Aprile 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il “vincitore del cambiamento climatico”: lo sorprendente ritorno del coniglio marrone

Il “vincitore del cambiamento climatico”: lo sorprendente ritorno del coniglio marrone

Buone notizie prima di Pasqua: il numero dei conigli marroni in via di estinzione è recentemente aumentato notevolmente in Germania. Nella primavera del 2023, in campi, prati e campi saltavano in media 19 lepri brune per chilometro quadrato. “Si tratta di un massimo storico”, ha detto lunedì Torsten Reinwald, portavoce dell'Associazione tedesca della caccia. Si tratta del valore più alto da quando è iniziato il monitoraggio a livello nazionale nel 2001.

La primavera secca del 2023, in particolare, ha fornito condizioni di sosta ideali per la prole dei conigli. La primavera è un periodo di parto importante per i conigli marroni. Nel 2022 i cacciatori di tutta la Germania contavano in media 16 animali per chilometro quadrato.

Dovrebbe essere caldo e asciutto

I conigli marroni si trovano quasi ovunque in Germania, anche nelle aree boschive e urbane come Berlino. Esistono tuttavia differenze demografiche tra le sei principali regioni tedesche: con una media di 28 lepri brune per chilometro quadrato, la densità di popolazione è più densa nelle pianure della Germania nordoccidentale, cioè dal confine danese alla Renania settentrionale. Ci sono 21 lepri brune nelle basse catene montuose della Germania sudoccidentale. I pipistrelli dalle orecchie lunghe sono relativamente rari nelle pianure della Germania nordorientale con una media di 7 animali e ai piedi delle Alpi con 9 animali.

“Si potrebbe dire che il coniglio è il vincitore del cambiamento climatico”, ha detto Reinwald. In quanto abitanti indigeni della steppa, soprattutto i pipistrelli dalle orecchie lunghe beneficiavano delle sorgenti calde e secche. Aprile e maggio sono il periodo cruciale per la crescita dei giovani conigli. “Se fuori è asciutto e ancora caldo, è perfetto”, ha detto Reinwald. D'altra parte, i coniglietti marroni sono sensibili al clima freddo e umido. Perché le lepri brune non hanno una caverna protettiva come i conigli.

Contare di notte con i fari

Le lepri brune vengono conteggiate dai cacciatori nell'ambito del monitoraggio della fauna selvatica in primavera e autunno. Successivamente viene registrato il numero di animali che possono essere rilevati di notte su una determinata strada alla luce di un faro uniforme. Anche in questo caso sono state contate più di 400 aree di riferimento. Tuttavia il numero delle superfici era leggermente inferiore perché in autunno, a causa del tempo umido, in alcuni luoghi il mais non raccolto era ancora alto nei campi, quindi non era possibile contare i conigli. Secondo l'Associazione caccia, i dati sono però paragonabili a quelli degli anni precedenti.

Anche le lepri brune vengono cacciate dai cacciatori. Secondo l'associazione, la caccia viene praticata tenendo conto delle condizioni regionali. In alcune zone, i cacciatori si astengono volontariamente dalla caccia ai conigli.

Non è ancora chiaro come si svilupperà l’attuale prole dei conigli. Il conteggio è attualmente in corso. “Ma ancora una volta ci sono buone condizioni di partenza”, ha detto Reinwald. Il cosiddetto tasso di crescita, cioè la differenza tra i censimenti della primavera e dell’autunno del 2023, è stato di un discreto 15%. Molte lepri probabilmente sono riuscite a sopravvivere all'inverno, che non è stato particolarmente difficile. Tuttavia, le forti piogge e le inondazioni in alcune parti della Germania furono fatali per i piccoli conigli marroni, che nacquero presto. “Non hanno avuto alcuna possibilità quest'anno.”

“…poi la tendenza diminuisce.”

In generale, negli ultimi anni il numero di conigli marroni in Germania è aumentato. La Fondazione tedesca per la fauna selvatica stima che in Germania vivano almeno due milioni di lepri brune (Lepus europaeus). Tuttavia, secondo Andreas Kinser, responsabile del dipartimento per la protezione della natura e delle specie della fondazione, lo sviluppo positivo non dovrebbe oscurare la tendenza a lungo termine. “Se guardiamo agli ultimi 50 anni, la tendenza è al ribasso”. Soprattutto l’agricoltura intensiva rende il paesaggio meno diversificato, quindi l’habitat per i conigli marroni sta diventando sempre più scarso.

+++ Non perdere altre notizie sul clima: iscriviti al nostro canale WhatsApp +++

“Ciò che è frustrante è la perdita di habitat. Abbiamo ancora molto margine di miglioramento”, ha detto il portavoce dell'associazione di caccia Torsten Reinwald, perché le lepri brune hanno bisogno di siepi, fossati e strisce fiorite. È in questi “angoli disordinati” che i corridori intelligenti trovano il loro cibo nelle erbe selvatiche come la malva, la camomilla e la valeriana, così come altre specie a rischio di estinzione come il criceto campestre o la pernice: «Hanno bisogno di un paesaggio così diversificato», spiega Reinwald.

Funziona solo con l’agricoltura

Inoltre, i bordi dei campi e le sporgenze nelle aree agricole forniscono alle lepri marroni copertura dai nemici. “Più grandi sono le aree, meno strutture ci sono”, ha detto Kinser. Soprattutto, dal punto di vista dei cacciatori e della Wildlife Foundation, più terreni incolti potrebbero aiutare le lepri brune e la biodiversità nel suo insieme.

Criticano il fatto che l’Unione Europea abbia recentemente sospeso le normative sui siti infrastrutturali per quest’anno. Dal punto di vista dei pescatori, sono necessari maggiori incentivi per gli agricoltori per raggiungere l’armonia tra conservazione della natura e agricoltura. “Funzionerà solo se lavoriamo insieme”, ha detto il portavoce della DJV Reinwald. Le misure volte ad aumentare la biodiversità dovrebbero dare frutti all’agricoltura.