Il supervulcano italiano trema più forte: il terremoto nel Golfo fa temere uno tsunami

Date:

Share post:

Piero Esposito
Piero Esposito
"Appassionato di alcol. Ninja di Twitter. Amante della TV. Cade molto. Fanatico del caffè hipster."
  1. Pagina iniziale
  2. Panorama

Premere

Un supervulcano italiano è di nuovo attivo come non accadeva da mesi. Un terremoto solleva preoccupazioni per un'esplosione in mare, con un devastante tsunami.

Pozzuoli – Da mesi circa 500mila persone della zona rossa intorno al supervulcano dei Campi Flegrei sono colpite da terremoti intermittenti. Solo nel pomeriggio di giovedì (11 aprile) si sono verificate più di 60 scosse in meno di 24 ore nella baia di Pozzuoli, nel sud. d'Italia riportato. Gli esperti ne mettono in guardia da mesi L'imminente esplosione.

Il supervulcano di Napoli erutterà in acqua come l'Hunga Tonga-Hunga Ha'Bai nel 2022? © Servizi geografici di Tonga tramite www.imago-images.de

Aumentano i terremoti al centro del Golfo antistante Pozzuoli

È interessante notare che i due terremoti si sono concentrati in due aree: una nelle immediate vicinanze della città portuale di Bosuvoli, dove si trova il cratere Solpatara. Poi c'è un ammasso al centro della baia di Pozzuoli, parte dell'enorme caldera che eruttò 39.500 anni fa nella mega-eruzione dei Campi Plegrai nella baia.

Il crescente numero di terremoti nei Campi Flegrei indica il rischio di eruzioni vulcaniche.
Il cratere Solfatara vicino a Pozzuoli sta evaporando. ©IMAGO/xgiumarx

Il vulcanologo Aldo Piombino è preoccupato per i terremoti nel Golfo. Dopotutto, un piccolo terremoto nella baia a una profondità di sei chilometri fa riflettere la gente. Piombino ha pubblicato una mappa su Facebook in cui segna due zone. “Il verde è l'area in cui l'attività sismica è direttamente collegata allo sviluppo del suolo”, scrive. Dal 2005 l'area intorno a Pozzuoli è aumentata di 1,25 metri. I ricercatori ritengono che l’aumento sia causato dall’acqua calda alimentata dalle camere di lava sulla Terra.

La lava sta filtrando nel terreno sotto la baia?

Piombino continua: “La sismicità della Baia Rossa, che è causata dalla presenza di bocche idrotermali nella baia”. Come i mini-vulcani che emettono acqua calda. Piombino spiega: “Si tratta di due zone di sismicità diversa: terremoti profondi non possono verificarsi nella zona del sistema idrotermale perché in realtà non si verificano nel sistema idrotermale, mentre terremoti profondi possono verificarsi lungo la faglia nel Golfo”.

La zona in mare dove si è verificato il terremoto sta facendo venire il mal di testa agli scienziati
Il vulcanologo Alto Piombino ha individuato due aree di attività vulcanica, in mare e sulla terraferma. © INGV/Facebook/Aldo Piombino

I terremoti nei Campi Flegrei si verificano solitamente ad una profondità massima di tre chilometri e mezzo: gli studiosi li interpretano come eruzioni di acqua calda nel sottosuolo eroso. I terremoti profondi, invece, vengono interpretati come segnali di risalita del magma. “Più profondo è il tremore, maggiore è la quantità di magma di cui dovresti preoccuparti”; Un utente è preoccupato. Piombino prova a rassicurare: “La camera magmatica è ancora lontana”. Tuttavia, il magma preferisce filtrare nelle zone di frattura della crosta terrestre.

Tsunami catastrofici si innescano quando un vulcano sottomarino erutta

L’eruzione di un supervulcano può essere devastante anche sulla terraferma Eruzioni precedenti Dimostra. Un'eruzione nel Golfo di Pozzuoli provocherebbe devastanti tsunami. In uno Giornale di vulcanologia e ricerca geotermica In uno studio pubblicato nel 2019, Martina Ulvrova dell'Istituto di geofisica del Politecnico federale di Zurigo e i suoi colleghi hanno creato modelli che mostrano i potenziali tsunami che potrebbero derivare da eruzioni di diversa magnitudo in diverse località della Baia di Pozzoli.

Una simulazione video del Museo di Auckland in Nuova Zelanda, che ricrea il corso di un’eruzione relativamente piccola vicino a una costa popolata, mostra quanto devastanti possano essere le eruzioni vulcaniche.

I risultati di Ulvrova affermano che “esiste un rischio significativo di tsunami in molte aree del Golfo di Napoli” e che il rischio è maggiore nella Baia di Pozzuoli. La maggior parte delle scene dell'eruzione riguardavano tsunami che colpivano aree popolate. La maggior parte delle zone sono colpite solo da onde relativamente piccole, alte meno di dieci metri, spesso alte un metro e mezzo.

Onde alte fino a 30 metri potrebbero colpire Napoli e Sorrento

Tuttavia, nel peggiore dei casi, onde alte fino a 30 metri possono colpire la spiaggia. Ulvrova: “Ciò interesserà soprattutto le zone costiere densamente popolate della baia di Pozzuoli, che hanno infrastrutture dense come case, rete ferroviaria, ristoranti, edifici storici. I napoletani si trovano sulla costa, e Sorrento, Capri, Ischia e Hotel Costiera Amalfitana.

Ci vogliono circa 15 minuti perché le onde attraversino il Golfo di Napoli. Non c'è molto tempo per l'evacuazione. Nel gennaio 2022 i modelli hanno dimostrato di non essere esagerati esplosione La nazione insulare del Pacifico di Hanga Tonga-Hunga proviene da Hapai Tonga. Direttamente sul vulcano, si stima che fosse alto 85 metri quando raggiunse l'isola disabitata di Tofua, a 90 chilometri di distanza, e raggiunse il suo massimo a 45 metri.

Sulle isole scarsamente popolate si sono verificati solo quattro decessi a causa della chiusura degli hotel della regione a causa del coronavirus. Secondo Ulvrova il rischio tsunami dovrebbe assolutamente essere incluso nel piano di emergenza nazionale per i campi di Plegrey.

Related articles

Spagna – Italia: Disgustosa provocazione dei tifosi! Ecco perché lo Schalke viene fischiato

Ecco come domina il favorito! Nella finale preliminare, la Spagna ha vinto 2-0 contro un'altra contendente al...

Questo cavo USB-C a doppia porta condivide in modo intelligente l’alimentazione

Alimentatori e cavi: la maggior parte dei nostri lettori probabilmente ne ha alcuni a casa. I cavi...