Dicembre 5, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Controversia con dirigenti diffidenti: in Italia si dice che Amazon paghi multe per miliardi

A partire da: 9 dicembre 2021 alle 13:28

L’Osservatorio italiano della concorrenza ha multato il gruppo statunitense Amazon di miliardi di dollari per aver abusato della sua posizione di mercato. In futuro supervisionerà anche un fiduciario.

Secondo quanto riferito, Amazon, una società di logistica con sede negli Stati Uniti, è stata multata di 1, 1,13 miliardi di dollari per aver abusato del suo potere di mercato per volere dell’autorità italiana di controllo della concorrenza. Il gruppo ha abusato della sua posizione di intermediario per i servizi logistici sul proprio sito e ha danneggiato altri fornitori di servizi e fornitori, ha affermato l’organizzazione di monitoraggio Cordell. Questi sono in violazione del diritto dell’UE.

In particolare, l’autorità accusa Amazon di aver chiamato il proprio servizio – Fulfillment by Amazon (FPA), “Fulfillment by Amazon” in Germania – danneggiando così i suoi concorrenti. La compagnia di spedizioni assume la logistica per altri rivenditori. Di conseguenza, ha affermato, i fornitori di prodotti avrebbero una migliore visibilità o potrebbero offrire i loro prodotti con il marchio “Amazon Prime”. Questa è la chiave per il successo delle vendite su Amazon.it. Secondo l’autorità concorrente, Amazon impone anche controlli di qualità più severi ai commercianti che non utilizzano il servizio FBA rispetto ad altri. Questo può portare alla disattivazione degli account.

Appelli di gruppo

I monitor della concorrenza hanno chiesto ad Amazon di cambiare le sue pratiche commerciali. A tal fine, viene assegnato un fiduciario per il controllo della società. La società statunitense ha annunciato che presenterà ricorso contro la decisione.

Amazon ha definito l’FBA un “servizio completamente preferito” e ha affermato che la maggior parte dei fornitori di terze parti su Amazon non lo utilizza. “Quando i venditori scelgono l’FBA, lo fanno perché è efficiente, conveniente e con un prezzo competitivo”, ha affermato la società. Le multe e le azioni inflitte sono “ingiuste e sproporzionate”.

READ  L'Italia vuole diventare un polo delle energie rinnovabili - EURACTIV.de

I paesi dell’UE vogliono regole più severe

Solo a novembre le autorità italiane senza speranza hanno imposto un totale di 200 milioni di euro ad Amazon e Apple per la vendita di prodotti Apple e Beats. Si dice che Amazon paghi 68,7 milioni di euro. Secondo l’Italian Competition Monitoring Group, entrambe le società statunitensi potranno vendere i prodotti Apple e Beats in Italia entro l’autunno del 2018 ad Amazon e solo a pochi rivenditori selezionati. Il produttore di tecnologia audio Beats, così chiamato per le sue cuffie, fa parte di Apple dal 2014.

I paesi dell’UE vogliono inasprire le regole del gioco per le aziende tecnologiche statunitensi. Oltre ad Amazon, anche Google, Facebook, Apple e Microsoft sono stati presi di mira dalle autorità europee.