Aprile 17, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il governo francese minaccia i trafficanti di armi

Il governo francese minaccia i trafficanti di armi
  1. Home page
  2. Politica

Insiste

Le forze ucraine dipendono da
Le forze ucraine dipendono dallo “zar” francese. © Agenzia France-Presse

In situazioni di emergenza, il governo francese può chiedere alle aziende. Sembra che l'Eliseo stia cercando di far uscire l'industria degli armamenti dalla sua culla.

PARIGI – Il ministro della Difesa Sébastien Lecornu sta per perdere la pazienza. In una recente conferenza stampa alla presenza dell'intero Stato Maggiore francese, ha affermato che le fabbriche di armi del Paese devono lavorare più velocemente. Ciò è particolarmente vero per l'artiglieria e le munizioni. LeCorno ha anche spiegato di avere i mezzi per raggiungere il suo obiettivo. La legge sull’esercito dell’autunno 2023, che prevede la pianificazione militare a lungo termine fino al 2030, crea esplicitamente la possibilità di “ordini”, cioè l’acquisizione di aziende private da parte dello Stato. Secondo la legge, una situazione è “una situazione minacciosa attuale o prevista”. LeCorno lo dà per scontato a causa dell’aggressione russa contro l’Ucraina, e quindi contro l’Europa in senso lato.

Il ministro della Difesa, passato dai conservatori al rinascimentale Macron, ha dichiarato: “Per la prima volta, non escludo di ricorrere alle confische o di dare priorità alle priorità militari rispetto a quelle civili se il ritmo e la produzione non vengono rispettati”. LeCorneau ha aggiunto seccamente di aver citato il Codice dell’Esercito “perché esiste”. Come se volesse dare più peso alla sua minaccia. Non ci può quindi essere “sorpresa” se il provvedimento di confisca viene effettivamente emesso.

La Francia è sulla strada di una “economia di guerra”?

Secondo la legge, il governo può confiscare scorte e mezzi di produzione, nonché obbligare il personale operativo interessato. Ciò vale non solo per le vere e proprie società di difesa come MBDA, Thales, Dassault e Nexter, ma anche per i loro fornitori semicivili.

L'annuncio di Lecornu ha suscitato scalpore a Parigi una settimana fa. Da parte sua, il capo della commissione Affari esteri e politica di difesa del Senato, Cédric Perrin, ha dovuto chiarire che con questo annuncio la Francia “non si è orientata verso un’economia di guerra”. Finché non verrà emesso un ordine di sequestro, non se ne potrà parlare. Nelle ultime settimane, il presidente Emmanuel Macron ha utilizzato più volte il termine “economia di guerra”, che è stato a lungo applicato nell’impero di Putin dopo l’attacco russo all’Ucraina nel 2022, ma senza entrare nei dettagli.

Per ora, la minaccia di LeCorno sembra essere un tentativo di districare l'industria della difesa dalla sua attuale situazione. Attualmente c’è carenza di missili di difesa aerea Aster, sia per l’invio in Ucraina che per le nostre necessità. Queste armi difensive sono prodotte in Francia e in Italia dalla società di difesa MBDA. L'attuale periodo di produzione è superiore a tre anni.

Le fregate francesi hanno necessità nel Mar Rosso

Poco più di un anno fa, l’esercito francese ha ordinato 200 missili Aster per un valore di 900 milioni di euro. La consegna è prevista per il 2026. Lecorno ora lo chiede entro la fine del 2024. E non solo per l’Ucraina; Nel Mar Rosso, anche le fregate francesi sembrano prive di tali difese contro i droni ribelli Houthi.

Anche gli obici francesi “Caesar” sono molto richiesti in Ucraina. Lecorno ha confermato che esistono finanziamenti da Ucraina, Francia e Danimarca. In altre parole: la produzione non tiene il passo.

Tuttavia, molti partiti, tra cui i populisti di destra di Marine Le Pen e quelli filorussi, criticano il fatto che la Francia non abbia i mezzi per tali sforzi armamenti. Questa settimana il governo di Parigi è stato costretto ad annunciare un deficit di bilancio inaspettatamente elevato pari al 5,5%. (Stefan Brandl)