Febbraio 26, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Italia: 22 gradi in Alto Adige, tempo balneare in Sicilia

Italia: 22 gradi in Alto Adige, tempo balneare in Sicilia
  1. tz
  2. il mondo

A Lerici, vicino La Spezia, la gente del posto prende il sole sulla spiaggia in pieno inverno. ©Giorgio Vene/Facebook

Il clima in Italia è assolutamente pazzesco: la gente prende il sole nel mare da nord a sud. La natura è più lunga di quanto dovrebbe essere per più di cinque settimane.

ROMA – Il cambiamento climatico lo garantisce Italia L'estate si sente nel mezzo dell'inverno. Ciò vale non solo per l’uomo ma anche per la natura. L'inverno è già iniziato tardi e in molte località a novembre la temperatura era ancora superiore ai 20 gradi. Solo otto notti il ​​termometro a Napoli si è avvicinato allo zero gradi.

Il tempo in Italia è impazzito: foto di spiagge assolate dalla Liguria alla Sicilia – in inverno

È da metà gennaio Tempo atmosferico Fino all'inizio dell'estate: a Lerici, sulla costa ligure vicino a La Spezia, la gente del posto trascorre le giornate prendendo il sole sulla spiaggia sabbiosa di Fiaccerino. I primi bagnanti dell'anno scesero nelle acque di Bosuvoli, vicino Napoli. I primi bagnanti prendevano il sole a Sirolo sull'Adriatico vicino ad Ancona, così come sulla famosa spiaggia di Mondello vicino a Palermo, in Sicilia. Mercoledì sulla costa sud-orientale della più grande isola del Mediterraneo sono attesi 25 gradi all'ombra, ma con 16 gradi l'acqua inizialmente è adatta solo per nuotate intrepide.

Il legame con il cambiamento climatico è discusso sui social media. “La gente proprio non capisce”, scrive un utente su Facebook sotto le foto delle spiagge della Liguria. Un'altra donna risponde: “Che differenza c'è se una di quelle felici bagnanti in spiaggia è ansiosa a casa?”

Temperatura record in Alto Adige: 22 gradi

Questi giorni di inizio febbraio in Alto Adige sono molto caldi. La fenice del nord ha segnato valori record sabato (3 febbraio): lo ha riferito all'emittente Dieter Peterlin, meteorologo del Servizio meteorologico nazionale. RAIDa quando sono iniziate le misurazioni non è mai stato così caldo in Val Venosta a ovest di Merano. Il fermo misurava 21,3 gradi. Lunedì notte è stata la notte più calda di 15 gradi da quando sono iniziate le registrazioni invernali. Un camion con telecamera da ORF In Val Venosta sono stati misurati 22 gradi. Martedì (6 febbraio) il fronte settentrionale diminuirà e le temperature dovrebbero diminuire leggermente, ma saranno più miti della media.

E fa più caldo sulle colline. Lunedì mattina (5 febbraio) sulle piste da sci la temperatura era già sopra lo zero, misurata a cinque gradi e 2000 metri. A Obereggen la temperatura era di quattro gradi in più, a Laudernes tre gradi in più e al Plan de Corones più di due gradi.

La fioritura delle mimose è di cattivo auspicio per gli agricoltori italiani

I botanici in Italia hanno notato da tempo che il tempo è diventato selvaggio: i cespugli di mimosa dalla Puglia meridionale fino alla Liguria hanno iniziato a fiorire alla fine di gennaio. Di solito non lo fanno fino all'8 marzo, che è la Giornata internazionale della donna.
L'associazione degli agricoltori italiani Goldretti non considera i fiori gialli un buon segno: le alte temperature “gettano in tilt la natura e favoriscono il risveglio precoce di tutte le piante”, si legge in una nota.

Un brusco calo della temperatura può causare la morte dei fiori di molti frutti, con conseguente perdita del raccolto. Allo stesso tempo, sono sopravvissuti gli insetti che potrebbero attaccare i raccolti nella vera primavera. Secondo l'analisi di Coldretty basata sui dati meteorologici di dicembre, l'inverno finora è stato quasi due gradi più caldo della media storica (più 1,87 gradi).

Anche la siccità è motivo di preoccupazione, ha continuato Goldretty. La mancanza di neve sulle Alpi e sugli Appennini può creare problemi all'irrigazione delle colture frutticole nella Pianura Padana. La scarsità d’acqua aumenta nel sud e soprattutto nelle isole. Secondo Coldretti, nel gennaio 2024 i bacini idrici della Sicilia avevano 63 milioni di metri cubi di acqua in meno (meno 13%) rispetto all'anno precedente.

La siccità è una delle principali preoccupazioni per gli agricoltori italiani

La mancanza di pioggia ha provocato carenza di fieno nei pascoli e difficoltà nella coltivazione degli ortaggi. Sono già sorte difficoltà con le arance o le lattughe, che non crescono sufficientemente a causa della mancanza d'acqua. Allo stesso tempo, gli agrumi necessitano di temperature più basse per maturare.

Altrove nel Mediterraneo la siccità è ancora più drammatica: ora in Catalogna, nel nord della Spagna Razione di acqua potabile. Gli agricoltori dell’Andalusia, nel sud della penisola iberica, lottano da anni contro la siccità e anche quest’inverno non è piovuto. In A Malaga c'erano quasi 30 gradi a gennaio Misurato.