Agosto 11, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il passaggio della stella potrebbe significare la fine del sistema solare

  1. Pagina iniziale
  2. Germania

creatura:

a: Patrick Claptz

Il gigante gassoso Nettuno è l’ottavo e il più lontano pianeta del nostro sistema solare. Il suo diametro è quattro volte il diametro della Terra e circa 58 volte la dimensione della Terra. © imago

Un team di ricerca canadese ha condotto quasi 3.000 simulazioni del nostro sistema solare. In esso, volevano testare gli effetti del passaggio di stelle su di noi e sul nostro sistema solare. Se l’attrazione gravitazionale di una stella spaziale cambia l’orbita di Nettuno solo dello 0,1%, destabilizzerà il nostro sistema solare.

Toronto (Canada) – nell’universo, le forze gravitazionali determinano l’interazione di pianeti e altri corpi celesti. Quando una stella massiccia vola oltre il nostro sistema solare, la sua gravità può far uscire dalla sua orbita il pianeta più lontano Nettuno. Anche uno spostamento dello 0,1 percento in orbita può portare a questa disposizione nel nostro sistema solare Crolli. Quanto è probabile lo scenario? E quando il sistema solare scenderà nel caos?

Piccole perturbazioni in orbita potrebbero far oscillare il nostro sistema solare

Un gruppo di ricerca canadese composto da Garrett Brown e Hanno Ryan del Dipartimento di scienze fisiche e ambientali dell’Università di Toronto a Scarborough e del Dipartimento di fisica dell’Università di Toronto ha condotto 2.880 simulazioni. Dovrebbero tutti studiare gli effetti del sorvolo di una strana sfera sul nostro sistema solare. Ryan lavora anche presso il Dipartimento di Astronomia e Astrofisica dell’Università di Toronto.

Lo studio si è concentrato su cose troppo deboli per destabilizzare direttamente il sistema planetario. Tuttavia, questi oggetti devono essere abbastanza potenti da disturbare lo stato dinamico del nostro sistema solare. I due ricercatori sono stati in grado di dimostrare che anche piccoli disturbi causati dalle orbite stellari possono influenzare la stabilità dei sistemi planetari durante la loro vita, anche se non accade subito.

READ  Corona virus a Dresda: l'incidenza è vicina ai 1000

Quando uno strano corpo celeste fa tremare il nostro sistema solare? Per quanto tempo saremo al sicuro sulla Terra dai pericoli dello spazio?

La destabilizzazione dell’orbita di Nettuno si diffonderà gradualmente ad altri pianeti. Tuttavia, non noterai nulla di tutto ciò sulla Terra fino a 20 milioni di anni dopo: il motivo è la grande distanza tra i pianeti. Il Terra e Nettuno La distanza media tra loro è di circa 4.540 milioni di km (4,5 miliardi di km). La distanza media tra Giove e la Terra è di circa 780 milioni di km e la distanza tra la Terra e Marte è di circa 230 milioni di km.

La probabilità che si verifichi uno scenario del genere è molto bassa. Secondo gli scienziati, è probabile che una volta ogni 100 miliardi di anni un enorme oggetto spaziale rompa la sua orbita. Nettuno può disturbare. Il disturbo non avrà un impatto serio sul nostro sistema solare fintanto che sarà inferiore allo 0,1%.

Stelle volanti: critica allo studio sulla potenziale oscillazione del nostro sistema solare

I ricercatori hanno anche dimostrato che piccole perturbazioni successive non hanno un effetto significativo sul cambiamento delle orbite dei pianeti. Questi piccoli disturbi erano insignificanti e l’attenzione si concentrava su incontri interstellari più grandi. Tuttavia, non hanno preso in considerazione i sistemi stellari binari, anche se metà di tutte le stelle conosciute ne fanno parte Da un sistema stellare binario essere. Tuttavia, i ricercatori ipotizzano che la forza del disturbo sarebbe da due a 3,6 volte più forte in un sistema stellare binario che vola vicino ad esso.

Anche l’effetto di Brown e Ren ha effetto su Pianeta 9 trascurato. Gran parte della comunità di ricerca internazionale è convinta che un altro pianeta al di fuori delle orbite di Nettuno e Plutone non sia stato ancora trovato. Secondo i ricercatori, un sorvolo stellare causerebbe il più grande cambiamento relativo nel Pianeta 9. Tuttavia, credono che il Pianeta 9 avrebbe un debole effetto sul resto del Sistema Solare.

Per studiare l’effetto del volo stellare sul nostro sistema solare

Il Uno studio intitolato “Sulla stabilità a lungo termine del sistema solare in presenza di deboli perturbazioni dal volo stellare”. (Long-Term Stability of the Solar System under Weak Disturbance from Stellar Flight) è stato pubblicato il 30 giugno 2022 nel Journal of Monthly Notice della Royal Astronomical Society. Le simulazioni sono state limitate al nostro sistema solare, sebbene le stime analitiche siano generali e siano destinate ad applicarsi a qualsiasi sistema planetario. Il lavoro futuro, secondo Brown e Wren, dovrebbe considerare gli effetti del debole volo delle stelle sistemi di esopianeti Indagine.