Luglio 3, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il testimone sconvolge i giudici con la sua testimonianza: “ce lo ricordiamo”

Bushido è testimone e co-procuratore nel processo.Foto: Imago Images / Olaf Wagner

Watson vive lì

Emki Gerets

Il processo ad Arafat Abu Shaker ea tre dei suoi fratelli è proseguito oggi, lunedì, nel nuovo anno. Questo accadde per la cinquantacinquesima volta. Di recente ha testimoniato Anna Maria Verschi, moglie di Bushido. È stata la sua testimonianza su un incontro con un buon amico nel momento in cui le ha detto che era stato pianificato qualcosa di grande. “Ho avuto una brutta sensazione allo stomaco, è molto cattivo e lo fa”, ha detto ad Arafat.

Proprio questo amico ha confermato in tribunale: “Non ho visto alcuna minaccia. Ho parlato con Anais, e non con Anna Maria. Ecco perché sono rimasto sorpreso che fosse con Polizia Stradale Inoltre, non le ha ordinato di emettere un avvertimento, ma ha inteso la dichiarazione come un consiglio. Anna Maria ha detto: “Una bugia assoluta. Ha mentito molte volte. Aveva quasi più paura di me”. Inoltre: “Non è stato onesto perché è sicuramente successo.” Ora il 30enne deve proseguire gli studi.

Ecco in cosa consiste il processo

Secondo l’accusa, i reati avrebbero dovuto verificarsi dopo che Bushido voleva troncare i rapporti d’affari nel 2017. Abu Shakir non voleva accettarlo e ha chiesto a Bushido di pagare milioni e partecipare al suo lavoro musicale per 15 anni, secondo l’accusa . Il rapper è stato minacciato, umiliato, imprigionato e ferito. I fratelli, di 39, 42 e 49 anni, sono accusati di complicità o complicità.

Ho giocato alla telefonata di Anna-Maria con la famiglia

Prima di chiamare il testimone nella stanza, il residente ha letto la cronologia della chat sicura Instagram tra lui e Bushido. I messaggi più vecchi sono del 2016. Tuttavia, significativo è stato lo scambio di messaggi nel gennaio 2018, poco dopo i presunti reati contro il rapper. Lì il testimone ha scritto: “Fratello, so che stai attraversando momenti difficili ora. Siamo qui, fratello”. Prima che il 30enne potesse commentare questa notizia, è stata ascoltata una registrazione telefonica tra Anna Maria e un membro della famiglia Arafat.

READ  La 'cena perfetta per le celebrità': volva o ostriche? Ha confuso tutti! - Televisione

La moglie di Bushido è stata avvertita di Arafat durante la telefonata. Il 40enne ha detto: “Mi sento davvero male quando lo sento. Ne ho cinque bambini a casa. Ho iniziato a tremare.” Ma dopo il riavvio, la difesa di Arafat e di suo fratello Yasser inizialmente contraddiceva lo sfruttamento, inoltre non era garantito che la donna avesse acconsentito alla conversazione.

Poi è stata la volta del testimone. In un primo momento, il giudice ha detto: “Sorge un’altra domanda: hai detto l’ultima volta che non ti trovavi di fronte a una situazione di minaccia in questo modo. Hai mai pensato che dovresti avere paura?” Poi ha risposto succintamente: “No”. Deve anche commentare la conversazione telefonica tra Anna Maria e la moglie di uno degli imputati. Questo è ciò che la moglie di Bushido ha registrato in sua presenza sul suo cellulare. “Quando era a casa, voleva parlarle in pace. Non sapendo nulla della registrazione, mi ha chiesto se poteva avere il cellulare”. Non ha chiesto perché lei lo volesse. L’infermiere ha controllato di nuovo e ha voluto sapere come ha reagito Ana Maria quando ha scoperto che qualcosa era contro di lei. famiglia I miei pennelli sono pianificati. “Era normale, si comportava normalmente, non aveva paura. La paura sembra diversa nei miei occhi”. Secondo la sua testimonianza, neanche lei rabbrividì. Dopo la conversazione, avrebbe chiamato Bushido.

Un testimone importante contraddice di nuovo la moglie di Bushido

Quando il procuratore generale Petra Lister ha sottolineato, secondo Anna Maria, di essere rimasto completamente scioccato dopo la telefonata, ha detto: “Non è vero”. Lester aveva anche domande sulla sua storia della chat e su Bushido del gennaio 2018. Il testimone ha detto che non si trattava degli incidenti di Puderstraße, ma di questioni private tra Bushido e sua moglie: “Anna Maria voleva rompere”. Sapeva che l’artista non si sentiva bene. Inoltre: “So che Ana Maria voleva spesso lasciare Anis”. La coppia ha litigato più volte. Nel frattempo è stata letta una lettera tra il teste e Anna Maria del luglio 2018. Diceva: “Esco con i bambini, non mi piace più. Questo ragazzo è così egoista. Prima che lo odio, io’ d meglio rompere.”

READ  Patricia Blanco ha criticato la foto con i senzatetto

Il testimone non ricorda dettagli importanti

Quando gli è stato chiesto se Bushido avesse detto di essere stato incarcerato, il testimone ha risposto: “Non lo so”. Il presidente sembrò infastidito dalla risposta e disse: “Non lo ricorda? Il signor Ferchichi ha riferito una cosa del genere? Uno lo ricorda”. testimonianza Ha continuato: “Non so se me l’ha detto più. Ci sono cose che non mi ha detto. È il suo cantiere”.

il amicizia Tra lui e Bushido si è finalmente concluso il giorno in cui il testimone ha testimoniato alla polizia. Fino ad oggi non ha capito il motivo della perdita di contatto. Interrogato in quel momento, dichiarò che era stato un malinteso pianificare qualcosa di grande. Né sa perché ha interrotto i contatti con Anna Maria. “Non c’era motivo, non abbiamo litigato”. Il giorno dopo il processo si terrà mercoledì.

Puoi trovare tutti gli altri articoli sul processo Bushido qui.