Novembre 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Indicatore di carica del veicolo elettrico P3: Kia EV6 Win

Indicatore di carica P3 – Velocità di ricarica elettronica del veicolo
vai allora! 309 chilometri in 20 minuti di ricarica

Con il suo indicatore di carica, il kit P3 determina le reali velocità di ricarica dei veicoli elettrici. Per la prima volta, il campione dello shipping viene dalla Corea. Il vincitore dello scorso anno torna al secondo posto.

Kia batte Mercedes: il P3 Group Charging Index (P3CI) consente ciò che raramente viene fatto nei test di confronto delle auto. La società di consulenza di Stoccarda ha confrontato per il terzo anno consecutivo la velocità di ricarica effettiva delle auto elettriche. Nella disposizione attuale, vedi una Kia EV6 con una batteria da 77,4 kWh e trazione posteriore in cima. E questo è abbastanza chiaro: con un valore di 1,03, i coreani possono battere non solo l’elettrico di punta tedesca, ma anche il suo fratello di base Hyundai Ioniq 5.


Il Gruppo P3 assembla l’indicatore in modo che gli acquirenti non debbano essere abbagliati dalla capacità massima di ricarica dell’auto elettrica. Potrebbe essere possibile caricare la Porsche Taycan a circa 300 kW in condizioni ideali e una batteria precondizionata. Ma se riorganizza rapidamente quella potenza, potresti non essere in grado di continuare il viaggio più velocemente di un prodotto concorrente. Pertanto, il P3 considera solo la finestra di ricarica tra il dieci e l’80 percento dello stato di carica (SoC). Per migliorare il confronto, tutti i concorrenti sono stati misurati su stazioni di ricarica rapida dello stesso produttore. L’eccezione sono i modelli Tesla, che raggiungono solo la capacità di ricarica ottimale dei compressori dell’azienda.


Quanti chilometri extra ci sono in 20 minuti?

L’indicatore è calcolato da P3 per determinare il quoziente dell’autonomia reale ricaricata in un periodo di 20 minuti ad un valore target di 300 km. Chiunque soddisfi esattamente questa condizione ottiene P3CI 1.0. Dal momento che Kia ha finito a 1.03, può ricaricare un’autonomia di oltre 300 km in 20 minuti; Sono 309 chilometri per l’esattezza. Questo rende l’EV6 la prima vettura nella storia dell’indicatore di carica P3 a battere il segno di 1,0.

READ  Mercato automobilistico USA debole: Volkswagen e BMW soffrono di smorzamenti nelle vendite negli Stati Uniti



Nell’edizione dello scorso anno del P3CI, la Mercedes EQS 580 era ancora in vantaggio. Nel 2022, Svevo è tornato al secondo posto, ma non è perché questa volta la versione 450+ è classificata. Questo ha un valore ancora migliore: nel 2021, il P3CI di 0,88 o 266 chilometri era ancora sufficiente per vincere l’elettrico a una stella. Questa volta, l’EQS 450+ ha gestito un indice di carica di 0,92 o 275 chilometri, ed è arrivato solo al secondo posto.


Chiudi le gare altrove

Uno sguardo alla disposizione aggiuntiva mostra che ora ci sono alcune auto elettriche a ricarica rapida. Seguono da vicino la BMW iX xDrive 50 (P3CI rispettivamente di 0,91 e 273 chilometri), la Hyundai Ioniq 5 2WD (rispettivamente 0,91 e 272 chilometri) e la Porsche Taycan GTS Sport Turismo (rispettivamente 0,90 e 271 chilometri). Dietro Mercedes e raggiungere valori. Questo è bastato per vincere l’anno scorso.

Gruppo P3 limitato

Non a caso, le due auto elettriche coreane si comportano bene: come la Taycan, utilizzano un’architettura dell’impianto elettrico a 800 volt. Come mostra la curva di carica, sono in grado di mantenere il Mega Energy Boost iniziale durante il rifornimento fino a quando la batteria non raggiunge nuovamente il 50 percento della sua capacità. Il vantaggio di Kia su Hyundai: in termini di capacità di ricarica parte un po’ più in alto (circa 235 kW) e guadagna così un vantaggio che nessuno dei concorrenti riesce a recuperare.


Paradosso della Porsche Taycan

La Taycan e l’Audi e-tron GT quattro in gran parte identiche, anch’esse benedette con un’ingegneria da 800 volt, sono molto più alte, ciascuna oltre 250 kW. Con 276 kW, la Taycan ha raggiunto la massima potenza di ricarica massima di tutti i veicoli elettrici testati. Ma entrambi i modelli cadono in pezzi del 45 percento, molto più della concorrenza. In questo modo, la Taycan riesce a “fare acrobazie” offrendo la potenza di ricarica media più alta a 227 kW, ma ricaricando comunque i 300 km più lentamente nella gamma SoC compresa tra il 10 e l’80 percento rispetto ad altri quattro veicoli elettrici.

READ  Prodotto popolare non sarà più presto nei negozi?



D’altra parte, EQS ha imparato l’arte di stare al passo con soli 400 volt. Inizialmente, si carica solo a circa 210 kW e mantiene questo livello solo fino a quando la batteria non viene riempita al 30 percento. Ma la sua curva poi scende più piatta rispetto alla concorrenza 800v nel sud della Germania, motivo per cui finalmente ottiene un P3CI leggermente più alto con la potenza ancora. Per inciso, la curva di carica della BMW iX, anch’essa basata su una batteria da 400 volt, è molto simile.


La VW ID.3 si carica molto più lentamente del 2021

Per la prima volta il Gruppo P3 ha definito P3CI in tre diverse classi: Compact (prezzo di listino BAFA fino a 35.000 euro), Medium (da 35.000 a 65.000 euro) e Top-tier (da 65.000 euro). Le prestazioni relativamente insignificanti dei veicoli compatti mostrano che i veicoli elettrici più costosi sembrano avere una migliore tecnologia di ricarica. La migliore auto elettrica per meno di € 35.000, VW ID.3 con batteria da 58 kWh, raggiunge P3CI 0,51 e ricarica 153 chilometri in 20 minuti. Le prestazioni dell’anno scorso della versione ID.3 Pro S con 0,73 o 220 chilometri mostrano che il modello può fare di meglio. Questo è stato sufficiente per il terzo posto assoluto nel 2021.


Nella sua valutazione, il gruppo P3 considera anche un fenomeno che si è già rivelato un fastidio costante nei veicoli a combustione: la discrepanza tra il valore del consumo standard e il consumo effettivo di energia. Per questa valutazione, la società di consulenza utilizza da un lato il valore WLTP e dall’altro il consumo energetico effettivo secondo l’ADAC Ecotest. Superando infatti solo del 2% il suo consumo record di 20,0 kWh per 100 km, è chiaro che la BMW iX xDrive50 vince in questa categoria. Il monomotore della Polestar 2 LR (più otto percento) e la Kia EV6 (più undici percento) seguono negli altri posti del podio.

READ  Dai un'occhiata al bilancio: Peloton -30% di quota: Peloton non è all'altezza delle aspettative degli analisti e abbassa drasticamente i suoi obiettivi annuali | newsletter


Due Audi con il più alto consumo energetico

Per quanto riguarda i consumi, in fondo al campo ci sono due Audi. La peggiore è l’Audi E-Tron GT Quattro: nell’ADAC Ecotest consuma 26,3 kWh ogni 100 km e supera del 22% lo standard WLTP. La E-Tron 55 Quattro di un altro marchio è appena migliore con 25,8 kWh/100 km o il 13 percento. La più grande discrepanza tra le specifiche di fabbrica e il consumo reale può essere vista nella VW ID.4 con la sua batteria da 77 kWh: secondo l’ADAC, consuma 22,8 invece di 16,4 kWh/100 km, una discrepanza enorme del 28%.


sondaggio

No, aspetterò e rimarrò con il motore a combustione.

Sì, il momento è adesso.

conclusione

L’indicatore di carica P3 fornisce spunti interessanti sulla velocità di ricarica effettiva dei veicoli elettrici. Come mostra: le massime prestazioni non significano necessariamente che questa vettura sia effettivamente la più veloce a fare rifornimento. In generale, si può vedere che anche i veicoli con architettura a 800V possono sfruttare il suo vantaggio teorico nella pratica. Tuttavia, anche le auto da 400 volt possono tenere il passo se viene impiantata una strategia di ricarica intelligente – vedi Mercedes EQS e BMW iX.