Intel progetta un impianto di confezionamento per chip a Magdeburgo in Italia

Date:

Share post:

Piero Esposito
Piero Esposito
"Appassionato di alcol. Ninja di Twitter. Amante della TV. Cade molto. Fanatico del caffè hipster."

Intel prevedeva di costruire un impianto di confezionamento locale nel nord Italia per elaborare i chip dei computer prodotti a Magdeburgo. Ma ciò non accadrà nell'immediato futuro, ha spiegato pochi giorni fa il ministro dello Sviluppo economico, Adolfo Urso. È previsto un impianto di confezionamento da 4,5 miliardi di euro per il comune di Vicaccio, nella regione Veneto, nel nord Italia.

Pubblicità

La settimana scorsa, Urso ha detto ai giornalisti nella città di Verona, nel nord Italia, che Intel aveva “abbandonato o rinviato i suoi investimenti in Francia e Italia, a differenza di altri che pianificavano in Germania”. Ma Intel è ancora benvenuta in Italia per gli investimenti europei, ha detto Urso Secondo Reuters. “Se decidiamo di completare questi progetti, saremo ancora qui”, ha detto. Intel ha rifiutato di commentare quando richiesto.

In un impianto di confezionamento, i chip di silicio sono sposati con i loro trasportatori. Tipicamente i supporti verdi – chiamati substrati – fungono da ponte tra il componente semiconduttore e il circuito stampato: forniscono superfici di contatto su cui un produttore di notebook può saldare un processore sulla scheda madre. Con la proliferazione di progetti di chiplet, come le CPU Ryzen di AMD con più chip, come le CPU Ryzen di AMD con un'architettura Gen 5 pianificata nel 2024, la tecnologia di packaging sta diventando sempre più importante.

Intel ha pianificato circa 1.500 posti di lavoro diretti in una fabbrica italiana. Ulteriori 3.500 posti di lavoro verranno creati da fornitori e partner. Il comune di Vicaccio è ben posizionato logisticamente, poiché la seconda città più grande, Verona, è collegata alla linea ferroviaria del Brennero che attraversa le Alpi fino a Magdeburgo. C'è anche l'autostrada del Brennero.

Urso però è riuscito a convincere un altro produttore di chip a investire in Italia. La startup di semiconduttori con sede a Singapore Silicon Box vuole costruire un impianto di confezionamento da 3,2 miliardi di dollari sostenuto dal governo per le future generazioni di chip nel nord Italia. Secondo il ministro si tratta del più grande investimento estero nella regione e “ne arriveranno altri nei prossimi mesi”. Urso ha anche detto che il suo governo ha parlato con gruppi di Taiwan negli ultimi mesi.

Intel prevede di costruire un impianto di lavorazione di chip da 4,6 miliardi di dollari in Polonia per integrare la fabbrica di chip di Intel a Magdeburgo, che dovrebbe essere operativa entro la fine del 2027. Questo stabilimento di Breslavia per “assemblaggio e test” di semiconduttori è progettato anche per rafforzare la catena di fornitura europea dei chip. La fabbrica deve trasformare i wafer trasformati in singoli chip in quelle che in precedenza venivano chiamate fab front-end, il che significa testare più matrici di silicio su un wafer, separarli, “imballarli” e alloggiamenti (imballaggio o assemblaggio) per testare il prodotto finito. Componenti.


(fd)

Alla home page

Related articles

Spagna – Italia: Disgustosa provocazione dei tifosi! Ecco perché lo Schalke viene fischiato

Ecco come domina il favorito! Nella finale preliminare, la Spagna ha vinto 2-0 contro un'altra contendente al...

Questo cavo USB-C a doppia porta condivide in modo intelligente l’alimentazione

Alimentatori e cavi: la maggior parte dei nostri lettori probabilmente ne ha alcuni a casa. I cavi...