Aprile 16, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il disperso Emile (2) è morto

Il disperso Emile (2) è morto
  1. Home page
  2. panorama

Insiste

Il piccolo Emile di Francia è morto e il bambino di due anni è stato cercato per nove mesi. Ora l'attenzione è rivolta al nonno del ragazzo.

Haute-Vernet – Di Emil nessuna traccia da nove mesi. Adesso c’è una triste certezza. Il bambino di due anni è morto e questa notizia ha scioccato le persone fuori dalla Francia. Nel frattempo, il passato del nonno solleva interrogativi.

Una triste certezza nel caso di Emil: un vagante ritrova le ossa del bambino di due anni

Le forze di polizia e i volontari hanno perquisito ripetutamente la zona per diversi mesi. Fino a quando sabato un pedone ha trovato improvvisamente delle ossa, compreso il teschio di un bambino. Lo ha detto alla radio la portavoce della gendarmeria Marie-Laure Bezan CNewsEra difficile accedere all’area e c’erano poche possibilità che l’osso venisse trascurato. È anche possibile che le ossa siano arrivate sul posto più tardi, ad opera di una persona, di un animale o del tempo.

Lunedì la polizia ha finalmente annunciato che il test genetico era risultato positivo. Queste sono ufficialmente le ossa di Emil, 2 anni. Come il canale televisivo francese BFMTV Secondo gli inquirenti le cause della morte del ragazzo non sono ancora chiare. Ulteriori ricerche dovrebbero far luce su questo. Sul posto sono state inviate anche squadre cinofile, esperti forensi e antropologi. Alle persone non autorizzate non è consentito entrare nella parte del villaggio in cui vivono gli antenati. Secondo i media francesi, il teschio del bambino è stato trovato vicino alla casa.

Un mistero circonda il caso Emile: la morte di un bambino di due anni scomparso in Francia, e molte domande restano senza risposta. © Imago/Gendarmerienational_X/montage

Gli investigatori sono in piedi Deve ancora affrontare il mistero di ciò che è accaduto esattamente l’8 luglio 2023. La sua ultima ubicazione conosciuta era la casa ancestrale nel villaggio di Le Vernet, nel sud della Francia, dove trascorreva le vacanze, secondo la famiglia. La coppia ha finalmente perso le sue tracce l'8 luglio. C'erano molti altri parenti che venivano a trovarci. Due testimoni oculari hanno riferito di aver visto il ragazzo correre in una strada cittadina.

All'improvviso il nonno di Emil solleva delle domande: si dice che abbia commesso violenze contro minori

Dopo gli ultimi mesi Diverse abitazioni, inclusa quella dei nonni del ragazzo, sono state perquisite senza alcun risultatoOra il nonno viene nuovamente preso di mira. Si dice che abbia lavorato come sorvegliante in una setta religiosa francese chiamata Riomont negli anni '90, ha riferito la stazione televisiva francese. TF1. Gli ex residenti accusano il collegio di violenza sessuale e violenza fisica contro minori dell'epoca.

Nel 2018 il nonno del ragazzo è stato indagato dopo che testimoni lo hanno accusato personalmente anche di violenza fisica e stupro. Come TF1 Secondo altri rapporti, avrebbe ammesso di averlo schiaffeggiato e preso a pugni. Tuttavia, ha negato lo stupro. Alla fine le accuse furono ritirate. La polizia non ha ancora commentato i dettagli.

“Queste persone sono devastanti”, commenta l’avvocato del nonno

IL TF1La giornalista Xchel Delaporte afferma di aver studiato per anni il caso di 20 anni fa. Il nome del nonno veniva spesso menzionato. Testimoni hanno affermato che era molto violento nei confronti dei ragazzi, che all'epoca erano minorenni. L'avvocato del nonno sostiene che il caso di allora non dovrebbe essere collegato senza motivo al caso attuale. “Credo che si stia violando la presunzione di innocenza, con gravi conseguenze per la famiglia. Queste persone sono devastanti”, ha detto ad alta voce. TF1.

Anche se ora c'è una triste certezza sul caso di Emil, la polizia continua a cercare invano altri casi di persone scomparse, ad es. Rebecca Ruesch da Berlino. Uno dei casi più famosi è Madeleine McCann. La ragazza è scomparsa da una stanza d'albergo in Portogallo 17 anni fa. Funzionari Gli investigatori sperano ora di trovare nuove prove nell'auto del sospettato che conducano a Maddie.