Il terrorismo in Russia sorprende Putin, ma l’attacco dell’Isis non sorprende gli esperti

Date:

Share post:

Edoardo Borroni
Edoardo Borroni
"Fanatico di alcol esasperantemente umile. Praticante di birra impenitente. Analista."
  1. Home page
  2. Politica

Insiste

Islamisti in Russia? Quella che al presidente russo Putin sembra un’operazione ucraina in realtà non è così inverosimile.

Mosca – Presidente russo Vladimir Putin È rimasto stupito dal fatto che l'Isis abbia rivendicato l'attacco terroristico vicino a Mosca. Ha chiesto: “Le organizzazioni estremiste e persino terroristiche sono davvero interessate a compiere attacchi?” Russia All’inizio di un incontro sulle possibili misure di follow-up tra alti funzionari della sicurezza, si è chiesto: “Cosa rappresenta oggi una giusta soluzione al crescente conflitto in Medio Oriente?” Ha chiesto: “Come possono gli estremisti islamici commettere tali crimini durante il mese sacro del Ramadan contro tutti i musulmani?”

Un sottogruppo dello Stato islamico ha rapidamente rivendicato l’attacco alla sala da concerto di Mosca

La sera del 22 marzo, alcuni terroristi armati di fucili automatici Kalashnikov sono entrati nella sala da concerto Crocus City Hall, nel nord-ovest di Mosca, e hanno aperto il fuoco. Secondo i dati ufficiali del governo russo, hanno ucciso almeno 137 persone. Per Putin la strada porta “logicamente” all’Ucraina, anche se così è Gruppo scissionista dell'Isis, Stato Islamico della provincia del Khorasan (ISKP) Ha subito confessato l'aggressione. Mosca ha arrestato in brevissimo tempo undici presunti terroristi. Secondo i media ufficiali russi, tutti i presunti autori del reato hanno la cittadinanza tagica.

Ma quanto è probabile un attacco terroristico alla Russia? L'esperta afghana Elinor Zeno ritiene plausibile che l'ISIS-K sia responsabile dell'attacco. In un'intervista con ntv L'ho spiegato [die ISKP] È noto da anni che ha in mente obiettivi anche al di fuori dell’Afghanistan. Il suo potenziale è molto grande da molto tempo. L’unica domanda è quando ciò accadrà”.

Il presidente russo Vladimir Putin ha espresso la sua sorpresa per la rivendicazione da parte dell'Isis della responsabilità dell'attacco terroristico avvenuto vicino a Mosca. © Michael Mitzel/Imago

La Russia è la vittima logica dei terroristi dell’ISIS-K

L’attacco alla sala da concerto di Mosca segue il modus operandi dell’ISIS-K, secondo il professore di storia e studi globali della California State University Ibrahim al-Marashi. Si riferisce in un articolo a Posta di Kiev Nel 2015 l'Isis prese di mira un concerto al nightclub Bataclan di Parigi, uccidendo 89 persone. Lì, i terroristi hanno sparato con mitragliatrici Kalashnikov contro il pubblico amante della musica.

Secondo Al-Marashi, il fatto che la Russia abbia colpito questa volta è dovuto a due punti fondamentali: in primo luogo, è stata l’invasione sovietica dell’Afghanistan nel 1979, che ha destabilizzato la regione e quindi creato terreno fertile per gruppi estremisti come l’ISIS nella provincia di Khorasan. . La Russia, in quanto Stato successore dell’Unione Sovietica, è quindi il logico nemico. Inoltre, dal 2015 la Russia sostiene il dittatore al potere Bashar al-Assad nella guerra civile siriana, tra i cui oppositori figurano anche combattenti ribelli dello Stato islamico.

La precaria situazione sociale dei tagiki li rende un obiettivo popolare per il reclutamento

In secondo luogo, nelle sue dichiarazioni, Al-Marashi sottolinea la posizione precaria dei tagiki nella società russa. In quanto “comunità disperata”, sono vittime ideali dell’ISIS-K che possono essere facilmente mobilitate per commettere atti di violenza. Dopo una sanguinosa guerra civile che ha coinvolto la Russia negli anni ’90, il Tagikistan in Asia centrale è stato economicamente devastato – almeno per le parti non governative della società – e ha poche prospettive. I giovani spesso si trasferiscono in Russia per lavorare nel settore a bassa retribuzione e inviare denaro alle proprie famiglie. Dopo l'invasione totale dell'Ucraina da parte di Putin, i tagiki sono stati sempre più costretti al servizio militare.

L'attacco ha aggravato la loro situazione critica. La diaspora tagica in Russia deve far fronte a crescenti minacce di violenza, controlli di polizia “casuali” e molestie. Come Radio Europa Libera È stato riferito che l'ambasciata tagica a Mosca ha invitato i suoi cittadini a rimanere nelle loro case per motivi di sicurezza.

Il terrorismo islamico ha una storia in Russia

L’attuale attacco terroristico al municipio di Crocus non è il primo attacco islamico che la Russia subisce. Durante la seconda guerra cecena, all'inizio degli anni 2000, i combattenti ceceni compirono omicidi e attacchi sul territorio russo. Questi includono diversi attentati suicidi, una presa di ostaggi di massa al teatro Dubrovka di Mosca e un assedio scolastico a Beslan, in cui furono uccise circa 350 persone.

Le due guerre nella Repubblica del Caucaso settentrionale sono profondamente incise nella memoria collettiva dei musulmani in Russia. Anche in questo contesto, un attacco terroristico a Mosca ispirato dagli islamisti non sembra sorprendente. Per Elinor Zeno è chiaro: “Per l’ISKP Mosca è solo una tappa intermedia sulla strada verso l’Occidente”. (OH)

Related articles

Sono stati segnalati più casi di Oropouche: la clinica fornisce i dettagli

Pagina inizialeil mondostava in piedi: 21 luglio 2024, 15:07Da: Vittoria CrumbeckPremeredivisoIn Italia sono stati segnalati nuovi casi di...

Ecco perché hanno le maniglie ai piedi

Molte bottiglie di birra o altre bottiglie hanno creste nascoste. È questo Braille?La prossima volta che acquisti...

Mike Heater si è davvero innamorato di Layla nel bosco?

Mike Heater si è davvero innamorato di Layla nel bosco?bromflashI piccioncini ora vogliono fare i passi successivi nella...

Vaccinazione contro le zecche: un grande successo per gli open day

Sabato 20 luglio 2024 l'Azienda Medici dell'Alto Adige ha invitato i cittadini ad una vaccinazione gratuita contro l'encefalite...