Febbraio 27, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il robot può impersonare persone a distanza

Il robot può impersonare persone a distanza

Il robot telecomandato iCub3 può imitare molto bene una persona, anche su lunghe distanze. Negli esperimenti, un ricercatore è stato in grado di vedere e sentire con l'aiuto di una macchina a due gambe e le impressioni tattili sono state inviate anche ai bracci robotici. Allo stesso tempo, il robot umanoide ha captato i movimenti del ricercatore a 300 chilometri di distanza, ha imitato le sue espressioni facciali e ha riprodotto la sua voce.

Un gruppo di ricerca guidato da Stefano Dafarra dell'Istituto Italiano di Tecnologia di Genova (Italia) ha partecipato con iCub3 all'ANA Avatar XPrize, una competizione internazionale per avatar di robot. Tecnologia e compiti compiuti Gli scienziati lo hanno ora descritto nella rivista “Science Robotics”..

Un essere umano controlla il robot iCub3 tramite telecomando. Il robot può tenere il passo con un essere umano per distanze sorprendentemente lunghe.

© dpa/Stefano Dafarra

“Presentiamo un sistema avatar versatile che consente alle persone di essere simulate da robot umanoidi”, scrivono i ricercatori. La comunicazione funziona in entrambe le direzioni: l'operatore permette all'avatar di camminare e di compiere movimenti di mani e braccia. Usa la sua voce e le espressioni facciali per comunicare con le persone attraverso l'avatar, in particolare le sopracciglia, la bocca e gli occhi: l'iCub3 può battere le palpebre se esposto a una luce intensa.

Forniamo un sistema avatar versatile che consente alle persone di essere simulate da robot umanoidi.

Un gruppo di ricerca guidato da Stefano Taffarra dell'Istituto Italiano di Tecnologia di Genova (Italia)

Invece, l'operatore riceve input sensoriali dal robot. Indossa un visore per la realtà virtuale aumentata. Il dispositivo gli mostra le immagini della telecamera dell'avatar e gli consente di ascoltare le registrazioni da un microfono integrato, il tutto in tempo reale. L'auricolare registra le espressioni facciali dell'operatore e le invia all'avatar. Una tuta integrale e guanti speciali consentono all'operatore di sentire il tocco del robot. I sensori di forza-coppia aiutano a registrare il peso quando qualcosa viene messo nelle mani del robot.

Tali sensori sono integrati anche nelle scarpe indossate dall'operatore sulla piattaforma. Misurano la forza e la coppia che l'operatore scambia con il terreno e quindi indicano all'avatar il movimento della corsa. Tuttavia, poiché nei robot bipedi l'equilibrio è sempre un problema, iCub3 è dotato di un sistema di bilanciamento automatico, ad esempio quando il robot trasporta un carico.

Quando l’iCub3 ha attraversato la mostra d’arte della Biennale di Venezia nel novembre 2021, era attraccato a Genova, a 290 chilometri di distanza. L'operatore ha ricevuto le registrazioni della mostra e ha chiacchierato con un compagno. Alla fine, l'assistente abbraccia il robot e l'operatore e il suo avatar si abbracciano. Nel giugno 2022, iCub3 si è esibito davanti a un pubblico di 2.000 persone al festival We Make Future a Rimini, in Italia. Anche in questo caso è stato telecomandato da Genova, questa volta a 300 chilometri di distanza.

Nel concorso scientifico ANA Avatar XPrize dello stesso anno, l'iCub3 si è classificato secondo in semifinale. Tra le altre cose, ha completato compiti come posizionare i pezzi di un puzzle, stimare il peso di una tazza tastandone la superficie e brindare con una tazza. Nella finale di Los Angeles nel novembre 2022, l'iCub3 ha colpito un palo, è caduto ed è stato espulso in anticipo.