Agosto 11, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il ricercatore percorre il sentiero del misterioso bagliore

  1. Pagina iniziale
  2. Conoscenza

creatura:

a: Tanya Banner

Quando il sole tramontava, i marinai erano abituati a vedere il misterioso bagliore del mare. Il ricercatore cerca di rintracciare il fenomeno. (immagine iconica) © IMAGO / zittto

Il misterioso bagliore del mare dei racconti dei marinai è già lì. Un ricercatore percorre il sentiero del fenomeno spaventoso.

Fort Collins – Per secoli, i marinai hanno riferito di un misterioso bagliore del mare, con la superficie del mare che irradia un bagliore luminoso uniforme descritto come “un luminoso campo di neve surreale sotto un cielo scuro e senza luna”. I cosiddetti “mari lattiginosi” sono “vaste distese di oceano uniforme e costantemente luminoso che possono essere viste di notte”, spiega il ricercatore Steven Miller della Colorado State University di Fort Collins. “Si pensa che questo fenomeno sia causato da batteri luminescenti, ma i dettagli della composizione, della struttura, delle cause e degli effetti dei mari di latte in natura rimangono in gran parte poco chiari”.

I mari lattiginosi possono coprire migliaia di chilometri quadrati, ma sono difficili da identificare e difficili da studiare: compaiono solo due volte l’anno al massimo. Solo una volta una nave da ricerca si è trovata nel bagliore del mare – finora sono state fatte così poche ricerche su questo fenomeno. “In contrasto con i fugaci lampi di bioluminescenza del fitoplancton nelle acque turbolente, i mari di latte brillano uniformemente nelle acque calme. Si pensa che siano causati dal bagliore dei batteri che comunicano tra loro e innescano una risposta luminosa quando viene raggiunta una popolazione critica “, descrive Miller. Questo fenomeno.

Nota misteriosa nel mare: l’acqua diventa bianca, il mare si illumina

Il ricercatore segue da anni il fenomeno della “Via Lattea”. Utilizzando i dati satellitari, lui e il team di ricerca sono stati in grado di farlo Rilevare l’abbagliamento del mare nel mare. Tuttavia, finora i ricercatori hanno perso un pezzo importante del puzzle per il loro lavoro: le osservazioni fotografiche di “mari lattiginosi” dallo spazio, e allo stesso tempo dalla Terra. Ma ora, per la prima volta, Miller è riuscito a stabilire un collegamento tra i dati satellitari che indicano il bagliore del mare e i rapporti e le fotografie di persone che si trovavano nel posto giusto al momento giusto: nel mezzo dei “mari lattiginosi”.

READ  Suggerimenti per gli introversi: lo psicologo rivela come puoi semplificarti la vita

Nel 2019, il ricercatore ha utilizzato i satelliti per rilevare l’abbagliamento del mare su larga scala: si è diffuso su oltre 100.000 chilometri quadrati di superficie marina a sud di Giava. Per la prima volta c’è ora un report da “On Site”: i membri dell’equipaggio dello yacht privato Ganesha hanno potuto vedere con i propri occhi il misterioso fenomeno. Nel suo nuovo studio, il nella rivista Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze il petto Miller ha documentato l’esperienza dell’equipaggio e l’ha confrontata con le immagini satellitari.

Sea Lights: L’equipaggio dello yacht osserva il fenomeno spaventoso

Lo yacht di 16 metri Ganesha era sulla zattera con sette membri dell’equipaggio quando è rimasta bloccata in mare nell’Oceano Indiano orientale nell’agosto 2019. L’equipaggio della nave ha osservato lo spaventoso bagliore nell’oceano per otto ore. Lo studio cita dal registro dello yacht:

Al risveglio alle 22 il mare era bianco. Non c’è luna, il mare sembra pieno di plancton, ma l’onda di prua è nera! Sembra di navigare sulla neve!

Secondo l’equipaggio a bordo dello yacht, l’intero oceano era più luminoso del cielo notturno, con un bagliore costante visibile all’orizzonte. L’equipaggio dello yacht ha assaggiato il mare in un secchio – e anche quell’acqua brillava. Ma ovunque si muovesse l’acqua del mare – con la nave o spostando il secchio – il bagliore scomparve.

‘Marinai della Via Lattea’: i batteri brillano e scoloriscono l’oceano

I filmati della fotocamera GoPro e di diversi smartphone mostrano chiaramente il mare luminoso che si estende da un orizzonte all’altro. Un membro dell’equipaggio ha tentato di descrivere la spaventosa visione dell’oceano nel disco: “Il colore e l’intensità del bagliore erano simili alle stelle/adesivi che si illuminano al buio o al quadrante luminoso di un orologio… un bagliore”.

READ  5 alimenti che contengono colesterolo HDL (lipoproteine ​​ad alta densità).
Foto del bagliore del mare scattate dall'equipaggio di Ganesha.  A sinistra: scatto GoPro Al centro: scatto con smartphone Samsung A destra: foto modificata in base all'effettiva percezione del colore dell'equipaggio.
Foto del bagliore del mare scattate dall’equipaggio di Ganesha. A sinistra: scatto GoPro Al centro: scatto con smartphone Samsung A destra: foto modificata in base all’effettiva percezione del colore dell’equipaggio. © equipaggio di Ganesha

Il capitano dello yacht, Johan Lemmens, ha detto al ricercatore Miller che il bagliore proveniva da una certa profondità, circa dieci metri sotto la superficie dell’acqua. Ciò contrasta con l’ipotesi precedente che i batteri che producono bagliore formino una sottile pellicola sulla superficie che è perturbata dal movimento dell’acqua. Grazie alle informazioni dell’equipaggio, Miller ora crede che fosse una “fonte di un’emissione batterica volumetrica e/o sommersa”.

Lo studioso Miller è felice e ha un sogno completamente non scientifico

“Il più grande anello mancante nel nostro studio dell’anno scorso è stata la mancanza di dati sul suolo”, ha detto Miller in una dichiarazione rilasciata dalla sua università. Ma questo studio attuale li fornisce. È stato un sollievo ricevere questa comunicazione dall’equipaggio di Ganesha”. L’equipaggio della nave ha contattato Miller dopo aver appreso dell’avvistamento del satellite Milk Sea nel 2019. “Dato che noi della comunità scientifica siamo in grado di vedere questi fenomeni dallo spazio, speriamo “, ha detto Miller. Che altri testimoni oculari si facciano avanti e mettano insieme più pezzi del puzzle scientifico”.

Il ricercatore vuole dedicarsi a questo fenomeno e ha anche un sogno del tutto non scientifico, come ha svelato in un comunicato della sua università: “Sogno soprattutto di essere un giorno su una nave che naviga in un mare immenso di ​​latte in cui tutti ci immergiamo e ci crogioliamo nel suo splendore! Lo so che non è molto scientifico, ma cosa ci ispira?” (tab)

I mari sono ancora in gran parte inesplorati, quindi i ricercatori non sono solo sconcertati dalla Via Lattea: a febbraio, un Un misterioso animale scoperto al largo delle coste italiane.

READ  Questi alimenti puliscono le arterie