Novembre 26, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il ministro Usa chiede cessate il fuoco: Austin e Shoigu parlano per la prima volta dall’inizio della guerra

Il ministro Usa chiede il cessate il fuoco
Austin e Shoigu parlano per la prima volta dall’inizio della guerra

Il segretario alla Difesa statunitense Austin e il suo omologo russo Shoigu hanno parlato faccia a faccia per la prima volta dall’attacco della Russia all’Ucraina. Austin sottolinea l’importanza di rimanere in contatto. Allo stesso tempo chiedi.

Il segretario alla Difesa statunitense Lloyd Austin ha parlato con il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu per la prima volta dall’attacco russo all’Ucraina, chiedendo un “cessate il fuoco immediato”. Austin e Shoigu hanno parlato l’ultima volta il 18 febbraio, poco meno di una settimana prima dell’inizio dell’invasione russa del paese vicino. Il Pentagono ha detto che Austin ha sottolineato l’importanza di mantenere le comunicazioni.

Il ministero dello Shoigu a Mosca ha annunciato che Austin aveva preso l’iniziativa. Vengono discusse le attuali questioni di sicurezza internazionale. La telefonata riguardava anche la situazione in Ucraina. Il ministero della Difesa russo non ha fornito dettagli. L’apparato di potere russo si è recentemente lamentato del fatto che non ci sono più contatti tra Mosca e Washington. La Russia ha accusato gli Stati Uniti di alimentare ulteriormente il conflitto in Ucraina con le consegne di armi.

La dirigenza russa ha più volte parlato di una situazione molto pericolosa. La Russia paragona il coinvolgimento militare statunitense in Ucraina alla guerra per procura. Il presidente del Cremlino Vladimir Putin ha accusato gli Stati Uniti di voler combattere fino all’ultimo soldato ucraino.

Gli Stati Uniti sostengono l’Ucraina con ingenti spedizioni di armi. Allo stesso tempo, il governo di Washington non vuole in alcun modo intervenire direttamente nel conflitto e unirsi alla guerra.

READ  I resti di 8000 vittime naziste furono scoperti vicino ai campi di concentramento