Ottobre 21, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il capo del FMI è un’immagine di unità corrotta dalla corruzione

L'amministratore delegato del FMI Kristalina Georgieva è sospettata di negligenza.  Foto scattata a Washington il 15 ottobre 2019 (AFP / Olivier Douliery)

L’amministratore delegato del FMI Kristalina Georgieva è sospettata di negligenza. Foto scattata a Washington il 15 ottobre 2019 (AFP / Olivier Douliery)

La bulgara Kristalina Georgieva è un’economista rispettata per la sua solida esperienza nell’economia internazionale, nonostante le accuse di negligenza come amministratore delegato del FMI lunedì sera.

La sig.ra Georgie, 68 anni, ha assunto la guida del Fondo monetario internazionale il 1° ottobre 2019, in seguito alla partenza di Christine Lagarde, una donna francese nominata alla Banca centrale europea.

Due anni dopo, dopo un’indagine interna sulle accuse di manipolazione dei dati a favore della Cina, classificata 2a nella Banca mondiale, il consiglio di amministrazione ha ribadito la sua “piena fiducia”. Fatti “infondati” su di lei.

Secondo una sezione ottenuta dalla costituzione di due società di Bretton Woods, è l’unico candidato alla presidenza del Fondo monetario internazionale, che è tradizionalmente nelle mani di una Banca mondiale europea a guida americana. .

L’FMI ​​ha dovuto modificare le sue leggi per approvare la nomina della signora Georgie perché aveva superato il limite di età, che è stato successivamente fissato a 65 anni.

Ha trascorso gran parte della sua vita alla Banca Mondiale fino al suo direttore esecutivo nel 2017.

Originaria di Sofia, insegna economia da 26 anni ed è specializzata in questioni ambientali contribuendo allo sviluppo sostenibile e in particolare alle questioni agricole.

Al FMI ha mostrato le sue principali priorità: la lotta alla disuguaglianza, l’integrazione delle donne nell’economia e in particolare la lotta al cambiamento climatico.

Donne e clima –

Ha preso il controllo della società in un’economia mondiale indebolita dalle tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina.

Ma pochi mesi dopo, era lontana dall’immaginare che il pianeta afflitto dalla malattia del governo 19 sarebbe sprofondato in una recessione storica.

Non immaginava di essere descritto come una delle persone “più oneste” dai suoi sostenitori e di dover affrontare gravi accuse.

La signora ha detto che è stato “un capitolo difficile a livello personale”. La Georgia ha risposto lunedì sera, sottolineando che “la fiducia e l’unità sono le pietre miliari delle multinazionali”.

Kristalina Georgieva “è stata una leader coraggiosa che ha superato la crisi economica dell’epidemia e ha stabilito il fondo come un pioniere globale (nella lotta contro il cambiamento del tempo)”, ha commentato a fine settembre l’economista americana e Nobel. Joseph Stiglitz di Economia, come sostenitore.

Altri economisti hanno elogiato il fatto che sia stato in grado di convincere gli Stati membri della necessità di aumentare le riserve del FMI per aiutare i paesi più vulnerabili durante la crisi causata dall’epidemia.

Oltre al suo lavoro nelle aziende di Washington, Kristalina Georgieva è stata commissaria europea per l’assistenza umanitaria tra il 2010 e il 2014 quando ha dovuto sostituire il candidato iniziale della Bulgaria in breve tempo.

Successivamente, tra il 2015 e il 2016, è stato vicepresidente della Commissione Junker con delega al bilancio e alle risorse umane.

Si è guadagnato la reputazione di essere un alto funzionario energico e diligente, “ha saputo mostrare un carattere duro se ha tenuto un documento vicino al suo cuore”, testimoniando un diplomatico durante la sua prima visita alle aziende europee.

Nel 2016, il diplomatico sempre sorridente e schietto dimostra la capacità di pacificare e creare consenso, essendo già stato un inaspettato finalista all’elezione per la carica di Segretario generale delle Nazioni Unite, che è stata infine assegnata al portoghese Antonio Guterres.

Banca mondiale n. 2 Kristalina Georgieva (AFP / JOE KLAMAR) il 18 dicembre 2018 a Vienna

Banca mondiale n. 2 Kristalina Georgieva (AFP / JOE KLAMAR) il 18 dicembre 2018 a Vienna

Da bambina, è stata descritta come una bambina che “non ha mai tolto la testa dai suoi libri”.

Suo padre, Evan, era un tecnico stradale nella Bulgaria comunista, dove Kristalina Georgieva nacque il 13 agosto 1953, l’anno in cui morì Stalin.

Parla correntemente il russo e ha sviluppato un buon rapporto con Mosca durante i suoi anni come direttore russo della Banca Mondiale tra il 2004 e il 2007.

Politicamente, la madre di un bambino non ha mai ricoperto una posizione elettiva nel suo paese, ma non ha perso l’opportunità di esemplificare la sua patria.

Dt / mlb

READ  Due navi da guerra russe e americane si sono scontrate in acque giapponesi