Aprile 17, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Israele è accusato di genocidio e il pubblico applaude

Israele è accusato di genocidio e il pubblico applaude

La serata di premiazione della Berlinale avrà probabilmente conseguenze politiche. Molti dei vincitori del premio hanno criticato apertamente le azioni militari di Israele nella Striscia di Gaza, descrivendole talvolta come un genocidio. Sabato nella sala c'era molto sostegno a questo proposito, ma il moderatore era notevolmente riservato. I primi politici federali ora chiedono conseguenze.

La Berlinale è considerato il più politico dei principali festival cinematografici. Alla cerimonia di premiazione a Potsdamer Platz, diverse persone sul palco portavano un biglietto con la scritta “Cessate il fuoco adesso”.

Direttore Adra: Decine di migliaia vengono “massacrate” a Gaza

Il direttore palestinese Bassel Adra ha invitato la Germania a smettere di fornire armi a Israele. Adra ha diretto il documentario “No Other Land” con altri tre registi, per il quale ha vinto il Documentary Film Award. Il film ruota attorno allo sfollamento dei palestinesi nei villaggi di Masafer Yatta, a sud della città di Hebron, in Cisgiordania.

Adra ha detto che è difficile per lui celebrare il premio mentre “decine di migliaia di persone vengono massacrate a Gaza”. Poi ci sono stati applausi in sala e applausi sul palco.

I registi Basil Adra e Yuval Abraham sono stati premiati alla Berlinale per il loro documentario

I registi Basil Adra e Yuval Abraham sono stati premiati alla Berlinale per il loro documentario “No Other Land”.Nadia Wohlleben/Reuters/Pool/dpa

Il gruppo cinematografico israelo-palestinese No Other Land, durante la sua première alla 74esima Berlinale, ha preso posizione contro la posizione della direzione sul conflitto in Medio Oriente e ha descritto Israele come uno stato di apartheid. Lo riferisce l'agenzia di stampa tedesca. Il film è stato girato nell'ottobre del 2023 e il massacro di Hamas contro Israele viene menzionato solo di sfuggita.

Il 7 ottobre l’organizzazione terroristica palestinese Hamas ha attaccato lo Stato di Israele. I terroristi di Hamas hanno ucciso più di 1.200 persone, violentato donne, ucciso bambini e rapito 250 ostaggi. Il governo israeliano ha risposto con massicci attacchi aerei e un attacco di terra. Secondo l’Autorità sanitaria controllata da Hamas, il numero dei palestinesi uccisi nella Striscia di Gaza è salito a oltre 29.600 dall’inizio della guerra.

Il deputato verde von Notz: “Semplicemente disgustoso”

Particolarmente criticata è stata l'apparizione del regista Ben Russell, che si è presentato come altri alla cerimonia di premiazione indossando la kefiah (conosciuta come la sciarpa palestinese). Nel suo discorso di ringraziamento il vincitore del premio ha detto sul palco: “E ovviamente anche qui siamo a favore della vita, siamo contro il genocidio, siamo a favore del cessate il fuoco in solidarietà con tutti i nostri compagni”. Anche tra il pubblico ci sono stati applausi e applausi.

Le critiche provengono tra gli altri dal deputato dei Verdi al Bundestag Konstantin von Notz. “È semplicemente disgustoso e un'infida inversione tra l'autore del reato e la vittima. Simili manifestazioni sono intollerabili”, ha scritto il politico locale sulla piattaforma “X”.

Anche il vicepresidente della commissione culturale del Bundestag, Marco Vanderwitz (CDU), ha scritto che la Germania non può essere accettata. “Non funziona così; non ha nulla a che fare con la libertà artistica.”

Anche il sindaco di Berlino Kai Wegner (CDU) ha criticato le dichiarazioni rilasciate domenica pomeriggio da alcuni vincitori del premio. “Quello che è successo ieri alla Berlinale è stato un relativismo insopportabile”, ha scritto Wegener su X. L’antisemitismo non ha posto a Berlino, e questo vale anche per la scena artistica. “Mi aspetto che la nuova direzione della Berlinale garantisca che tali incidenti non si ripetano”, ha scritto Wegener sulla guerra in Medio Oriente: “La piena responsabilità per le profonde sofferenze di Israele e della Striscia di Gaza ricade su Hamas”.

I due protagonisti della Berlinale hanno descritto il festival cinematografico, che si terrà a metà gennaio, come una piattaforma per il dialogo pacifico sul conflitto in Medio Oriente. Mariette Riesenbeek e Carlo Chatrian hanno espresso le loro condoglianze a tutte le vittime della crisi in Medio Oriente e oltre. “Vogliamo che la sofferenza di tutti venga notata e che il nostro programma apra prospettive diverse sulla complessità del mondo”.

Sabato sera Riesenbeck ha invitato l'organizzazione terroristica a liberare gli altri ostaggi. Il governo israeliano ha chiesto loro di alleviare le sofferenze della popolazione civile palestinese e di consentire una pace rapida. (con EPA)

Nota: abbiamo successivamente aggiunto la dichiarazione del sindaco di Berlino Kai Wegner.

Buongiorno, Berlino
le notizie

Grazie per la registrazione.
Riceverai una conferma via email.