Aprile 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Cremlino manipola con successo: ISW: la Russia perderà se l’Occidente utilizzerà le risorse

Il Cremlino manipola con successo: ISW: la Russia perderà se l’Occidente utilizzerà le risorse

Il Cremlino manipola con successo
ISW: La Russia perderà se l’Occidente utilizzerà le risorse

Ascolta il materiale

Questa versione audio è stata creata artificialmente. Maggiori informazioni | Invia la tua opinione

Gli esperti militari dell’Istituto per lo studio della guerra nell’analisi contano chiaramente gli alleati occidentali. Si dice che la Russia non potrebbe mai vincere la guerra se l’Occidente “si sollevasse”. Ma troppo spesso le persone si innamorano dell’unica strategia vincente del Cremlino.

Gli esperti militari Natalia Bugayova, Frederick Kagan e Katerina Stepanenko dell'Istituto statunitense per lo studio della guerra (ISW) ritengono che la Russia non sarà in grado di vincere in Ucraina, a condizione che l'Occidente sfrutti le sue opportunità. In una recente analisi, i ricercatori hanno affermato: “La Russia non può sconfiggere l’Ucraina o l’Occidente – e probabilmente perderebbe – se l’Occidente unisse le sue risorse”.

Il PIL dei paesi della NATO, dei paesi non membri della NATO, dell'Unione Europea e degli alleati asiatici raggiungerà più di 63 trilioni di dollari USA, mentre il PIL della Russia raggiungerà solo 1,9 trilioni di dollari. L'ex presidente russo Medvedev ha fatto una dichiarazione simile e, data questa forza, ha minacciato un attacco nucleare nella guerra con l'Occidente. Lo faranno anche gli alleati della Russia, Iran, Corea del Nord e Cina analisi Dall'ISW contribuisce “solo poco in termini di sostegno finanziario”. “La Cina sostiene la Russia, ma non si mobilita per la Russia”.

“La manipolazione è l’unica strategia per vincere.”

I ricercatori dell'Istituto per lo studio della guerra criticano quelle che credono siano spesso campagne di informazione di successo da Mosca. “La strategia russa più importante è farci vedere il mondo nel modo in cui il Cremlino vuole vederlo”, ha affermato il think tank americano. Ciò include l’affermazione che la guerra non può essere vinta a causa del dominio russo. Mira a emarginare gli Stati Uniti in modo che la Russia possa combattere l’Ucraina in isolamento.

Tale “infiltrazione” potrebbe verificarsi se Donald Trump vincesse le elezioni presidenziali americane e ponesse fine al sostegno degli Stati Uniti. I repubblicani alla Camera stanno attualmente bloccando quasi 60 miliardi di dollari in aiuti. Questo sostegno è considerato essenziale per la continua capacità di difesa dell'Ucraina.

Secondo l’ISW, le manipolazioni di Mosca a volte colpiscono con successo “l’intero spettro di coloro che prendono o riportano decisioni”, vale a dire politici e media. Secondo l'Istituto per lo studio della guerra, anche le bugie di Vladimir Putin secondo cui l'ingresso dell'Ucraina nella NATO rappresenta un pericolo per la Russia, o che l'Ucraina non è un vero Stato, o che la Russia ha il diritto di fare ciò che vuole in determinate sfere di influenza , hanno avuto successo.

“La manipolazione delle percezioni è una delle capacità fondamentali del Cremlino, che si sta scatenando con tutta la sua forza sull'opinione pubblica occidentale, perché questa è l'unica strategia del Cremlino che può vincere in Ucraina. Questa non è una sfida che la maggior parte delle società può affrontare”. Sarà più facile per gli Stati Uniti superare queste manipolazioni che per la Russia colmare l’enorme divario tra i suoi obiettivi di guerra e le sue effettive capacità.

ISW: “improbabile” l’uso di armi nucleari

Mosca vuole principalmente ritardare gli aiuti militari statunitensi, hanno scritto gli studiosi. Per questo motivo, rafforza la narrativa sui pericoli della proliferazione nucleare, ad esempio attraverso il ricatto nucleare e “altre minacce ambigue”. Le campagne di informazione nell’autunno del 2022 miravano a ritardare la fornitura di carri armati e altre importanti capacità da parte dell’Occidente all’Ucraina, con le conseguenti conseguenze, secondo gli esperti militari.

“L’incapacità degli Stati Uniti di sostenere in modo proattivo l’iniziativa dell’Ucraina dopo due contrattacchi consecutivi e riusciti nell’autunno del 2022 ha contribuito alla perdita dell’opportunità da parte dell’Ucraina di lanciare un terzo contrattacco in inverno”. Ciò ha consentito alla Russia di rafforzare le proprie difese.

Secondo il World War II Institute, la riluttanza dell’Occidente a fornire all’Ucraina armi a lungo raggio – come i missili Taurus tedeschi – è dovuta “al timore alimentato dal Cremlino che l’Ucraina possa utilizzare questi sistemi per attaccare obiettivi in ​​Russia e quindi” provocare una guerra civile.” “Escalation non specificata”. In Germania, il cancelliere Schulz ha ripetutamente messo in guardia dal partecipare alla guerra se la Taurus fosse stata consegnata.

Gli scienziati ritengono che sia “improbabile” che Putin utilizzi effettivamente le armi nucleari “soltanto per rispondere con missili occidentali agli attacchi ucraini in Russia”. Non lo ha fatto nemmeno durante gli attacchi di droni ucraini sul territorio russo. Tuttavia, la minaccia di un’escalation nucleare rimarrà al centro della manipolazione delle percezioni da parte della Russia, scrivono Natalia Bugayova, Frederick Kagan e Katerina Stepanenko.

“L'Occidente si comporta come un topo”

Secondo gli esperti militari, il fallimento dell’Ucraina sarebbe disastroso per l’Occidente. “Una Russia vittoriosa rappresenta un percorso più veloce verso la guerra tra Russia e NATO rispetto a una vittoria dell'Ucraina. In definitiva, una vittoria della Russia in Ucraina costituirebbe un argomento convincente a favore dell'efficacia del ricatto nucleare.

L’Istituto per lo Studio della Guerra ritiene che l’Occidente abbia un vantaggio in guerra, ma l’Occidente deve decidere di sfruttare questo vantaggio. Lui è “un gigante che a volte si comporta come un topo nei confronti della Russia. Tutto quello che deve fare è alzarsi in piedi”. Anche se il Cremlino non ha mobilitato tutte le sue risorse, ne ha mobilitata una parte significativa – e più dell’Occidente per l’Ucraina.

Secondo l’Istituto per lo studio della guerra, l’occupazione del 18% del territorio ucraino è costata alla Russia “un prezzo elevato”. Putin continuerà a mobilitarsi, ma le capacità della Russia non sono né illimitate né prive di costi.

Infine, gli esperti militari chiedono all’Occidente di fornire sufficienti aiuti militari immediati all’Ucraina, di aiutare Kiev a espandere l’industria della difesa ucraina e di rendere possibili attacchi contro obiettivi militari in Russia.