Febbraio 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Israele conferma l'uccisione di un altro ostaggio di Hamas

Israele conferma l'uccisione di un altro ostaggio di Hamas
  1. Home page
  2. Politica

Israele attacca le postazioni di Hezbollah in Libano. Il presidente palestinese Abbas parla al telefono con Putin. Ticker di notizie sulla guerra in Israele.

  • Israele conferma: Altri ostaggi israeliani appartenenti ad Hamas sono stati uccisi nella Striscia di Gaza
  • reazione SU di nuovo Bombardamento: Israele attacca i siti di Hezbollah in Libano
  • Attacco militare da Israele: La situazione umanitaria nella Striscia di Gaza sta diventando sempre più catastrofica
  • Le informazioni qui elaborate riguardano la guerra in Israele e nella Striscia di Gaza Provengono da media e agenzie di stampa locali e internazionali. Molte delle informazioni non possono essere verificate in modo indipendente. Manteniamo la trasparenza anche in questi casi.

Aggiornato dal 22 dicembre, 15:55: Secondo l’esercito israeliano, un aereo da caccia militare israeliano ha abbattuto un drone sul Mar Mediterraneo prima che potesse entrare nello spazio aereo israeliano. L'oggetto volante senza pilota è decollato dal Libano e si è diretto verso Israele. Si dice che l'incidente sia avvenuto la scorsa settimana, ma l'esercito israeliano lo ha annunciato solo venerdì.

Un'unità di artiglieria mobile israeliana spara un proiettile dal sud di Israele vicino alla Striscia di Gaza. © Ohad Zweigenberg/DPA

Putin fa una telefonata al presidente palestinese Abbas riguardo alla guerra in Israele

Aggiornato dal 22 dicembre, 14:18: Il presidente russo Vladimir Putin ha discusso delle potenziali strategie per allentare l’escalation della guerra tra Israele e Hamas in una conversazione telefonica con il presidente palestinese Mahmoud Abbas venerdì. Lo ha annunciato il Cremlino, secondo l'agenzia di stampa Reuters. Abbas e Putin avevano concordato che il presidente palestinese si sarebbe recato in Russia in visita di stato.

Abbas è il leader del movimento Fatah. Ciò si è concentrato in Cisgiordania dopo la lotta per il potere e i violenti scontri con Hamas, mentre Hamas controlla la Striscia di Gaza.

Aggiornato dal 22 dicembre, 13:50: L'Unione europea si prepara a partecipare all'iniziativa americana per garantire la navigazione commerciale nel Mar Rosso. Secondo l'agenzia di stampa tedesca, il capo della politica estera dell'UE, Josep Borrell, ha presentato una proposta concreta su come ampliare la portata dell'attuale operazione antipirateria Atalanta. Attualmente è allo studio dei 27 Stati membri dell'Unione Europea e dovrebbe essere formalizzato al più presto.

Israele conferma l'uccisione di un altro ostaggio di Hamas

Aggiornato dal 22 dicembre, 12:45: Un altro ostaggio israeliano rapito da Hamas a Gaza è morto e il Kibbutz Nir Oz ha annunciato la morte del 73enne Gadi Haggi. Il suo corpo è ancora nelle mani dei terroristi di Hamas nella Striscia di Gaza. Il rapporto non menziona come i funzionari abbiano ricevuto informazioni sulla morte dell'israeliano. Anche la moglie di Hajji è stata rapita a Gaza nel corso degli attacchi del 7 ottobre. Non ci sono informazioni sulle sue condizioni.

121 membri di Hezbollah sono stati uccisi dopo gli attacchi al nord di Israele

Aggiornato dal 22 dicembre, 12:09: Dall'inizio della guerra tra Israele e Hamas sono stati uccisi 121 membri della milizia islamista Hezbollah. Lo ha annunciato venerdì Hezbollah. Ufficialmente la milizia terroristica libanese non partecipa alla guerra contro Israele, ma lancia spesso razzi nella zona di confine tra Israele e Libano. Negli ultimi mesi, le forze armate israeliane hanno ripetutamente risposto all’aggressione di Hezbollah con attacchi aerei, anche questa mattina.

Aggiornato dal 22 dicembre alle 11:30: L'esercito israeliano ha rivelato i nomi di due soldati uccisi nell'attacco di terra contro la Striscia di Gaza. Si tratta di un uomo di 31 anni e di un soldato di 21 anni. Il numero dei soldati israeliani uccisi nell'attacco di terra è salito a 139. Altri tre membri dell'esercito sono rimasti gravemente feriti durante i combattimenti nel nord e nel sud della Striscia di Gaza.

Israele attacca le postazioni di Hezbollah in Libano

Aggiornato dal 22 dicembre, 10:25: In risposta agli attacchi missilistici avvenuti questa mattina, l'esercito israeliano ha lanciato attacchi aerei sulle posizioni di Hezbollah in Libano. È arrivato attraverso il portale I tempi di Israele Riferendosi all'esercito. Secondo le dichiarazioni israeliane, l’obiettivo degli attacchi erano le infrastrutture militari nella regione. Hezbollah, sostenuto dall’Iran, ha ora rivendicato la responsabilità degli attacchi. La milizia islamica è considerata un alleato dell'organizzazione terroristica Hamas.

Aggiornato dal 22 dicembre, 10:15: Le forze di occupazione israeliane hanno invitato i residenti della città di Bureij, nel centro della Striscia di Gaza, ad evacuare. Sulla piattaforma X (ex Twitter) e altrove è stata pubblicata una mappa sulla quale sono state disegnate le zone interessate. I residenti interessati devono lasciare le zone del sud. La richiesta potrebbe indicare un'imminente avanzata dell'esercito israeliano nella zona. Inoltre, l'esercito israeliano ha annunciato una cessazione tattica delle attività militari nella zona occidentale di Rafah per garantire gli approvvigionamenti alla popolazione.

Attacchi dal Libano – 20 missili lanciati nel nord di Israele

Aggiornato dal 22 dicembre, 9:35: Questa mattina c'è stato un altro attacco missilistico dal Libano sul nord di Israele. Secondo un primo rapporto, circa 20 missili sono stati lanciati sulla zona di confine tra Israele e Libano. Finora non ci sono notizie di feriti. Dal 7 ottobre si sono verificati ripetuti attacchi dal Libano, imputati a Hezbollah. Si dice che l'esercito israeliano abbia risposto agli attacchi con contrattacchi, come riportato dal portale The Times of Israel. Si attende ancora la conferma ufficiale.

Guerra in Israele: l’Autorità sanitaria di Hamas ha annunciato la morte di oltre 20.000 persone a Gaza

Aggiornato dal 22 dicembre, 7:55: Secondo l’autorità sanitaria locale, finora più di 20.000 persone sono state uccise negli attacchi israeliani nella Striscia di Gaza. L'autorità controllata da Hamas ha affermato che dal 7 ottobre a Gaza sono state uccise 20.057 persone e 53.320 ferite. La guerra è scoppiata in seguito al peggior massacro della storia di Israele, compiuto dai terroristi di Hamas e da altri gruppi estremisti israeliani.

Aggiornato dal 22 dicembre, 6:30: I membri del Consiglio di Sicurezza dell'ONU hanno rinviato ancora una volta il voto su una risoluzione volta ad alleviare la crisi umanitaria a Gaza. Il punto del contendere era l'uso del veto da parte degli Stati Uniti. il testo che Agenzia di stampa tedesca Invita Israele a “consentire immediatamente un accesso umanitario sicuro e senza ostacoli”. Occorre inoltre creare le condizioni per una cessazione sostenibile della violenza.

La situazione umanitaria a Gaza a causa della guerra israeliana

Primo rapporto per il 22 dicembre: Gaza/Tel Aviv – La situazione umanitaria a Gaza sta diventando sempre più catastrofica. A causa della situazione “senza precedenti” a livello globale, le Nazioni Unite avvertono che centinaia di migliaia di palestinesi moriranno di fame. “Non ho mai visto nulla di simile prima”, ha detto Shatha Al-Mughrabi, portavoce del Programma alimentare mondiale. “La portata dell’insicurezza alimentare acuta non ha precedenti in termini di gravità, velocità di deterioramento e complessità”.

Un nuovo studio rileva che 577.000 persone a Gaza rientrano nella categoria della fame più grave. Al contrario, secondo l’analisi, ci sono attualmente 129.000 persone nel resto del mondo messe insieme a rischio simile. Le persone a rischio di fame “catastrofica” costituiscono più di un quarto della popolazione della regione che conta più di due milioni di persone. Quasi tutti sono colpiti dalla fame o dagli sfollamenti.

Hamas continua a lanciare razzi da Gaza nella guerra israeliana

Nonostante gli attacchi aerei israeliani sulla Striscia di Gaza, severamente criticati a livello internazionale a causa delle vittime civili, Hamas continua a lanciare razzi. Giovedì si sono sentiti rumori silenziosi di esplosioni nella città di Tel Aviv. Le Brigate Al-Qassam, l'ala militare del movimento Hamas, hanno parlato in un comunicato della “risposta ai massacri sionisti contro i civili” nella Striscia di Gaza.

L'esercito israeliano annuncia il controllo della roccaforte di Hamas a Shujaiya

Le forze armate israeliane affermano di aver imposto un “controllo operativo” sull’area di Shujaiya a Gaza, considerata una roccaforte di Hamas. “Le forze continueranno a svolgere operazioni limitate nel quartiere per distruggere ciò che resta delle infrastrutture di Hamas e uccidere i militanti nascosti”, ha affermato l'esercito in una nota. La zona di Shujaiya, situata a nord della fascia costiera, è stata fino a poco tempo fa teatro di aspri combattimenti tra soldati israeliani e uomini armati del movimento islamico Hamas. Alla fine della scorsa settimana, l'esercito ha sparato per errore a tre ostaggi israeliani che erano fuggiti dai loro sequestratori. (parlare con le agenzie)