Giugno 27, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

In che modo la Cina vuole affermarsi come un regime senza alternative?

Buongiorno, cari lettori,

Gli elementi minori in politica a volte sono come bombe a orologeria. La loro potenza esplosiva diventa chiara solo più tardi.

Nel marzo 2014, ad esempio, Donald Tusk, l’allora Primo Ministro della Polonia, ha notato casualmente, in risposta alla crisi della Crimea, che la dipendenza della Germania dalla Russia per il gas potrebbe “limitare seriamente la sovranità dell’Europa”. Angela Merkel ha risposto dichiarando una “riconsiderazione dell’intera politica energetica”. Ha quindi messo rapidamente in prospettiva che la subordinazione della Germania “non era in alcun modo la più alta d’Europa”. L’allora ministro dell’Economia, Sigmar Gabriel, ha messo in guardia dal “causare panico” e ha sottolineato: “Anche nei tempi più bui della Guerra Fredda, la Russia ha mantenuto i suoi trattati”.

Caricamento in corso…

inclusione

Con ciò, l’argomento era di nuovo fuori discussione. C’erano molte questioni apparentemente più importanti: la violazione del diritto internazionale da parte della Russia, la questione di come sarebbe continuata la Crimea e le relazioni tedesco-russe. Oggi vorresti che il governo tedesco e il resto d’Europa ascoltassero di più Tusk. Angela Merkel avrebbe preso più sul serio le sue parole.

Olaf Schulz ha anche affermato che un elemento minore interessante di questi tempi merita maggiore attenzione. Durante un dibattito sul Catholic Day a Stoccarda, ha avvertito Dare enormi prestiti cinesi ai paesi poveri potrebbe portare a una crisi finanziaria globale. In definitiva, ciò potrebbe far precipitare non solo i paesi colpiti, ma anche la stessa Cina e il resto del mondo in una crisi globale.

Il cancelliere Olaf Schultz (SPD) ha pronunciato una frase durante il Catholic Day che dovresti ascoltare.
Il cancelliere Olaf Schultz (SPD) ha pronunciato una frase durante il Catholic Day che dovresti ascoltare. (Fonte: epd/imago-images-pictures)

Questa tesi è nota nelle scienze politiche come “diplomazia della trappola del debito cinese”. – È controverso. Originariamente proveniva dallo studioso indiano Brahma Chellani e si presume che la Cina stia cercando di far dipendere da essa i paesi poveri con prestiti a basso costo. Se questi non possono più soddisfare le richieste di rimborso, la Cina acquisisce in cambio infrastrutture critiche come i porti.

I critici della tesi obiettano che la stragrande maggioranza dei paesi africani deve molto poco alla Cina (ad eccezione dell’Angola, che deve il 40 per cento del suo PIL a Pechino). Inoltre, la Cina non può obbligare i debitori a trasferire la proprietà dell’infrastruttura, ma rischia invece la necessità di cancellare i prestiti.

Non importa quanto realistica si pensi alla teoria delle trappole del debito, non c’è dubbio sulle ambizioni della Cina di dimostrare che i regimi autoritari sono i più riusciti economicamente e politicamente. Si consiglia quindi all’UE di non lasciarsi dividere e di considerare le offerte che può fare alle regioni più povere non solo per sostenerle economicamente, ma anche per legarle ulteriormente politicamente.

A Shanghai la Cina sta raggiungendo i suoi limiti con la sua strategia zero-Covid (qui gli uomini stanno sterilizzando la scuola).
A Shanghai la Cina sta raggiungendo i suoi limiti con la sua strategia zero-Covid (qui gli uomini stanno sterilizzando la scuola). (Fonte: Xinhua/imago-images-pictures)

Tanto più che noi, come europei, dovremmo conoscere meglio il successo di questo principio. Dopo la seconda guerra mondiale, il Piano Marshall degli Stati Uniti non solo ha aiutato l’Europa occidentale e la Germania in particolare a rimettersi in piedi. È stata anche la base del partenariato transatlantico, che, nonostante tutte le crisi, rimane oggi il fulcro della nostra politica estera.

Era ancora di buon umore: Toni Kroos con la figlia subito dopo la vittoria del Real Madrid in finale di Champions League.
Era ancora di buon umore: Toni Kroos con la figlia subito dopo la vittoria del Real Madrid in finale di Champions League. (Fonte: foto di Kirsty Wigglesworth / dpa)

Non c’erano domande stupide, solo risposte stupide. Toni Kroos di certo non sarebbe d’accordo con questo detto. Il calciatore ha acceso accese discussioni sui social durante il fine settimana. Motivo: Kroos ha interrotto un’intervista televisiva sabato sera dopo la vittoria finale del Real Madrid sul Liverpool in Champions League, dicendo che il giornalista gli ha posto “domande stupide”.

D’altra parte, Kroos sta ricevendo molti applausi per questo. Secondo il motto: finalmente a una persona non può essere mostrato tutto ciò che i giornalisti gli inviano. Altri lo trovano arrogante: perché Anche stelle del calcio come Kroos (stipendio mensile stimato nel Real Madrid: 1 milione di euro) si guadagnano da vivere con il pubblico. Un breve ed educato colloquio dopo il fischio finale non sembra molto.

Ma la verità è che ci sono ovviamente domande stupide. Anche con la domanda di professionisti come noi giornalisti. Chiunque debba fare domande tutto il giorno per lavorare, a volte farà domande mediocri o cattive. A volte non c’era abbastanza tempo per prepararsi bene. A volte hai una brutta giornata.

Ma lo stesso vale per le risposte. Volevo abbreviare un’intervista o l’altra con il politico di Baqubah Kroos. Ad esempio, quando la stessa frase senza senso è apparsa per la millesima volta. O quando un politico si arrabbia perché le domande non gli si addicono. E quello che dicono alcuni calciatori dopo una partita importante non rientra necessariamente nella categoria dell’intelligenza.

Può essere utile in questi momenti ricordare che entrambe le parti hanno bisogno l’una dell’altra per svolgere bene il proprio lavoro. Pertanto dovremmo mantenere un minimo di rispetto e cortesia. Perché alla fine non si tratta della sensibilità di un calciatore, di un politico o di un giornalista. Ma sul pubblico.

Gli appuntamenti di oggi

La guerra in Ucraina è l’argomento principale di un vertice speciale dell’UE a Bruxelles, dove i capi di Stato e di governo si incontrano lunedì e martedì. Ma invece di creare un fronte unito, le differenze sono all’ordine del giorno: il rifiuto dell’Ungheria di sostenere il sesto pacchetto di sanzioni contro la Russia. In sostanza, il divieto di importazione di petrolio russo.

Caricamento in corso…

Caricamento in corso…

Caricamento in corso…

READ  Israele: la delusione del ricercatore per la quarta vaccinazione contro il Corona