Dicembre 6, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il vaccino HPV riduce il rischio di cancro cervicale di quasi il 90% – EURACTIV.com

L’incidenza del cancro del collo dell’utero è inferiore dell’87% nelle donne vaccinate contro il papillomavirus umano (HPV) di età compresa tra 12 e 13 anni, come nuovo caso in bisturi Lo studio pubblicato ha confermato.

Uno studio osservazionale pubblicato in inglese giovedì 4 novembre ha monitorato il programma di vaccinazione contro il papillomavirus umano (HPV) con il vaccino bivalente Cervarix, iniziato in Inghilterra nel 2008.

I risultati mostrano che entro giugno 2019, la popolazione vaccinata in Inghilterra aveva circa 450 casi in meno di cancro cervicale e 17.200 casi in meno di cancro cervicale (lesioni precancerose) del previsto.

Lo studio ha fornito la “prima prova diretta” della prevenzione del cancro cervicale con un vaccino bivalente in tutto il mondo.

Kate Soldan di Health UK, co-autrice dello studio, ha affermato che la vaccinazione HPV era “prevista” per essere più efficace nei gruppi vaccinati di età compresa tra 12 e 13 anni, “dove l’assorbimento era maggiore e meno probabilità di essere infettati”. infezione.

Lo studio ha esaminato i dati del registro dei tumori basati sulla popolazione tra gennaio 2006 e giugno 2019 per sette gruppi di donne di età compresa tra 20 e 64 anni alla fine del 2019. Tre di questi gruppi costituiscono la popolazione vaccinata, con donne di età compresa tra 12 e 13 anni vaccinate e 14 -16 e 16-18 anni al Cervarix.

I ricercatori hanno anche scoperto che i tassi di cancro cervicale sono stati ridotti del 62% nelle donne vaccinate di età compresa tra 14-16 anni e del 34% nelle donne vaccinate di età compresa tra 16-18.

“Si tratta di un importante passo avanti nella prevenzione del cancro della cervice uterina. Ci auguriamo che queste nuove scoperte migliorino l’accettazione, perché il successo del programma di vaccinazione dipende non solo dall’efficacia del vaccino, ma anche dalla percentuale della popolazione vaccinata”, ha detto Soldano.

READ  Cosa fanno i coronavirus: "Gli alveoli sono in gran parte distrutti, le pareti sono notevolmente ispessite"

I risultati dovrebbero stimolare i programmi di vaccinazione

Nell’ambito degli sforzi dell’Organizzazione mondiale della sanità per eradicare il cancro del collo dell’utero, la vaccinazione HPV è stata introdotta in 100 paesi.

Nell’Unione Europea, il cancro del collo dell’utero è secondo solo al cancro al seno Il secondo tipo di cancro più comune Nelle donne dai 15 ai 44 anni.

Ogni anno ci sono circa 33.000 casi di cancro del collo dell’utero e 15.000 decessi nell’Unione Europea. La causa principale del cancro del collo dell’utero è l’infezione persistente del tratto riproduttivo con alcuni tipi di papillomavirus umano (HPV).

In Europa sono stati approvati tre vaccini preventivi per l’HPV: un vaccino bivalente, quadrivalente e un vaccino novevalente, a seconda del numero di tipi di HPV che contiene.

In Inghilterra, il vaccino bivalente è stato utilizzato per la prima volta per proteggere dai due tipi più comuni di HPV, responsabili di circa il 70-80% di tutti i tumori del collo dell’utero.

Lucy Ellis Brooks, direttore associato della cura dei dati presso NHS Digital e uno degli autori dello studio, ha affermato che i risultati di questo studio sono stati “estremamente importanti nell’incoraggiare le persone idonee alla vaccinazione, ma anche nel dimostrare il potere di dimostrare i dati che aiuteranno ricercatori medici e il SSN per comprendere le cause del cancro e il modo migliore per diagnosticarlo.” prevenzione e trattamento”.

Maggie Cruikshank, professoressa all’Università di Aberdeen (Regno Unito), che non è stata coinvolta nello studio, ha sottolineato che l’entità degli effetti riportati della vaccinazione HPV dovrebbe stimolare i programmi di vaccinazione nei paesi a basso e medio reddito “dove il cancro cervicale è lontano da un problema di salute.” generalmente maggiore che nei paesi con sistemi di vaccinazione e screening ben consolidati”.

READ  Coronavirus a Berlino: il tasso di infezione scende a 351,4 - Aumenta l'occupazione dei posti letto in terapia intensiva - Berlino

“Oltre alla disponibilità del vaccino, educare la popolazione sull’accettazione del vaccino è la questione più importante, poiché aumentare il tasso di vaccinazione è una componente chiave del successo”, ha concluso.

Liberarsi dell’HPV non è solo questione di vaccinazioni

subordinare Piano europeo per combattere il cancro Mira ad eliminare il cancro della cervice uterina causato dall’HPV vaccinando almeno il 90% della popolazione femminile target dell’UE entro il 2030.

È inoltre previsto un nuovo programma di screening del cancro per l’Unione europea per garantire che il 90% della popolazione target abbia accesso allo screening per il cancro al seno, al collo dell’utero e al colon-retto entro il 2025.

Sibilia Quilici, amministratore delegato di Vaccines Europe, ha commentato gli obiettivi del piano di controllo del cancro dell’UE per EURACTIV, affermando: “Per la generazione di mia figlia o il bambino che nasce oggi, ciò significa che potrebbero non sapere nemmeno cosa sia il cancro correlato all’HPV. ” Ha anche sottolineato l’importanza di vaccinare sia i ragazzi che le ragazze.

“Il cancro correlato all’HPV non riguarda solo la vaccinazione, è un approccio integrato”, ha aggiunto Kelechi. “Abbiamo bisogno di un meccanismo di screening che sia accessibile anche al pubblico”, ha affermato.

Lo screening del cancro cervicale nelle persone a rischio varia dal 25% all’80% nell’Unione europea. “Penso che ci sia ancora molto da fare nella parte orientale dell’Europa. Si sta facendo sempre di più”, ha concluso Keleci.

[Bearbeitet von Zoran Radosavljevic/Alice Taylor]