torino nel giugno 2017.