Dicembre 9, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Inflazione in Polonia: “rotture di credito” per gli alti tassi di interesse

Stato: 31/05/2022 03:48

Poiché i tassi di interesse sui prestiti in Polonia sono per lo più variabili, molti mutuatari sono improvvisamente costretti a pagare rate mensili più elevate a causa dell’alto tasso di inflazione. Il governo vuole rettificare la situazione – attraverso “vacanze di credito”.

Scritto da David Zagons, ARD Studio Varsavia

Un sogno sul tuo appartamento o casa – in Polonia minaccia di diventare un incubo. Alicja di Varsavia parla di un prestito che lei e il suo compagno hanno preso due anni fa: “Nel primo calcolo, la rata mensile doveva essere di 1.300-1.500 zloty. Ora saranno 2.500 zloty”, dice Alicia a una stazione radio polacca . “Per noi è una grande perdita”.

I prestiti variabili diventano un problema

Le rate mensili prossime al doppio non sono attualmente rare in Polonia. Il motivo: i prestiti sono generalmente concessi a un tasso di interesse variabile, senza un tasso di interesse fisso garantito. Questo era interessante in tempi di bassi tassi di interesse e il denaro era a buon mercato. A causa dell’aumento dell’inflazione, la banca centrale polacca ha ora aumentato il tasso di interesse di riferimento a oltre il cinque per cento. I prestiti variabili stanno diventando un boom.

“Negli ultimi anni abbiamo avuto un boom del credito”, spiega l’esperto finanziario Jaroslav Sadovsky. “Con i nuovi prestiti, i pagamenti mensili sono per lo più pagamenti di interessi, non molti pagamenti. Quando i tassi di interesse salgono bruscamente, ha un impatto molto grande sui pagamenti mensili”.

Il governo vede la necessità di agire

Pertanto, gli alti tassi di credito sono un argomento importante tra la popolazione polacca. Il governo si impegna a prendere contromisure. Il primo ministro Mateusz Morawiecki afferma, perché la stabilità finanziaria delle famiglie polacche è a rischio. “Il prestito dovrebbe rappresentare un’opportunità per molte famiglie di ottenere una casa, ma si è rivelato un onere al di là delle loro possibilità”, ha affermato il premier.

READ  Fastned aumenta i tassi di ricarica rapida per le auto elettriche

Quindi il governo intende adottare due misure principali. Il fondo per le difficoltà esistenti per i mutuatari bisognosi dovrebbe essere aumentato. Le banche versano nel fondo. Il governo sta anche pianificando un cosiddetto “congedo di credito”. Ciò dovrebbe consentire ai mutuatari di sospendere temporaneamente i pagamenti e quindi di estendere la durata del prestito. “Tutti potranno usufruire di otto mesi di ‘congedo di credito’, senza condizioni o commissioni aggiuntive”, ha detto Morawiecki presentando i piani due settimane fa.

Limitazione alle famiglie finanziariamente più deboli?

D’altra parte, le banche polacche stanno mostrando grande resistenza. Temono miliardi di oneri e sostengono che le “vacanze di credito” siano limitate alle famiglie finanziariamente più deboli. L’analista finanziario Sadowsky, la cui società di consulenza ha mutuatari come clienti, vede anche una regolamentazione che potrebbe essere utilizzata dai ricchi. Ma in generale l’intervento dello Stato ha un senso: “Se permettiamo a molte persone di non essere in grado di pagare i prestiti a causa degli alti tassi di interesse, potrebbe portare a una crisi. Secondo me, sarebbe molto pericoloso”.

Inoltre, l’esperto finanziario sostiene che le banche hanno recentemente realizzato profitti significativi. Sebbene abbia aumentato drasticamente i tassi sui prestiti, i tassi di risparmio sui depositi non lo hanno fatto.