Il sistema vulcanico islandese è eruttato di nuovo: è normale?

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."
  1. Home page
  2. Lo sappiamo

Insiste

Eruzione vulcanica sulla penisola di Reykjanes. ©Super Stock/Imago

Un vulcano in Islanda erutta tre volte in pochi mesi. Cosa dicono gli esperti a riguardo.

Un sistema vulcanico è eruttato nell’Islanda sudoccidentale per la terza volta da dicembre. La lava dell'eruzione ha inghiottito un tubo e ha interrotto la fornitura di acqua calda a circa 30.000 persone nella penisola di Reykjanes. Anche le aree vicine sono state evacuate o chiuse, sebbene l’attività vulcanica si sia attenuata. Ripetuti segnali di attività negli ultimi mesi indicano che il magma è attivo nel sottosuolo. Ciò significa anche che non si può escludere un’ulteriore attività vulcanica.

“Non vi è alcuna indicazione che una grande eruzione sia imminente, ma sappiamo che il magma continua a fluire nella crosta terrestre, viene immagazzinato per qualche tempo e poi talvolta esplode in un'eruzione”, ha scritto David Pyle, vulcanologo dell'Università di Oxford. . In un messaggio di posta elettronica. “Abbiamo osservato questo andamento dalla fine di ottobre e sembra che continuerà in futuro”.

Leggi il Washington Post gratuitamente per quattro settimane

Il tuo biglietto di qualità washingtonpost.com: Ottieni ricerche esclusive e oltre 200 storie Quattro settimane libere.

Una terza eruzione vulcanica in Islanda in breve tempo

Le immagini scattate da un volo di sorveglianza della Guardia costiera islandese mostrano che questa epidemia si sta verificando nella stessa area delle epidemie precedenti, più recentemente a dicembre e gennaio. L'Ufficio meteorologico islandese ha rilevato un aumento dell'attività sismica nell'area da ottobre, che potrebbe essere stato un precursore dell'attività vulcanica. Sebbene le eruzioni vulcaniche siano comuni in tutta l’Islanda, l’attività recente si è verificata in un’area rimasta tranquilla per secoli.

Secondo il geologo Thomas Algeo, l'Islanda è composta da tre zone di attività vulcanica: nord, est e ovest. Le eruzioni tendono a verificarsi ripetutamente in un'area per secoli, per poi spostare l'attività in un'altra area. La recente attività sulla penisola di Reykjanes fa parte della zona vulcanica occidentale, che fino a poco tempo fa non era attiva dal XIII secolo. Le eruzioni in quest'area rappresentano una minaccia per i centri abitati vicini, a differenza delle eruzioni nelle zone vulcaniche orientali e settentrionali, avvenute in aree relativamente remote.

Secondo Algeo, non è raro che i sistemi di rift vulcanici attivi subiscano una rapida serie di eruzioni. “È possibile (ma ancora incerto) che l’attività del magma si estenda nella regione [westliche Vulkanzone] “Ci saranno molte eruzioni vulcaniche lì nei prossimi decenni o secoli”, ha scritto in una e-mail Algeo, professore dell’Università di Cincinnati.

Frammenti di roccia vulcanica sono stati fatti esplodere nella città di Grindavik

Giovedì mattina (8 febbraio), l’attività sismica è iniziata a nord-est di Selinjarville, secondo il Servizio Meteorologico Islandese. Trenta minuti dopo, nella zona iniziò un'eruzione vulcanica. Una fessura nella roccia, chiamata fessura vulcanica, si estendeva per circa due miglia e si estendeva da nord a sud. Secondo il Met Office, le fontane di lava erano alte da 160 a 260 piedi e pennacchi di fumo vulcanico si sollevavano a circa due miglia sopra la fessura dell'eruzione.

Gli escursionisti osservano il fiume di magma incandescente derivante dall'eruzione del vulcano Fagradalsfjall vicino a Gyldingadalir, Islanda, penisola di Grindavik meridionale dell'Islanda
Gli escursionisti osservano il fiume di magma incandescente derivante dall'eruzione del vulcano Fagradalsfjall vicino a Gyldingadalir, Islanda, penisola di Grindavik meridionale dell'Islanda. ©Ralph Lee Hopkins/Imago

Frammenti di roccia vulcanica sospesi nell'aria, chiamati tefra, furono fatti esplodere a due o tre miglia di distanza nella città di Grindavik. Il Tephra può essere tagliente come il vetro e avere un impatto sull’attività umana a centinaia di chilometri di distanza, riducendo la visibilità su strade e aeroplani e persino mandando in cortocircuito trasformatori elettrici e linee elettriche. Tuttavia, secondo il Met Office, finora la tefra sembra essere ancora relativamente vicina alla fessura dell’eruzione.

I media locali hanno riferito che il ripristino della fornitura di acqua calda, interrotta dall'eruzione, potrebbe richiedere circa un giorno. L'eruzione ha portato anche all'evacuazione e alla chiusura dell'area della Laguna Blu, una delle attrazioni turistiche più popolari del Paese, almeno fino a venerdì. Secondo la polizia anche Grindavik e le strade circostanti sono chiuse.

Eruzione del vulcano in Islanda: “I danni alle infrastrutture saranno presto riparati”

“I danni alle infrastrutture saranno presto riparati, ma ciò dimostra che anche piccole eruzioni possono causare gravi disagi”, ha affermato Pyle, vulcanologo di Oxford. Nel pomeriggio di giovedì (8 febbraio), l'eruzione sembrava aver perso vigore. Questa eruzione è molto simile agli eventi accaduti a dicembre e gennaio, che sono emersi da una lunga fessura e hanno perso rapidamente intensità dopo l'eruzione di una grande quantità di magma, ha detto Pyle.

“L'eruzione e l'eruzione di dicembre e gennaio si sono comportate in gran parte come si aspettavano gli scienziati dell'Ufficio meteorologico islandese”, ha detto Pyle. “Questa è una buona notizia per la nostra comprensione di ciò che sta accadendo e significa che possiamo prepararci meglio dal punto di vista scientifico per gli eventi futuri”.

Circa l'autore

Kasha Patel Scrive la rubrica settimanale Hidden Planet, coprendo argomenti scientifici che circondano la Terra, dal nostro nucleo interno alle tempeste spaziali dirette verso il nostro pianeta. Riferisce anche su questioni meteorologiche, climatiche e ambientali.

Attualmente stiamo testando le traduzioni automatiche. Questo articolo è stato tradotto automaticamente dall'inglese al tedesco.

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta in inglese l'8 febbraio 2024 su “washingtonpost.com” è stato pubblicato nell'ambito della collaborazione ed è ora disponibile anche in traduzione per i lettori dei portali IPPEN.MEDIA.

Related articles

Scontro tra tifosi dopo la partita dell’Italia-Firmense

La polizia è soddisfatta dell'affluenza di pubblico alla Pirmasenser Schlossplatz. Nell'ambito dell'evento Pirmasenser City, venerdì alle 21...

Puoi risparmiare con il più economico E10?

tzle autostava in piedi: 16 giugno 2024, 5:02da: Michaela Brehm, Simone MonsInsisteDividePuoi davvero risparmiare con il più economico...

Immagini della parata del compleanno di Re Carlo

Home pageUn'ampia strada fiancheggiata da alberistava in piedi: 16 giugno 2024 alle 13:37da: Susan CropperInsisteDivideLa principessa Kate ha...

Buchi neri in un doppio fascio: gli astronomi osservano getti luminosi di materia

Scienze Galassie La GU 287 mostra cosa succede quando due buchi neri...