Febbraio 28, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

In Germania una persona su tre utilizza l’intelligenza artificiale

In Germania una persona su tre utilizza l’intelligenza artificiale

Forsa ricognizione
1 anno di ChatGPT: una persona su tre in Germania utilizza l’intelligenza artificiale



Dall’Agenzia per la Protezione dell’Ambiente

Tempo di lettura: 2 minuti |

Fornitori di servizi su questo argomento

Un anno dopo l’introduzione di ChatGPT, una persona su tre in Germania (37%) aveva utilizzato il bot di testo basato sull’intelligenza artificiale di OpenAI. Questo è il risultato di un sondaggio rappresentativo Forsa commissionato dall’associazione TÜV tra 1.008 persone dai 16 anni in su.

ChatGPT è stato rilasciato circa un anno fa. Da allora, quasi un terzo delle persone in Germania ha utilizzato questa intelligenza artificiale.

(Immagine: Monkey Business – Stock.adobe.com)

Il 30 novembre 2022 è stata la data di rilascio iniziale di ChatGPT. Un buon anno dopo questa pubblicazione, più di un terzo delle persone in Germania ha già utilizzato questo tipo di intelligenza artificiale. Questo è stato il risultato del sondaggio Forsa. Rispetto ad un sondaggio condotto ad aprile, l’utilizzo è aumentato di 14 punti percentuali. Ma ChatGPT non è noto solo agli utenti. Secondo il sondaggio, l’85% di tutti i partecipanti ha sentito o letto parlare di ChatGPT.

I primi incontri con ChatGPT o generatori di immagini come Dall-E sono spesso di natura ludica: secondo il sondaggio, il 52% degli utenti vuole divertirsi con il sistema. Il 44% utilizza robot IA nella ricerca. Seguono la creazione di testi (40%) o la creazione e modifica di immagini o video (26%).

L’intelligenza artificiale è molto più che una semplice pubblicità

Secondo Joachim Bühler, amministratore delegato dell’associazione TÜV, ChatGPT e applicazioni AI simili non sono una pubblicità destinata a scomparire. “L’intelligenza artificiale è qui per restare”, ha detto Buehler.

Un anno di ChatGPT ha dimostrato che l’intelligenza artificiale avrà un impatto diretto o indiretto sulla vita lavorativa di molti professionisti. Quasi un dipendente su tre tra gli intervistati teme di restare indietro nella carriera se non padroneggia la tecnologia (31%). Quasi due terzi degli intervistati ritengono che una formazione supplementare nel campo dell’intelligenza artificiale sia vantaggiosa per la propria attività professionale (63%).

Allo stesso tempo l’amministratore delegato del TÜV ha sottolineato la grande mancanza di fiducia nell’accettazione della nuova tecnologia da parte della popolazione. La metà degli intervistati ha affermato di non fidarsi dei risultati delle applicazioni di intelligenza artificiale generativa (56%). In questo contesto Bühler ha chiesto una regolamentazione coerente della tecnologia. Anche i residenti si aspettano questo. La stragrande maggioranza dell’83% ritiene che dovrebbero esserci requisiti legali per l’uso sicuro dell’IA.

Sono necessarie condizioni del telaio sicure

Bühler ha messo in guardia dal lasciare i paradigmi di base dell’IA in gran parte non regolamentati nella fase finale della prossima legge dell’UE sull’IA (“Legge sull’IA”) e di fornire solo un quadro giuridico per applicazioni specifiche dell’IA. Il ministro federale dell’economia Robert Habeck (Partito dei Verdi) si è battuto in questo senso al Summit digitale del governo federale a Jena. “L’UE non deve sprecare il suo ruolo di leadership globale nella creazione di condizioni quadro sicure per lo sviluppo di un’intelligenza artificiale sicura e affidabile”, ha affermato Bühler. “Anche gli obblighi di trasparenza di base devono essere fissati come requisiti minimi” per la tecnologia sottostante.

(ID:49812723)