Giugno 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Innovazione automobilistica: tre aziende tedesche davanti a Tesla

Il Center for Automotive Management (CAM) della Bergisch Gladbach University of Applied Sciences ha analizzato il potere innovativo delle case automobilistiche globali. Secondo gli esperti del settore, Volkswagen, BMW, Daimler e Tesla sono rimasti il ​​gruppo automobilistico più innovativo al mondo dal 2016, davanti a Hyundai, Ford e Stellants. Con BYD, Great Wall e Geely, tre case automobilistiche cinesi sono state in grado di raggiungere per la prima volta la top ten.

In generale, le case automobilistiche cinesi sono state tra i grandi vincitori negli ultimi anni e possono aumentare significativamente le loro prestazioni di innovazione. I produttori giapponesi in particolare stanno perdendo il loro potere innovativo, con Toyota, la casa automobilistica più venduta al mondo, solo al 13° posto. Nel frattempo, startup come Xpeng, NIO, Rivian e Lucid si stanno facendo strada nel mercato globale attraverso innovazioni.

Il confronto a lungo termine del CAM si basa su circa 2.900 innovazioni presentate in modelli seriali tra il 2016 e il 2021. La valutazione si basa su criteri quantitativi e qualitativi. Di conseguenza, le case automobilistiche tedesche sono state in grado di mantenere le loro prestazioni innovative nella fase di trasformazione del settore dal 2015. Il Gruppo Volkswagen avanza con i marchi principali Volkswagen, Audi e Porsche nella classifica dell’innovazione nei due periodi di confronto (2016-18 e 2019-21) nonostante un leggero calo. La performance dell’innovazione negli anni 2019-21 sarà supportata in particolare da innovazioni nei settori della tecnologia dei motori elettrici e dei concetti di comando e visualizzazione.

BMW è salita al secondo posto tra i produttori più innovativi (+37%) Daimler ha ottenuto il terzo posto e Tesla ha ottenuto il quarto posto in entrambi i periodi di osservazione nonostante la mancanza di serie di modelli. Secondo CAM, il produttore di veicoli elettrici è stato in grado di aumentare la sua forza innovativa di circa il 37% grazie agli sviluppi globali delle aree tecnologiche dei sistemi di guida elettrica e dei sistemi di assistenza alla guida pronti per la produzione di massa.

READ  I miei soldi - Anche Zitter-Börse ha cose buone? - Vivi e salva
(clicca per ingrandire)

Sorprendentemente, uno dei maggiori vincitori del confronto nel periodo è stata la statunitense Ford, che è salita al sesto posto e ha migliorato di cinque posizioni, secondo CAM. In totale, dal 2019, Ford è stata in grado di produrre circa il doppio delle innovazioni di serie con più di 65 set e novità mondiali rispetto al primo periodo di osservazione. Oltre a Ford, le aziende cinesi in particolare stanno guadagnando importanza nella classifica dell’innovazione CAM. BYD mostra la crescita maggiore con un aumento della forza dell’innovazione di oltre il 300%. La Grande Muraglia ha anche aumentato significativamente la sua forza innovativa nel secondo periodo di monitoraggio (2019-21), con un aumento di oltre il 160%. SAIC sta lavorando anche per aumentare la sua forza innovativa.

Tra i maggiori perdenti nel confronto nel periodo c’erano Geely, l’unica azienda cinese che ha mostrato un calo della forza dell’innovazione nel secondo periodo di monitoraggio, così come General Motors e il colosso giapponese Toyota. Geely, la cui forza innovativa è stata significativamente influenzata dai sottomarchi svedesi Volvo e Polestar secondo CAM, non è stata in grado di mantenere il suo alto livello di innovazione nel periodo precedente ed è scesa dal sesto al decimo posto. La General Motors of America non riesce a eguagliare la potenza innovativa del primo periodo e scivola dal nono al dodicesimo posto.

L’esempio di Toyota mostra che la stagnazione in un ambiente competitivo dinamico rende difficile mettersi al passo con la concorrenza, spiega CAM. Mentre altre aziende sono state spesso in grado di aumentare la loro forza innovativa nell’intervallo percentuale a due cifre, Toyota rimane all’incirca allo stesso livello di innovazione del primo periodo, scendendo così dal decimo al tredicesimo. Con Nissan e Honda, gli altri produttori giapponesi sono in calo. Mentre Nissan è scesa dal quattordicesimo al sedicesimo posto, Honda ha perso sette posizioni e ora è solo al diciannovesimo posto.L’azienda indiana Tata Motors non è stata in grado di mantenere l’elevata forza innovativa del suo marchio di lusso Jaguar e Land Rover nel periodo precedente ed è sceso dall’ottavo al rango 17 di .

READ  Numeri pubblicati: crash di condivisione dello zoom: lo zoom cresce significativamente più lentamente dopo il boom della corona | newsletter
CAM- Automotive Industry- Innovation- Ranking-2021- Nuovi Arrivi
(clicca per ingrandire)

CAM ha creato una classifica separata per i nuovi arrivati ​​confrontando la forza innovativa delle quattro start-up elettriche Xpeng, Lucid, NIO e Rivian nel periodo di osservazione 2019-21. La casa automobilistica cinese Xpeng ha conquistato il primo posto. La startup americana Lucid si è classificata seconda, mentre NIO, un altro produttore cinese di automobili elettroniche, si è classificata al terzo posto. La startup di e-car Rivian, sostenuta dal gigante dell’e-commerce Amazon, ha conquistato il quarto posto.

“La mobilità elettrica, la connettività e la guida autonoma stanno portando a un cambiamento fondamentale che porterà a una riorganizzazione del settore nei prossimi dieci anni. Il leader dello studio Stefan Bratzel ha commentato che, nonostante tutte le profezie di sventura, i gruppi automobilistici tedeschi attualmente godono di un l’alto livello di innovazione e le loro innovazioni coprono la gamma Ampia gamma di tecnologie. Tuttavia, a causa dell’alto livello di innovazione, questo colpo positivo non è una garanzia di sopravvivenza a lungo termine. Già oggi, Tesla e altri nuovi arrivati, soprattutto dalla Cina , stanno registrando un elevato livello di innovazione e stanno mettendo i produttori affermati sotto un’enorme pressione competitiva. Nella fase di trasformazione del settore, le competenze end-to-end nei settori della mobilità elettrica, dei servizi connessi e della guida autonoma diventeranno le condizioni critiche per il successo e sopravvivenza delle case automobilistiche”.