Aprile 14, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

In “River im Zoet”, Boehmermann mostra la banalità dell’umorismo di destra

In “River im Zoet”, Boehmermann mostra la banalità dell’umorismo di destra
  1. Pagina iniziale
  2. cultura
  3. Televisione e cinema

creatura:

da: Max Schafer

Sebastian Roger parodia Dieter Nuhr in “Nuhr im Zweit”, un dispatcher che lavora al posto di ZDF Magazin Royale Liane Boehmermann. (schermata) © ZDF

Jan Boehmermann trasforma la sua rivista Royale da ZDF in “Nuhr im Zweite”. il pastiche mostra la banalità dell’umorismo conservatore. Recensioni televisive.

FRANCOFORTE – E’ una bella puntata di ZDF Magazin Royale: sono rappresentati uomini bianchi vecchi e conservatori con travestimenti liberali. Più precisamente: hanno il senso dell’umorismo. Non ce ne sono mai abbastanza, almeno quando si tratta di loro. Jan Baumermann, invece, si astiene dall’apparire, tranne che per pochi secondi. In assenza del loro personaggio di odio, i conservatori “liberal” possono anche guardare ZDF venerdì sera senza aumentare molto il polso. Grazie “River im Zwit”!

Prima che i conservatori e gli pseudo-liberali si eccitino troppo: “River” non va più in onda. Il vecchio bianco risiede nell’ARD con “Nuhr im Erste”. Böhmermann porta il pastiche allo ZDF Magazin Royale. Non è il vero Dieter Nohr a fare lo spettacolo, ma Sebastian Roger.

Boehmermann porta la satira di Dieter Nohr su ZDF Magazine Royale

Anche il pastiche di “Nuhr im Erste” è “presentato senza alcun divieto di pensare e parlare”. Simile a Nuhr, Roger ha quasi ingoiato il microfono mentre era senza fiato, ogni parola sembrava uno sforzo enorme per lui. Con gli occhi socchiusi, lo scrittore di parodie di “River” descrive il programma: “Non cancellato e non censurato, perché il compito più importante della satira è alzare uno specchio alle persone”. E questo è esattamente ciò che fa la rivista ZDF, con Dieter Nohr e la sua gente. Sono le persone che stanno su grandi piattaforme e dicono che non puoi più dire niente. Compresi gli aspiranti liberali che Boehmermann ha recentemente criticato.

“Zuet River” sembra incredibilmente autentico. Se non hai un bell’aspetto o senza occhiali, puoi scambiare Rüger per Nuhr sia visivamente che stilisticamente. E in termini di contenuto, si avvicina sorprendentemente alle sciocchezze di “Nuhr im Erste”. L’intero spettacolo consiste in una riproduzione dei detti misogini, razzisti e LGBTQ+ di Stammtisch. Quindi la rivista ZDF è ingombrante. È anche discutibile se questa resa fosse davvero necessaria per criticare il fiume.

Il Böhmermann ZDF Magazin satira la banalità dell’umorismo di destra con il nome “Nuhr im Zweite”.

In ogni caso, una cosa è certa: la squadra di Boehmermann ei protagonisti dello spettacolo – compreso il pubblico in questo caso – puntano i riflettori sulla banalità dell’umorismo di destra alla Dieter Nohr e Lisa Eckhart. Senza un’ideologia rigida, ma condita con molto sessismo, anche la parodia di Luke Mockridge si adatta allo spettacolo.

Questa banalità è dimostrata dal fatto che non è necessaria alcuna inventiva, battute prolisse e battute per suscitare risate e applausi. L’umorismo è presente e gli insulti agli immigrati. Ciò è spiegato dal comico immaginario interpretato da Younes Al-Amoura, il cui nome Roger continuava a dire in modo diverso da Dieter Nohr: le battute anti-tedesche non sono divertenti per la maggior parte del pubblico vecchio e bianco. Non esiste l’autoironia. D’altra parte, la sala esulta quando ci sono inutili slogan contro gli immigrati.

Al pubblico inoltre non importa che ci sia poco sforzo artistico dietro le esibizioni, dopotutto qualcuno dice quello che pensa e non osa dire al di fuori dei propri spazi sicuri (Village Economy, Venice Club, Facebook). Ma non perché debba temere la presunta cultura della cancellazione o altre conseguenze, ma perché non sopporta la minima contraddizione o critica.

I fan di Boehmermann non dovrebbero essere soddisfatti di Nohr Paste su ZDF Magazine

Quindi è sufficiente per i cosiddetti umoristi come Dieter Nohr e Lisa Eckhart fantasticare sulla follia di genere o sulla cultura dell’annullamento “Wokestapo”, o qualcosa contro “GenSie”. [sic]Verdi, femministe, “colla climatica”, ferrovie o UE per dire dal panorama liberal-conservatore e altri da celebrare.

ZDF Magazine Royale nella libreria multimediale

La serie ZDF Magazin Royale, il ventiquattresimo episodio di ZDF Magazine Royale, inizia da venerdì 24 marzo 2023 e prosegue fino al 23 marzo 2024. ZDF MediaTek può accedere.

Con un misto di lamenti ardenti su una società di millenni passati e “Kinst, Kinst” in bianco e nero, “Nohr in the second” suona altrettanto noioso come l’originale nel primo. Nessuno ne sarà soddisfatto: né i fan di Boehmermann, visto che lo show riproduce un sacco di stronzate, né i Tories ei loro amici mascherati.

Satira di successo di Lisa Eckhart allo ZDF Magazin Royale di Bommerman

Tuttavia, Sophie Berger merita una menzione speciale, poiché ha parodiato Lisa Eckhart nei panni di Millie Probst e ha imitato i suoi gesti e le sue espressioni facciali eccessivamente enfatizzati in un modo in cui il pubblico potrebbe credere giovedì, quando viene suonato “Nuhr im Erste” e devono andare a letto subito per dormire bene il venerdì per andare al lavoro.

Alla fine entra in scena la squadra di Scheisse. No, questo non vuole essere ironico, ma un gruppo punk. Con la loro canzone “Fa” dal nuovo album, hanno almeno contrastato il remake di Mimimi dei 28 minuti precedenti. Segui i preferiti