Febbraio 28, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il supervulcano italiano potrebbe eruttare presto

Il supervulcano italiano potrebbe eruttare presto
  1. Pagina iniziale
  2. Panorama

La situazione al supervulcano Plegraion Fields vicino a Napoli è molto più esplosiva di quanto i funzionari abbiano finora riconosciuto. Gli esperti sono nel panico.

Napoli – Il Supervulcano dei Campi Plegreyani al Sud d’Italia I residenti della città portuale di Pozzuoli e delle comunità limitrofe sono preoccupati da mesi. Sul supervulcano si trovano anche i quartieri occidentali della città di Napoli. Sciami di terremoti continuano a far temere che sia imminente una catastrofica eruzione del vulcano. Non è successo nulla fino a giovedì (23 novembre). Un altro terremoto di massa.

Finora è stato assicurato che il magma riscalda l’acqua sotterranea solo a una profondità di sette-otto chilometri. Questo campo idrotermale provoca terremoti e sconvolgimenti.

Italia: verrà alzato il livello di allerta per il supervulcano vicino Napoli

Ma in realtà, i funzionari ritengono che il magma possa essere fluito verso la superficie. Il ministro della Protezione Civile Nello Musumesi, del partito post-fascista Fratelli d’Italia, ha parlato della possibilità di alzare il livello di allerta da giallo ad arancione dopo una riunione della Commissione Grandi Rischi del 26 e 27 ottobre. Ciò ha sorpreso molti spettatori.

Ora è chiaro quale sia lo sfondo: Dem Corriere del Mezzogiorno Sono ora disponibili i verbali di sei pagine della riunione, ed è già qualcosa. Secondo la lettera, il magma non è “coinvolto” solo nei terremoti e nei sollevamenti. Inoltre, “quasi certamente è passato da un bacino profondo sette-otto chilometri ad un altro bacino profondo quattro chilometri”, ha affermato. Secondo gli scienziati, tutto ciò sarebbe avvenuto tra il 2015 e il 2022 – e non sono disponibili dati più recenti.

Si dice che il magma sia coinvolto nei terremoti e nel sollevamento del terreno

Gli scienziati lo deducono dalle deformazioni del terreno misurate dai satelliti. Pozzuoli e il terreno circostante si sono sollevati nel corso degli anni a causa della pressione dal basso. Ovviamente non si tratta solo di acqua calda, scrivono i vulcanologi nel rapporto: “La modellazione del campo di rottura dal 2015 richiede il contributo aggiuntivo di una sorgente magmatica a una profondità di 7-8 km”. Ciò significa che in una sorgente magmatica è presente ulteriore pressione idrotermale (generata dall’acqua calda) che provoca la risalita.

Il protocollo di sei pagine mostra il rischio di un'eruzione imminente.
Prima di sei pagine dei verbali della Commissione sui grandi rischi. © Foto: Facebook/ Anna Peluso

Gli scienziati si occupano anche dell’analisi dei gas che salgono dalle sorgenti termali nel cratere Solpatara, frequentato dai turisti. Perché indicano anche un maggiore coinvolgimento del magma. “Dal 2021, il sistema idrotermale si sta evolvendo verso condizioni più magmatiche. Inoltre, l’aumento dell’idrogeno solforato dal 2019 non può essere attribuito ad un’origine puramente idrotermale, ma richiede un ulteriore contributo di zolfo, che, secondo le analisi isotopiche effettuate finora, è coerente con un’origine magmatica”, dice. .

Dall’analisi dei dati gravimetrici, il magma è considerato la seconda fonte oltre all’acqua calda. “I valori di densità possono suggerire un’origine ibrida”, osservano gli scienziati.

Per quanto tempo un “tappo di sughero” sotterraneo può resistere alla pressione?

Un’altra preoccupazione riguarda la formazione geologica “argillosa e impermeabile” situata a una profondità compresa tra 100 e 200 metri, considerata “moderatamente resistente” e che funge da “confinamento per i fluidi in pressione”. In breve, agisce come un gigantesco tappo di sughero contro “il potenziale evento di un’esplosione catastrofica”. Si tratta di un’eruzione vulcanica in cui inizialmente la lava non emerge in superficie, ma la grande pressione dell’acqua calda provoca una grande eruzione. Le epidemie di solito si verificano senza preavviso. Domanda: per quanto tempo questo strato protettivo resisterà alla pressione?

Eruzione dell'Etna nel marzo 2013
Il supervulcano dei Campi Flegrei potrebbe eruttare entro pochi mesi. Qui potete vedere l’eruzione relativamente innocua dell’Etna in Sicilia. © erbaccia/agefotostock/IMAGO

Un’eruzione freatica può essere utilizzata per liberare un percorso dalla lava per consentire all’eruzione di continuare. Tuttavia, i sistemi di misurazione in loco non sono ovviamente adatti per prevedere in modo affidabile tali focolai. I dati satellitari potrebbero non essere sufficientemente accurati: “La risoluzione spaziale e temporale delle reti GNSS continue non è chiara nel rilevamento tempestivo delle prime fasi di tali dinamiche quando sono associate alla generazione di piccoli segnali”.

Un’eruzione del supervulcano è possibile “entro pochi mesi”.

Si evidenzia quindi “l’urgenza di estendere le analisi al 2023 per verificare un trasferimento magmatico dal sistema profondo (7-8 km) al sistema superficiale (4 km)”. I ricercatori eticamente impegnati non possono ” “. Escludere una rapida progressione verso la risalita del magma che potrebbe raggiungere la superficie”. Non è da escludere che “si possano innescare attività sismiche significative, eventi catastrofici e processi come la risalita del magma in superficie”.

Gli esperti avvertono da mesi che i Campi Plegrei, come il vicino Vesuvio, sono maturi per l’eruzione. Tutto ciò potrebbe avvenire molto rapidamente, come conclude la commissione, “ai ritmi attuali di erosione, il processo di erosione della crosta terrestre potrebbe accelerare ulteriormente fino al raggiungimento di condizioni critiche su scale temporali comprese tra pochi mesi e qualche anno”.