Gennaio 23, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il conflitto nell’est dell’Ucraina: Putin parla dell’inizio del “genocidio”

Il conflitto nell’Ucraina orientale
Putin parla dell’inizio del “genocidio”

I separatisti filorussi combattono l’esercito ucraino nell’Ucraina orientale dal 2014. Più di 13.000 persone sono già state vittime del conflitto. Il presidente russo Putin paragona la situazione sul campo a un imminente genocidio.

Tra le tensioni che circondano l’Ucraina, il presidente russo Vladimir Putin ha paragonato il conflitto tra combattenti filo-russi e l’esercito ucraino nell’est del paese a un imminente genocidio. Ha detto durante una riunione del Consiglio per i diritti umani al Cremlino che la popolazione di lingua russa nella regione contesa soffre di “ostilità verso la Russia”. Putin ha affermato che l’ostilità alla Russia è stato un “primo passo verso il genocidio”. “Tu ed io sappiamo cosa sta succedendo nel Donbass”, ha aggiunto il capo dello stato. “Sembra decisamente un genocidio”. Putin ha già fatto paragoni simili per quanto riguarda il conflitto nell’Ucraina orientale, anche nel 2015 e nel 2019.

Nell’Ucraina orientale, le milizie filo-russe e l’esercito ucraino si combattono dal 2014 dopo che Mosca ha annesso la penisola ucraina di Crimea. Nel conflitto, la Russia sostiene i separatisti che hanno dichiarato le cosiddette repubbliche popolari di Luhansk e Donetsk. Più di 13.000 persone sono state uccise nei combattimenti.

Le tensioni tra Russia e Occidente si sono intensificate di recente nel conflitto in Ucraina. Dato il massiccio dispiegamento delle forze russe al confine con l’Ucraina, si teme che Mosca possa attaccare il Paese vicino. Mosca respinge e accusa l’Ucraina di provocazioni.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha avuto una telefonata con il presidente ucraino Volodymyr Selinsky in merito al conflitto durante il giorno. Zelensky ha ringraziato Biden per il suo “forte sostegno” per l’Ucraina dopo l’intervista. Martedì Biden e Putin hanno scambiato opinioni sul conflitto nell’Ucraina orientale durante una videoconferenza. In caso di invasione, Biden ha minacciato Putin di sanzioni statunitensi senza precedenti. Tuttavia, il presidente degli Stati Uniti ha finora escluso uno scontro militare diretto con la Russia.

Gli aerei da guerra russi intercettano gli aerei militari

Germania e Francia vogliono continuare gli sforzi di mediazione nella crisi ucraina. “Questo lavoro deve continuare”, ha detto il presidente francese Emmanuel Macron in una conferenza stampa. Si riferiva alla cosiddetta formula della Normandia, che riunisce Francia, Germania, Russia e Ucraina alla ricerca di una soluzione alla crisi. Tuttavia, la Russia ha recentemente evitato il coordinamento. Parigi e Berlino stanno cercando di fare progressi in questo round da diversi anni. Macron ha anche sottolineato che il formato Normandia ha impedito il deterioramento della situazione e ha prodotto risultati.

Secondo le informazioni russe, gli aerei da guerra degli eserciti francese e americano sono stati intercettati sul Mar Nero. Il ministero della Difesa ha detto che i cinque aerei sono tornati dopo essere stati intercettati dai piloti russi.

READ  CHIUSURA IMMEDIATA: queste regole della corona sono dotate di freni di emergenza federali e incidenti