Dicembre 8, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il nuovo 2G è vaccinato e pericoloso? : 02.11.2021, ore 9

Perché i dati accurati sono ancora i più appropriati per valutare la gravità di un’epidemia di “epidemia su scala nazionale”. Abbiamo chiesto informazioni sugli ospedali di Nordhausen e Sondershausen. Fino a quando le risposte non arriveranno da lì, vogliamo indagare sul rapporto del Ministero della Salute della Turingia?



I letti Corona nelle unità di terapia intensiva rimangono vuoti (avatar) (Foto: Silas Camargo Silão su Pixabay)

È quanto appare sul suo sito web da giovedì, dal 18 al 24 ottobre, quando 158 pazienti sono stati ricoverati negli ospedali della Turingia con diagnosi di corona. Di questi 54 sono stati segnalati come pazienti completamente vaccinati e 69 non lo sono stati. Queste due cifre non rappresentano il numero totale di pazienti segnalati, per i quali viene data la seguente interpretazione: Nel calcolo dei casi di persone vaccinate e non vaccinate, vengono inclusi solo i casi con tutti i dettagli dello stato vaccinale. Quindi la somma dei casi in queste due categorie può essere inferiore al numero totale dei casi correlati.

14 pazienti sono stati trattati in unità di terapia intensiva durante questo periodo. Nove di loro erano vaccinati, ma cinque erano completamente vaccinati. Il dipartimento aggiunge tra parentesi a questo importo che tre persone hanno malattie preesistenti, che possono essere un fattore di rischio per il decorso grave.

È anche interessante notare che i pazienti vaccinati includono solo le persone sintomatiche che avevano una protezione completa dalla vaccinazione al momento della malattia. Ciò significa una serie completa di vaccinazioni dopo che sono trascorsi almeno 14 giorni, spiega il ministero della Salute.
In altre parole, le persone che sono state vaccinate che hanno contratto il virus e che non mostrano sintomi visibili sono considerate non infette. I soggetti non vaccinati e asintomatici che in precedenza si consideravano sani e sono stati sorpresi di essere stati contagiati durante il test vengono immediatamente considerati infetti e documentati, ovvero un ‘caso’ da contare.
Ma diventa più chiaro nella pagina tmasgff.de, perché questo è spiegato di seguito: ?? Inoltre, è probabile che le persone vaccinate vengano testate meno frequentemente rispetto alle persone non vaccinate, il che potrebbe ulteriormente sottostimare il numero di casi tra le persone vaccinate.

READ  Cosa favorisce il rilassamento e cosa rivelano i capelli sullo stress

Il numero totale di Turingi protetti da un doppio vaccino era esattamente di 1 milione 286 mila 828 persone a mezzanotte. Questa è una percentuale per l’intero stato del 60,7 per cento della popolazione. Questo mette la Turingia in fondo alla classifica dello stato tedesco e minata solo dai sassoni pigri. Tuttavia, non è stato stabilito se i tassi di infezione siano più elevati in Turingia che altrove a causa del basso tasso di vaccinazione.

E anche se così fosse, vorrei ricordarvi il numero dei pazienti in terapia intensiva: sono 14 (quattordici). Non a Nordhausen o Sondershausen, ma in tutto il Free State. Come già sappiamo, il tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva è pari a zero sia nei grandi ospedali che nelle città interessate. Non c’è nessun paziente lì per COVID-19 in terapia intensiva o deve essere ventilato. Questa è una buona notizia tanto quanto il fatto che a Kyffhäuserkreis, ad esempio, nonostante quasi 600 persone infette e almeno 800 contatti di residenti nell’area infetta, solo 19 sono ricoverati in ospedale con corsi lievi e moderati.
È ancora peggio quando le norme igieniche installate nei luoghi pubblici, in particolare le normative 2G e 3G, smettono di funzionare. Poiché le persone vaccinate non devono più essere testate, ma è possibile dimostrare che sono state infettate, l’intero sistema di protezione inizia a vacillare. E così si arriva a storie raccapriccianti come quella successa al Bayern Monaco, dove l’allenatore due volte vaccinato con il corona ha consigliato a un giocatore sano di farsi vaccinare. Anche in ARD, di recente in prima serata domenica sera, è stato fatto il seguente claim: “Chi è vaccinato si protegge per primo. Anche chi è stato vaccinato può contagiare gli altri”. (Sarah Wagenknecht).

READ  La maggior parte dei tedeschi vuole il 2G: esigenti restrizioni per le persone non vaccinate

Il regolamento 2G significa che l’accesso agli eventi è concesso solo alle persone che sono state vaccinate o sradicate. Al contrario, è possibile fare a meno delle regole di protezione dalle infezioni come indossare una maschera o le regole sulla distanza. Con il modello 3G-plus, i pazienti vaccinati e configurati hanno accesso a eventi, edifici o stadi, così come le persone che hanno un test PCR negativo. Il normale test rapido dell’antigene non basta e il test PCR costa circa 80 euro. Una persona non vaccinata riflette attentamente se vuole visitare un museo o un concerto rock.

Concerto rock professionale: lo scorso fine settimana, un visitatore vaccinato due volte si è messo alla prova all’ingresso di un club a Sondershausen. Se ne è presto pentito, perché con la sua decisione positiva ha dovuto iniziare subito la quarantena e senza godersi l’arte. Avrebbe contagiato un gran numero di ospiti quella sera senza volerlo e nemmeno accorgersene. Tuttavia, non è una “condizione” perché è asintomatica e quindi non è considerata immune.

Forse tutti dovrebbero essere trattati e testati di nuovo dopo tutto? Se un vaccino mRNA perde una parte significativa della sua efficacia dopo soli sei mesi o fallisce con una nuova variante del virus, è probabile che i vaccini attualmente apparentemente garantiti siano più pericolosi per la comunità rispetto alle persone non vaccinate escluse.
Olaf Schulz