Febbraio 27, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Immagini deprimenti mostrano la lava che scorre nella città

Immagini deprimenti mostrano la lava che scorre nella città
  1. Home page
  2. mondo

La lava scorre dalla fessura lunga un chilometro. A sinistra c'è la diga di protezione rotta © DIPARTIMENTO ISLANDESE DELLE PR CIVILI/afp

La situazione relativa all'eruzione vulcanica nei pressi della città islandese di Grindavik sta lentamente cominciando a calmarsi. La colata lavica proveniente da una delle due fessure si è ritirata. Tutte le novità al bar.

Aggiornamento del 15 gennaio, ore 8:30: La situazione si calma. Secondo Visir.is, la fessura che si è aperta ai margini del progetto, ha ridotto notevolmente la sua attività nelle prime ore del mattino. La colata lavica si fermò poco prima della quarta casa. La lava sta ancora filtrando dalla seconda fessura a nord. Qui però è stato possibile reindirizzarlo con mura protettive in modo che la lava scorresse verso ovest e non minacciasse attualmente la città.

Il direttore delle comunicazioni della Protezione civile ha detto che è troppo presto per inviare persone a Grindavik per cercare di raffreddare la lava che scorre lì. Nuove fessure laviche possono aprirsi in qualsiasi momento. Il Blue Lagoon Thermal Resort, situato a nord della zona dell'eruzione, è stato evacuato lunedì e rimarrà chiuso fino a martedì.

Aggiornato dal 14 gennaio, 20:12: La lava esce attualmente da due fessure: a nord di Grindavik si è aperta una fessura lunga 900 metri, dalla quale la lava fuoriesce principalmente verso ovest. Vicino alla periferia della città si è aperta una fessura lunga 100 metri, da dove la lava scorre verso l'insediamento di Evrahobi. Secondo la stazione radio RÚV tre case hanno preso fuoco o sono state sepolte dalla lava bollente.

Il primo ministro Lava Katrin Jakobsdottir ha partecipato a una sessione informativa per i residenti di Grindavik e ha detto: “I cuori di tutti i cittadini sono con i Grindavik”. In città non c'è acqua calda, l'elettricità è stata interrotta e la colata di lava ha attraversato una strada importante. Lo stesso sindaco Fnar Jonasson è stato colpito e anche la sua casa si trova sul percorso della colata lavica. Ha detto: “È tragico vedere le case cadere vittime di incendi. “La gente della città non è più depressa, ma distrutta”.

Il fotografo naturalista documenta l'esplosione dall'alto

Il pluripremiato fotografo naturalista Ragnar Axelsson, noto come RAX, ha sorvolato l'area al crepuscolo e ha fotografato l'eruzione. Le immagini sono toccanti e tristi allo stesso tempo. In una delle foto puoi vedere come la lava scorre in città.

Benedikt Halldorsson, sismologo dell'Agenzia meteorologica norvegese, ha detto alla radio norvegese che la vena vulcanica ha raggiunto i confini della città e probabilmente si trovava sotto la città. Halldorsson afferma inoltre che “il peggiore scenario immaginabile è diventato realtà”. Secondo Halldorsson, attualmente la lava scorre verso il centro della città ad una velocità di circa cento metri all'ora.

Il capo della polizia avverte di una grande fessura di lava nel centro dell'Islanda

“Per come si è presentata l'eruzione questa mattina intorno alle 10, si pensava che sarebbero potute volerci 24 ore prima che la lava raggiungesse Grindavik. Poi si è aperta questa spaccatura che ha cambiato tutto”, ha detto a RUV il capo della polizia islandese Feder Rennison. Il Met Office ha avvertito più volte che non ci sarà fine al flusso di magma dal suolo. “Pertanto, dobbiamo essere preparati e concentrare le nostre misure sul pericolo reale: una grave spaccatura a Grindavik e una diffusa contaminazione da gas”. Potrebbero seguire altre esplosioni.

Aggiornato dal 14 gennaio alle 15:42 EST: La lava ha raggiunto le prime case di Grindavik. Il nuovo edificio alla periferia nord della città, che non era ancora stato occupato, fu il primo a prendere fuoco. Poco dopo bruciò una seconda casa. Una telecamera dal vivo (vedi sotto) mostra come il flusso di lava si sta riversando in città. In precedenza era possibile ottenere in modo tempestivo escavatori e altre macchine edili pesanti

Screenshot dalla telecamera live del portale multimediale mb.is, che mostra l'eruzione vulcanica a Grindavik.
La lava ha raggiunto le prime case di Grindavik. © YouTube/mb.is

Lo dice il vulcanologo Thorvaldur Thordarson in un'intervista a una rivista Radio NazionaleGli eventi di oggi erano lo scenario peggiore che potesse immaginare. Tutto indica che altro magma sta fluendo nella camera magmatica di Grindavík. La lava ha ora raggiunto il sistema di approvvigionamento idrico e l'acqua al suo interno sta bollendo. Calmati ad alta voce mbl.isLa nube di gas risultante dall'eruzione si sta muovendo a sud verso il mare aperto e non a nord verso Reykjavik.

Aggiornato dal 14 gennaio alle 13:00: La lava è ora alta visita.is Fino a 450 metri dalle case più settentrionali di Grindavik, 4.000 abitanti. La fessura è quindi lunga circa un chilometro. È solo questione di ore prima che gli edifici e le infrastrutture critiche come l’elettricità e l’acqua siano accessibili. La lava entrò attraverso un varco che non si era ancora chiuso al momento della costruzione del muro di protezione. Il divario si estende anche a sud di questi terrapieni. Le immagini sui social media mostrano quanto il sito dell’epidemia sia vicino allo sviluppo.

afferma Fanar Jonasson, sindaco di Grindavik, in un'intervista a mbl.is: “Naturalmente non sappiamo come andranno a finire le cose, ma il luogo dell'eruzione, così a sud, era uno degli scenari peggiori che gli scienziati avessero ipotizzato. A meno che non scoppiasse semplicemente sotto la città.” Si può solo osservare come si sviluppa. Nella maggior parte dei casi, durante il processo di evacuazione non si sono verificati incidenti o feriti. “Ma c'è molto in gioco: le case delle persone, le loro proprietà e poi tutte le loro attività, elettrodomestici e gadget.”

La polizia ha avvertito gli astanti di non recarsi a piedi sul luogo dell'eruzione. Le strade sono chiuse. “Fuori fa molto freddo, il percorso è lungo e il terreno è instabile a causa di crepe e altro. Inoltre, tutti gli operatori sono occupati e non hanno la manodopera per raccogliere le persone che camminano. La polizia locale avverte su Facebook che la zona è pericoloso in termini di crepe, gas, ecc.

Testo originale del 14 gennaio 2024: GRINDAVIK – Una nuova attività sismica causa disordini da giorni, e ora è di nuovo il momento: il vulcano a fessura nel nord dell'Islanda è di nuovo in eruzione. Giornale islandese maschera Secondo i rapporti, l’attività sismica nella catena del cratere Sondhnok a nord della città è aumentata intorno alle 3 del mattino e nell’ora successiva sono stati registrati più di cento terremoti. La città è stata ormai completamente evacuata. Sembra che la lava abbia già sfondato una diga protettiva.

Una telecamera riprende l'eruzione di un vulcano a nord della città islandese

La nuova eruzione è iniziata alle 7:59 di domenica 14 gennaio, vicino alla fessura vulcanica formatasi il 18 dicembre. Tuttavia, questa volta, nelle ultime ore, i flussi vulcanici provenienti dalla fessura si sono rivolti a sud verso Grindavik.

Per valutare la situazione è stato lanciato un elicottero della Guardia Costiera. La Protezione Civile ha alzato il livello di allerta al livello di emergenza. “Non appena saranno disponibili ulteriori informazioni sulla posizione, emetteremo una nuova notifica”, ha affermato il Ministero della Protezione Civile.

La lava attraversa le mura di terra che dovrebbero proteggere la città

Kristin Jónsdóttir, esperta di rischi naturali presso l'Ufficio meteorologico islandese, ha detto in un'intervista mascheraL'eruzione è avvenuta a sud delle colline vulcaniche di Hagafell, a nord dei terrapieni di Grindavik. Nelle ultime settimane tali barriere sono state erette per proteggere la città dalle colate laviche. Tuttavia, l’eruzione, formatasi circa un’ora fa, sembra aver attraversato una diga a breve distanza a nord di Grindavik. mbl.is. Un video mostra una lingua di lava che si muove verso gli escavatori parcheggiati.

Grindavik è già stata evacuata dopo il terremoto del novembre dello scorso anno. Quando la situazione nel nord della città si è calmata dopo la prima epidemia di dicembre, i residenti hanno potuto ritornare all’inizio dell’anno. La settimana scorsa, durante i lavori di pulizia in città, un operaio edile è scomparso in una fessura che si è aperta spontaneamente.