Ottobre 3, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Immunoproteinite – La pratica di guarigione

Nuove intuizioni sullo sviluppo delle malattie autoimmuni

Malattie autoimmuni Sono le malattie in cui questo sistema immune diretto contro il corpo stesso. Ciò si traduce in una varietà di sintomi come Sclerosi multipla (SM) o reumatismi. Il team di ricerca ha ora Nuove intuizioni sulla sua origine Tali malattie hanno vinto.

I ricercatori hanno scoperto che alcune proteine ​​nel sistema immunitario innato possono interagire non solo indirettamente, ma anche direttamente con le cellule immunitarie naturalmente benefiche, aumentando così la produzione di cellule pro-infiammatorie dannose. I risultati potrebbero contribuire in futuro allo sviluppo di nuovi trattamenti per le malattie autoimmuni.

Il sistema immunitario attacca il corpo

come in corrente Messaggio In alcune malattie, le cosiddette malattie autoimmuni, come la SM, l’artrite reumatoide o il lupus eritematoso sistemico (LES), il sistema immunitario attacca il proprio corpo e innesca infezioni croniche, spiega il Centro medico universitario di Mainz.

I pazienti affetti hanno spesso livelli aumentati di quelle che vengono chiamate trappole per neutrofili extracellulari, in breve NET. Quindi gli esperti vedono una connessione con lo sviluppo di malattie autoimmuni.

I NET rappresentano in genere un utile meccanismo di difesa per il sistema immunitario innato e i neutrofili sono un sottotipo di globuli bianchi, noti anche come leucociti. Costituiscono una parte importante del sistema immunitario innato; Circa due terzi di tutti i leucociti sono neutrofili.

Le trappole di neutrofili extracellulari rappresentano una rete di un gran numero di proteine ​​antimicrobiche legate al DNA, la componente proteica più comune delle reti sono i cosiddetti istoni.

Per capire meglio come le reti neurali causano l’infiammazione e contribuiscono allo sviluppo di malattie autoimmuni, gli scienziati dell’Istituto di immunologia del Centro medico universitario di Mainz hanno analizzato i meccanismi funzionali e le interazioni delle proteine ​​NET sulle cellule immunitarie.

READ  Le iniezioni di Botox influenzano i sentimenti

I loro risultati sono stati pubblicati sulla famosa rivista.Comunicazioni sulla naturaIl petto.

Un farmaco sviluppato per curare la sepsi

“Tra le altre cose, abbiamo studiato la possibilità e come bloccare efficacemente le interazioni delle proteine ​​NET sulle cellule”, spiega il capo dell’Istituto di Immunologia presso il Centro medico universitario di Mainz, un professore universitario. Il dottor Tobias Pope.

Siamo riusciti a farlo con un nuovo farmaco originariamente sviluppato per il trattamento della sepsi che è in grado di inibire gli istoni. È stato dimostrato che con l’aggiunta di un inibitore dell’istone, la crescita delle cellule TH17 è stata significativamente ridotta”.

Come hanno scoperto i ricercatori, i globuli bianchi possono attivare le cellule TH17 direttamente attraverso le loro reti. Secondo gli esperti, gli istoni portano direttamente alla produzione di alcune sostanze messaggere in un particolare tipo di cellula immunitaria, le cosiddette cellule T. Questi messaggeri a loro volta segnalano alle cellule T di differenziarsi in cellule TH17.

Come descritto nel comunicato, le cellule TH17 sono un tipo speciale di cellula T helper e hanno un ruolo importante, tra le altre cose, nell’attivazione dei neutrofili. In una persona sana, aiutano a combattere con successo alcuni tipi di infezioni batteriche o fungine.

Se c’è un’attivazione incontrollata di queste cellule, può causare un’infiammazione cronica. Ciò innesca una risposta immunitaria contro le cellule sane, nota come reazione autoimmune.

Non sono stati esaminati gli effetti indiretti

Contrariamente alla ricerca precedente, un team dell’University Medical Center Mainz non ha studiato gli effetti indiretti dei NET sui linfociti T nell’infiammazione autoimmune, ma piuttosto come e come i NET e le loro proteine ​​possono influenzare direttamente i linfociti T naturalmente benefici e quindi contribuire all’autoimmunità patologia.

READ  Un semplice esame del sangue predice in modo affidabile lo sviluppo del cancro al fegato: una pratica curativa

Il dottor spiega. Alicia Wilson, prima autrice della pubblicazione.

Gli inibitori dell’istone possono indebolire questo effetto. Ciò dimostra un’associazione diretta tra queste proteine ​​e la formazione e la funzione delle cellule Th17. A lungo termine, il successo di questa ricerca può contribuire allo sviluppo di nuovi trattamenti contro le malattie autoimmuni”, afferma lo scienziato dell’Istituto di Immunologia del Centro medico universitario di Mainz. (AD)

Informazioni sull’autore e sulla fonte

Questo testo è conforme alle specifiche della letteratura medica specializzata, delle linee guida cliniche e degli studi attuali ed è stato verificato da professionisti del settore medico.

rigonfiamento:

  • Medicina universitaria Mainz: le proteine ​​possono infiammare direttamente il sistema immunitario (accesso 28 febbraio 2022), Università di Medicina di Magonza
  • Wilson AS, Randall KL, Pettitt JA, Ellyard JI, Blumenthal A, Enders A, Quah BJ, Bopp T, Parish CR, Brüstle A: le trappole di neutrofili extracellulari e gli istoni promuovono la differenziazione delle cellule Th17 direttamente tramite TLR2; In: Comunicazioni sulla natura, (Pubblicato: 26/01/2022), Comunicazioni sulla natura

nota importante:
Questo articolo contiene solo consigli generali e non deve essere utilizzato per l’autodiagnosi o il trattamento. Non può sostituire una visita dal medico.